Sei in Altri sport parma

TENNIS

L'impresa di Arnaboldi: ha battuto Barrere, prima testa di serie

Avanti anche Vanni: ha battuto il francese Mathias Bourgue al tie break del terzo 

di Vittorio Rotolo -

05 novembre 2020, 10:47

L'impresa di Arnaboldi: ha battuto Barrere, prima testa di serie

Comunque andrà a finire Andrea Arnaboldi ha già scritto la sua meravigliosa favola agli Internazionali di Tennis «Città di Parma». 
Il 32enne tennista milanese, che era stato eliminato domenica scorsa al secondo turno delle qualificazioni per mano di Luca Vanni e in seguito ripescato come lucky loser nel tabellone principale, si è reso protagonista ieri di una grandissima impresa.
 Arnaboldi ha battuto in tre set la testa di serie numero uno del seeding parmigiano, il francese Gregoire Barrere per 4-6, 6-2, 6-2.
 Arnaboldi, dopo aver ceduto di misura il primo parziale, ha cominciato a macinare gioco mettendo Barrere alle corde con un tennis regolare. 
Domani  nei quarti l’azzurro affronterà il portoghese Frederico Ferreira Silva, passato grazie al forfait del suo avversario, Constant Lestienne.
Al Palaraschi, in questo secondo turno del tabellone principale, la «sfida» Italia-Francia ha premiato nuovamente i colori azzurri con il successo di Luca Vanni, che ha dovuto impiegare quasi 2 ore e mezzo per avere la meglio su Mathias Bourgue, piegato solo al tie-break del terzo set. 
Il 35enne Vanni, che a Parma sembra stia vivendo una sorta di «seconda giovinezza», ha fatto suo sempre al tie-break il primo parziale, cedendo invece il secondo (2-6). 
Si ferma invece la corsa di Matteo Viola, sconfitto dall’altro francese Quentin Halys. Il tennista di Mestre conquista il primo set (6-4), perde il secondo (3-6) e si arrende definitivamente al tie-break del terzo.
Approda ai quarti pure il britannico Liam Broady, che si è imposto sullo sloveno Blaz Kavcic: 6-1, 5-7, 6-3 il finale.
Il secondo turno si completa oggi. Al Palaraschi, nel primo incontro della giornata (ore 11) in campo, contro lo   statunitense Maxime Cressy, il pesarese classe 2003 Luca Nardi, entrato nel main draw di questo Atp Challenger 80 targato Mef Tennis Events grazie ad una wild card. 
Quindi Lorenzo Musetti se la vedrà con Roberto Marcora. 
Interessante, infine, la sfida tra il tedesco Cedrik-Marcel Stebe (testa di serie numero 7 del torneo) ed il belga Kimmer Coppejans.