Sei in Altri Sport

SUPERBIKE

Gp Australia, Gara1 equilibrata, la spunta Razgatlioglu

29 febbraio 2020, 08:41

Gp Australia, Gara1 equilibrata, la spunta Razgatlioglu

 Si apre con un arrivo in volata il Mondiale 2020 di Superbike. Sul circuito di Phillip Island è Toprak Razgatlioglu, in sella alla Yamaha, a vincere gara 1 precedendo Alex Lowes (Kawasaki), Scott Redding (Ducati) e il compagno di squadra Michael van der Mark, tutti racchiusi in appena 137 millesimi. Prova emozionante sin dalle prime battute quando Tom Sykes (Bmw), partito dalla pole, viene subito scavalcato dal campione del mondo Jonathan Rea (Kawasaki). I due si toccano e Rea finisce nella ghiaia rientrando poi in 18^ e ultima posizione. La sua gara però termina con la caduta avvenuta al quinto giro alla curva 8. Al secondo giro Redding supera Van der Mark alla curva 1 e va a prendersi la seconda posizione alle spalle di Sykes. Il pilota della Bmw deve alla fine cedergli il passo, scivolando poi al sesto posto perchè scavalcato anche da Van der Mark e Razgatlioglu prima e da Lowes e Leon Haslam (Team HRC) poi. Redding resta però in testa alla gara solo per tre giri prima di essere superato da Razgatlioglu e da van der Mark alla 14^ tornata. A otto giri dalla fine il turco è al comando e il compagno di squadra è subito alle sue spalle. Per quattro giri rimane in testa prima di scambiare il primo posto con l’olandese. 
La gara è molto equilibrata e i primi quattro riescono a staccare Sykes e Haslam. Razgatlioglu batte Lowes e Redding: i tre sono separati da soli 41 millesimi e van der Mark paga poco più di un decimo. Haslam riesce a conservare la quinta posizione dall’attacco del suo compagno di squadra Honda Alvaro Bautista, che scattato dalla 15^ casella in griglia rimonta fino al sesto posto finale. Dopo la caduta nella Tissot Superpole che non gli ha permesso di completare un giro con la gomma da qualifica lo spagnolo chiude così a solo mezzo secondo dall’altra Honda. Loris Baz (Ken Tate Racing Yamaha) è il migliore dei piloti indipendenti e conquista la settima piazza. Il compagno di squadra di Redding in sella alla Ducati, Chaz Davies, porta a casa l'ottavo posto davanti a Sykes, nono. L’italiano Michael Ruben Rinaldi (Team Goeleven) arriva a soli 12 millesimi da Sykes che perde molto terreno nelle fasi finali. Il suo compagno in Bmw, Eugene Laverty, è undicesimo a soli 27 millesimi da lui. L'esordiente Federico Caricasulo (Grt Yamaha) ha la meglio su Sandro Cortese (Outdo Kawasaki TPR) per la 12^ posizione mentre il compagno di squadra Garrett Gerloff termina la sua prima gara nel Mondiale Superbike con il 14esimo posto. Nella notte italiana nuovo doppio appuntamento con la Superpole Race e Gara 2.