×
×
☰ MENU

ciclismo

Giro d'Italia, l'eritreo Girmay nella storia, battuto Van der Poel. Lopez mantiene la maglia rosa - Ordine d'arrivo e classifica

Giro d'Italia, l'eritreo Girmay nella storia, battuto Van der Poel. Lopez mantiene la maglia rosa

17 Maggio 2022,18:00

La chiamano nuova frontiera del ciclismo o, più semplicamente, è il nuovo cha avanza e si propone in modo sempre più vincente. Il vento dell’Africa soffia adesso anche sul Giro d’Italia e arriva a spazzarlo dopo 104 edizioni e 10 tappe, ma soprattutto dopo una frazione durissima come solo nelle Marche, fra muri, brevi e ripide discese, attacchi implosi.
Avrebbe potuto (e dovuto) essere la tappa di Mathieu Van der Poel è stata quella di Biniam Girmay, primo eritreo a vincere una classica del nord (la Gand-Wevelgem), che si è imposto dopo uno sprint a due, rivoluzionando le gerarchie storiche del ciclismo. Il primo a congratularsi con lui è stato proprio l'olandese, figlio e nipote d’arte, poco dopo il traguardo. «E' una giornata storica, davvero straordinaria per me, è la prima vittoria in una grande corsa a tappe - dice Girmay -: nel finale ho dovuto rallentare un pò, poi sono andato a tutta e controllato la bici con grande attenzione. Gli ultimi 400 metri sono stati interminabili per me, dopo una giornata così dura. Fin dall’inizio hanno attaccato in tanti, alla fine siamo rimasti quasi in due».
La tappa odierna è stata disputata nel segno di Michele Scarponi, con tanto di passaggio nella 'suà Filottrano, in provincia di Ancona, poco più di 5 anni dopo l’incidente che stroncò la vita del vincitore del Giro d’Italia 2011. Un nuovo murales in memoria di Scarponi è stato esibito nella curva maledetta, sulla Provinciale 362, dove il 22 aprile 2017 il campione marchigiano perse la vita, investito da un furgone, mentre si stava allenando sulle strade di casa in vista di una nuova avventura al Giro d’Italia.
Sui muri delle Marche, spesso teatro delle tappe della Tirreno-Adriatico, i favoriti sono venuti presto allo scoperto, lo hanno fatto soprattutto Alessandro De Marchi e Mathieu Van der Poel, specialisti di questo tipo di tracciati. Ma c'è stata gloria anche il solito Mattia Bais e Lawrence Naesen. Ha tenuto quasi fino alla fine, ed è stata una vera sorpresa, anche Arnaud Demare, con la maglia ciclamino addosso, così come Fernando Gaviria e Giacomo Nizzolo. Caleb Ewan e Mark Cavendish, invece, sono sprofondati, soffrendo le pene dell’inferno. L’avventura di De Marchi si è conclusa ai -20 chilometri dall’arrivo. Sulla salita di Monsano è esplosa la corsa, con Pozzovivo e Nibali nelle primissime posizioni. A 4 chilometri dal traguardo lo scatto di Van der Poel, inseguito da Girmay, poi il gran finale, con l’africano primo sul traguardo. Fino ad alcuni anni addietro sarebbe stato impensabile. Ottimo il terzo posto di Vincenzo Albnanese: una nota azzurra nel deserto dell’attualità.
Domani, da Sant'Arcangelo di Romagna (Rimini) a Reggio Emilia i corridori potranno tirare un sospiro di sollievo e Juan Pedro Lopez Perez potrà conservare ancora la maglia rosa. Nemmeno lo spagnolo stesso ci avrebbe creduto.

Questo l’ordine di arrivo della decima tappa del Giro d’Italia 2022, la Pescara-Jesi, di 196 chilometri:
1. Biniam Girmay ERI (Intermarché) in 4h32'07"
2. Mathieu Van der Poel NED (Alpecin-Fenix) s.t.
3. Vincenzo Albanese ITA (Eolo-Kometa) s.t.
4. Wilco Kelderman NED s.t.
5. Richard Carapaz COL s.t.
6. Koen Bouwman NED s.t.
7. Romain Bardet FRA s.t.
8. Pello Bilbao ESP s.t.
9. Joao Almeida POR s.t. 10. Mauro Schmid SUI s.t. 15. Vincenzo Nibali ITA s.t. 17. Alejandro Valverde ESP s.t. 18. Domenico Pozzovivo ITA s.t. 25. Juan Pedro Lopez ESP s.t.

La classifica

Queste le classifiche del Giro2022 dopo la decima tappa, la Pescara-Jesi, di 196 chilometri:

MAGLIA ROSA (classifica a tempo)
1. Juan Pedro Lopez ESP (Trek-Segafredo) in 42h24'08"
2. Joao Almeida POR (Uae Team Emirates) a 00'12"
3. Romain Bardet FRA (Team DSM) a 00'14"
4. Richard Carapaz COL a 00'15"
5. Jai Hindley AUS a 00'20"
6. Guillaume Martin FRA a 00'28"
7. Mikel Landa ESP a 00'29"
8. Domenico Pozzovivo ITA a 00'54"
9. Emanuel Buchmann GER a 01'09" 10. Pello Bilbao ESP a 01'22" 

 
MAGLIA AZZURRA (miglior scalatore)
1. Diego Rosa ITA 83 punti
2. Koen Bouwman NED 69
3. Lennard Kamna GER 43 MAGLIA CICLAMINO (classifica a punti)
1. Arnaud Demare FRA 151 punti
2. Biniam Girmay ERI 148
3. Mathieu Van der Poel NED 90 MAGLIA BIANCA (miglior giovane)
1. Juan Pedro Perez ESP in 42h24'08"
2. Joao Almeida POR a 00'12"
3. Thymen Arensman NED a 01'27" 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI