Sei in Calciomercato

Cellino chiude definitivamente le porte del Brescia a Balotelli

"Scontato, in un certo senso, che con la testa non sia più con noi. Ma gli volevo bene", l'amara constatazione.

27 maggio 2020, 23:17

Cellino chiude definitivamente le porte del Brescia a Balotelli
Massimo Cellino chiude in maniera forse definitiva le porte del Brescia a Mario Balotelli, pur non nascondendo di farlo a malincuore.

Il presidente delle Rondinelle è tornato a parlare del suo attaccante, di nuovo al centro sportivo di Torbole Casaglia dopo aver saltato l'allenamento di martedì. Un ritorno che però non ha chiuso il caso che è nuovamente esploso intorno a lui. E che ormai certifica il suo ruolo di corpo esterno della squadra.

"Mario è un ragazzo particolare. Scontato, in un certo senso, che con la testa non sia più con noi - ha esordito Cellino -. Ma in questo non c'è nulla di diverso da come è sempre stato". E il presidente biancazzurro è passato dalla frecciata a una dolorosa confessione: "Gli volevo bene. Speravo che l'aria di casa e la voglia di Nazionale bastassero per farlo andare bene. Siamo tutti delusi".

Cellino si è quindi interrogato sui perché di questo flop: "C'entra anche la sua gestione. In particolare all'inizio, quando c'era Corini che gli voleva bene e forse l'ha anche un po' viziato. Per esempio alcuni dei suoi ritardi erano accettati. Imputare tutto a lui però è sbagliato, credo che la delusione ci sia anche da parte sua".

Cellino chiude definitivamente le porte del Brescia a Balotelli