Sei in Altri Sport

Sentenza

Magnini: il Tas annulla la squalifica

Cancellato lo stop di quattro anni per doping. L'urlo del campione: «La verità viene fuori» 
 

28 febbraio 2020, 14:22

Magnini: il Tas annulla la squalifica

LOSANNA  «La verità viene a galla, per favore fatemi un’Ansa con le crocette: tutto il mondo deve sapere che questo incubo è finito». Urla al telefono la sua felicità, Filippo Magnini: la notizia che aspettava da più di tre anni è arrivata in un giorno qualsiasi di fine febbraio mentre stava sul divano con la sua compagna Giorgia Palmas. 
Il Tribunale arbitrale dello sport di Losanna lo ha riabilitato in pieno, annullando la sentenza a quattro anni di stop per doping comminata dal Tna italiano in tutte e due i gradi di giudizio.
 Un ribaltone clamoroso che mette fine all’incubo per l’ex campione del nuoto azzurro, due volte iridato nei 100 stile, capitano e punto di riferimento per anni dell’Italnuoto.
 «Quando mi ha chiamato l’avvocato ho cominciato a tremare e ho abbracciato Giorgia: il capitano è tornato, le ho detto. Ho sempre avuto fiducia, sapevo di essere nel giusto. E ora voglio urlare a tutti la mia gioia per questa sentenza che mi riabilita».
La vicenda ha messo a dura prova Superpippo: nel 2018 la giustizia sportiva lo aveva condannato al massimo della pena dando seguito all’accusa di uso o tentato uso di doping. 
Magnini era finito nel mirino degli inquirenti per la frequentazione con il medico pesarese Guido Porcellini (lui sotto processo penale, il nuotatore mai nemmeno indagato) col quale, secondo l’accusa, l’azzurro aveva concordato l’acquisto di sostanze dopanti mascherate sotto la definizione di «integratori plus».
Accuse che Magnini, in tutti i gradi di giudizio, aveva puntualmente respinto durante le lunghe audizioni. 
Ma per i giudici non c'era nessun dubbio: ed a maggio dello scorso anno arriva la conferma in appello con riconosciuta la colpevolezza dell’ex nuotatore. 
Però Magnini, sebbene ormai ritirato dall’attività agonistica, non ha mai smesso di portare avanti la sua battaglia. «Ho sentito le urla di gioia del mio avvocato e ho capito che ce l’avevamo fatta - racconta Magnini - che avevo vinto. Ho sempre avuto fiducia in questi anni durissimi: sono passati tre anni e mezzo dal primo articolo che mi accusava di tentato doping. Quel giorno è arrivato e ora sono la persona più felice del mondo».
Serviranno due mesi per conoscere le motivazioni che hanno portato i giudici svizzeri a ribaltare completamente l’operato dei colleghi italiani. 
Intanto Magnini si gode la luce fuori dal tunnel e rilancia. «E’ sempre stato così, le gare le ho vinte sempre negli ultimi metri»,  ha scritto sui social Re Magno, incassando un’onda anomala di like, tra cui quello postato da Fabio Fognini.
«Mi hanno insegnato - prosegue Magnini - a non mollare mai. Sono sempre stato un atleta e una persona corretta». 
Il suo urlo di gioia non fa sentire la rabbia, che pure in questi anni non ha mancato di sfogare: «Sono stato piegato da queste accuse, ma non sono stato spezzato - racconta ora con orgoglio il campione 38enne - Lancio a tutti un messaggio positivo: di non mollare mai se avete ragione, la verità viene fuori, le cose possono funzionare». 
Alla fine «la verità vince sempre Amore mio», come  scrive la Palmas che in questi anni ha sostenuto la battaglia del nuotatore. Che adesso felice dal divano di casa si prende una rivincita maestosa e apre al futuro: «Il vostro capitano è tornato - ribadisce sorridendo -, ora può succedere di tutto». Dopo tre anni-choc sono tutti avvisati, anche in piscina.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA