Sei in Calcio

Coronavirus, Ceferin "ripartire rispettando gli impegni assunti"

16 maggio 2020, 12:09

Coronavirus, Ceferin

"L'Italia e' uno dei grandi paesi calcistici europei e il suo campionato ha una valenza essenziale, e' visto da molti sportivi anche al di fuori dei suoi confini. La pandemia ha messo in ginocchio l'intera economia e non solo il calcio. Assoluta priorita' alla salute pubblica, ci mancherebbe, ma come tutti gli altri settori anche noi abbiamo il dovere di ripartire rispettando gli impegni che ci siamo assunti". Lo ha detto il presidente della Uefa, Aleksander Ceferin, in un'intervista a 'Il Corriere dello Sport'. "Le competizioni nazionali e quelle europee sono fisiologicamente collegate - spiega il 52enne dirigente sloveno, numero uno dell'organismo europeo - e noi vogliamo in Europa club che abbiano vinto i campionati e le coppe nazionali, qualificandosi sulla base dei risultati. E' l'essenza dello sport, non solo del calcio". L'assenza del pubblico segnera' la ripartenza dei prossimi campionati: "Temo che per un certo periodo non sara' possibile far entrare il pubblico negli stadi. Spero che si tratti di una parentesi non troppo lunga, dopodiche' rivedremo finalmente gli impianti pieni di appassionati entusiasti. Lo vogliamo tutti - conclude Ceferin - Io per primo".