Sei in Rugby

rugby

Le Zebre e il nuovo logo multicolor: scende in campo l'inclusività

17 luglio 2020, 13:00

Le Zebre e il nuovo logo multicolor: scende in campo l'inclusività

In vista della prossima stagione sportiva 2020/21 oltre alle novità tecniche ed al nuovo manto dello Stadio Sergio Lanfranchi già annunciati, ci saranno altre novità per le Zebre.
Una riguarda il restyling cromatico del logo della franchigia federale; anche il simbolo del club infatti adotterà il motivo multicolor, uno dei simboli distintivi di Zebre Rugby Club ormai entrato nel cuore di tifosi ed addetti ai lavoro. Il significato inclusivo di questo innovativo motivo multicolor è quello di rappresentare i colori di tutti i club italiani sui campi d’Europa e Sudafrica.
A partire dalla gara contro i sudafricani Cheetahs del 28 ottobre 2017, sulla maglia da gioco delle Zebre il classico motivo zebrato sono si è colorato delle tinte tipiche dell’arcobaleno. Un brand molto riconoscibile che negli ultimi anni ha riscosso un ottimo riscontro tra la stampa di settore femminile, nei tifosi e pure nel mondo dell'abbigliamento sportivo.
Il nuovo logo mantiene sul muso della zebra stilizzata le strisce dei colori della bandiera del nostro Paese -bianco, rosso e verde- a ribadire l’orgoglio del club nel rappresentare il movimento italiano all’estero. Sulla criniera della zebra ora compaiono i cinque colori presenti nel pattern ideato dalle Zebre, segno distintivo nel panorama mondiale ovale della franchigia di base a Parma.
Questa nuova immagine multicolor ideata da Zebre Rugby Club ha evoluto il concetto d’inclusione non solo ai club ovali italiani, ma ad un livello più generale e sociale grazie a diverse iniziative inclusive e di rispetto della diversità che hanno caratterizzato l’attività della società: tra le altre si ricorda il sostegno ai diversamente abili di Special Olympics dell’Aquila ed al gemellaggio con la Polisportiva Gioco di Parma, quello alla squadra di rugby dei carcerati “La Drola-Ovale oltre le sbarre” di Torino, la realizzazione del calendario Rainbow 365 contro l’omofobia realizzato insieme a Libera Rugby ed al sostegno alla formazione de Le Tre Rose Nere composta interamente da richiedenti asilo.