Sei in Altri Sport

Università e automobilismo

Formula Sae a Varano: in pista gli studenti

26 luglio 2019, 14:54

Chiudi
PrevNext
1 di 13

Oltre 2.600 studenti provenienti da 21 paesi, in rappresentanza di un’ottantina di team universitari. Un vero e proprio esercito di ragazzi animati dalla medesima passione: quella per il mondo dell’automobile. A tal punto da portare avanti per mesi, si inizia infatti dall’autunno per essere pronti nell’estate successiva, singoli progetti innovativi che non si limitano alla realizzazione pratica di monoposto e prototipi di ultima generazione, ma ci aggiungono anche una simulazione finanziaria, con l’ambizione di trasformarsi un giorno in una start-up capace di competere sul mercato, oltre che sull'asfalto. 
E’ lo scenario della 15/esima edizione di "Formula Sae Italy, Formula Electric Italy & Formula Driverless", competizione tecnico-sportiva dedicata agli studenti di ingegneria di tutto il mondo, organizzata per il terzo anno consecutivo da Anfia, l'Associazione nazionale filiera industria automobilistica. A ospitarla il circuito di Varano dè Melegari, intitolato a Riccardo Paletti, a due passi dalla casa della storica Dallara. 

Video: in giro per i paddock


Nel suo paddock, uno a fianco all’altro, si susseguono gli stand degli atenei. Università e politecnici di mille bandiere: dall’Italia, presente con una ventina di realtà, alla Germania, la più strutturata, senza dimenticare la Grecia, l’Egitto, l'Israele, l’India e l’Estonia. Una sorta di "Giochi senza Frontiere" dell’automotive, che quest’anno si è aperta ancora di più alle vetture elettriche (con 8 nuovi partecipanti) e ha ampliato la presenza della guida senza pilota, dopo l’esordio dell’anno scorso. 

Video: show della Dallara
I team (divisi in 4 categorie: combustione interna, elettriche, guida autonoma e semplici progetti) si sfidano in una serie di prove statiche e di movimento. Le prime riguardano il 'Cost Event', un’analisi dei costi, il "Design Event", che riguarda la progettazione e lo stile dei modelli, e "Business Presentation Event", ovvero la presentazione di un modello finanziario legato al prototipo presentato. I verificatori passano di box in box a controllare i modelli e interrogare i ragazzi, finendo il più delle volte stupiti e ammirati dalle soluzioni degli studenti. In pista, invece, ci si affronta su accelerazioni, frenate, skid pad, autocross e endurance. Partecipare non è semplice. Implica un lungo lavoro di preparazione: i team, formati da 20-30 persone, si ritrovano in autunno per mettere a punto il progetto dell’estate successiva e devono seguire regole precise per la sua realizzazione. 
Ma al di là della competizione, la manifestazione è un’occasione di incontro tra ragazzi di tutto il mondo (per loro è stato anche attrezzato un campeggio da 1.600 posti) che possono mettere alla prova le proprie competenze concretamente sul campo e provare a costruirsi un futuro di fronte ai rappresentanti delle maggiori aziende del settore, che vengono a Varano proprio a caccia di nuove idee e soprattutto nuovi talenti.