Sei in Altri Sport

golf

Domani il via al Pga Championship: è di nuovo Molinari contro Tiger

15 maggio 2019, 12:13

Domani il via al Pga Championship: è di nuovo Molinari contro Tiger

Da Tiger Woods a Francesco Molinari, i big mondiali si affrontano nel PGA Championship per sollevare al cielo il Wanamaker Trophy. A Bethpage, nello stato di New York,  da domani va in scena la centunesima edizione di un Major che, per la prima volta dal 1949, si disputa a maggio e non più ad agosto. Da «ultima» a «seconda occasione per la gloria": in palio record e leadership mondiale. Dopo il successo nel Masters Tournament Woods è l’uomo più atteso della rassegna. Il campione californiano tenterà di replicare l’impresa firmata diciassette anni fa quando diventò il sesto player nella storia del golf a conquistare i primi due tornei dell’anno del Grande Slam. 
Sfida nella sfida tra «Big Cat» e «Chicco» Molinari, che vuole cancellare la delusione Masters. Sarà subito testa a testa, nei primi due round, tra l’americano e l’italiano. Entrambi dovranno fare i conti pure con Brooks Koepka, campione in carica e, per i bookmaker, tra i grandi favoriti al titolo. L'uomo degli ultimi Major (due successi nel 2018 e uno nel 2017) punta al back-to-back. L’ultimo a riuscirci fu proprio Woods nel 2006-2007. 
Sul green del Bethpage Black Course (dove si disputerà la Ryder Cup 2024), che per la prima volta ospita il PGA Championship, Dustin Johnson punta a difendere la leadership mondiale. Ma sono ben quattro i player che, con un trionfo, potrebbero scalzarlo dal trono. Oltre a Justin Rose, Koepka e Rory McIlroy, ad insidiarlo ecco pure Woods. Per tornare «re" Tiger deve vincere e sperare non solo che Johnson finisca fuori dai primi dieci classificati a Bethpage, ma anche che Rose e Koepka (rispettivamente numero 2 e 3 del ranking) terminino il torneo oltre la seconda posizione. 
Assenza pesante a New York. Con Justin Thomas (numero cinque al mondo) costretto al forfait per un infortunio al polso. «Sfortunatamente - l’annuncio dello statunitense - non sono ancora guarito. Peccato, questo torneo è davvero speciale per me». Al suo posto giocherà il connazionale Kelly Kraft. Saranno centocinquantasei i player in campo, con Jordan Spieth che darà l’assalto al titolo per coronare il sogno Grande Slam. «Dovrò dare il meglio di me - le dichiarazioni del venticinquenne di Dallas - e limitare gli errori. Solo così potrò farcela». 
Con cinque successi a testa Walter Hagen e Jack Nicklaus vantano il record di trionfi nel torneo. Con Woods, fermo a quattro (l'ultimo nel 2007), che dopo aver ricevuto da Donald Trump la medaglia presidenziale della libertà punta ad emulare le due leggende americane e realizzare la sedicesima impresa Major in carriera. «L'atmosfera che ci sarà a New York - le parole di Joe LaCava, caddie di Woods - sarà elettrizzante. Non riesco nemmeno a immaginarla ma sono certo che la cornice sarà unica». 
Nel 2018 Woods (che a Bethpage ha già vinto gli US Open 2002 superando Phil Mickelson, uno dei suoi grandi rivali di sempre) chiuse il torneo in seconda posizione a due colpi da Koepka, con Molinari sesto. Mentre il miglior risultato del piemontese - che torna in campo dopo l’uscita al taglio nell’RBC Heritage (PGA Tour) - è l’argento del 2017 (quando trionfò Thomas). (ANSA). 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA