Sei in Altri sport parma

KIARA FONTANESI

"Entro nella Gasgas: la moto giusta per vincere il settimo mondiale"

di Filippo Delmonte -

07 novembre 2020, 10:54

"Entro nella Gasgas: la moto giusta per vincere il settimo mondiale"

Kiara Fontanesi si veste di rosso Gasgas. È dunque andato a segno il primo colpo di mercato per proiettarsi nell'edizione 2021 del campionato mondiale di motocross femminile. 

Il glorioso marchio spagnolo, produttore di moto da trial, cross ed enduro, dal 2019 è controllato da Ktm che lo ha rilanciato.

Ora la strategia della Casa madre è quella di promuoverlo nell’ambito delle corse. Da qui la formazione ufficiale 2020 in MXGP e ora lo status di pilota ufficiale assegnato a Kiara Fontanesi per il prossimo torneo iridato. 
Nella stagione conclusa da poche settimane la sei volte campionessa del mondo, rientrata in pista quest’anno dopo la gravidanza, ha corso con la Ktm trovandosi subito a suo agio.  Ora la promozione sulla Gasgas, che ha provato giovedì. «Sono molto soddisfatta dell’accordo con Gasgas per la prossima stagione - racconta raggiante -  La moto mi piace moltissimo. Già nella stagione appena conclusa ho potuto apprezzare il potenziale della Ktm, per me fantastica. Ora si cambia marchio, ma le sensazioni sono le medesime. Penso che potremo toglierci tante soddisfazioni. Già prima del lockdown avevamo iniziato a parlare di una futura collaborazione e in questi mesi abbiamo messo a punto tutti i piani e ora eccomi qui ad annunciare l’accordo. Sono veramente entusiasta perché sento che nello staff credono in me e nel team. Abbiamo fatto il foto shooting, oltre a qualche test,  e non era mai capitato che ci fossi solo io in pista per una giornata privata. Non vedo l’ora di iniziare i test e la stagione 2021».

Kiara sarà pilota ufficiale del  team spagnolo e potrà dunque contare su un mezzo competitivo che verrà affidato al Team Fonta MX. Un bel riconoscimento a fronte dei titoli conquistati e del lavoro svolto in questi anni dal sodalizio parmense. 
In attesa del prossimo anno, facciamo un passo indietro e torniamo al mondiale appena conclusa: quarto posto finale, in lizza per il numero 1 fino alla fine. «Sono soddisfatta per questo quarto posto e per come è andata la stagione. All'inizio non credevo di poter lottare per il titolo mondiale fino alla fine. Dopo avere partorito a novembre, ho avuto poco tempo per preparare la stagione. Non credevo che il mio fisico rispondesse subito così bene». Pur senza conquistare il settimo titolo iridato, «sono migliorata come atleta, sia dal punto di vista psicologico che fisico, ma anche tecnico. Con la Ktm ho instaurato subito un ottimo feeling. Quindi è andata bene. È stato un campionato combattuto e fino a Trento, ultimo round, sono stata in lizza per la tabella numero 1. Di più non potevo chiedere. Ci sono stagioni che riesci a vincere il mondiale senza particolari problemi, poi ci sono stagioni come questa che ti arricchiscono. Un bel 2020, che poi ha portato in dote l’accordo con Gasgas. Mi sento molto bene e motivata per il prossimo campionato, che sarà tosto anche perché le avversarie vanno molto forte, su tutte la Duncan che stimo molto come persona e pilota. Sono convinto che anche l'anno prossimo potrò dire la mia».