Sei in Rugby

rugby

Zebre, la gioia di "Gullo" Palazzani per i suoi 140 caps

12 gennaio 2021, 17:12

Chiudi
PrevNext
1 di 19

Sabato 09 gennaio vittorioso confronto delle Zebre che si sono imposte per 22 a 18 contro gli storici avversari della Benetton al termine di 80 minuti di gioco che hanno regalato azioni divertenti e un continuo avvicendamento nella corsa al successo.
Tra gli interpreti della franchigia del nord- ovest, l’indomito mediano di mischia Guglielmo “Gullo” Palazzani: il quale entrato in campo al 25 del primo tempo, ha preso in mano le redini della mischia che, condotta magistralmente da un sempre presente capitan David Sisi (nominato da Sean Holley, analista del rugby britannico, “l’eroe” della settimana per leadership nella franchigia ducale), è stata l’artefice del successo bianconero. 
Il doppio successo consecutivo delle Zebre contro la Benetton, cosa che non si verificava da cinque anni, ha il sapore delle grandi imprese della franchigia ducale.
“Nell’ultimo periodo abbiamo dimostrato un buon livello di forma a partire dalle ultime due partite in Challenge contr Bayonne e Brive e successivamente dai due derby vinti contro Treviso in Guinness PRO14. Risultati fondamentali sia per noi giocatori, che per il club” queste le parole di Gullo, che prosegue: “Il successo è della squadra ma soprattutto imputabile ai ragazzi del pacchetto di mischia; sono stati molto determinati e performanti, hanno distrutto la mischia avversaria, tolto alla Benetton punti di riferimento, e creato confidenza e fiducia in tutta la nostra squadra”. L’11 gennaio la EPCR ha deciso per motivi precauzionali relativamente alla variante inglese del Covid19 di sospendere la Challenge Cup, al riguardo Palazzani commenta così: “E’ un peccato non giocare contro Brive, nella gara di ritorno programmata al Lanfranchi il 16 gennaio visto il nostro momento particolarmente favorevole. D’altra parte useremo il tempo a disposizione per recuperare energia, e soprattutto per migliorare i punti deboli. Cerchiamo di controllare quello che dipende da noi e che possiamo modificare. Andiamo avanti nel nostro lavoro quotidiano per toglierci altre soddisfazioni, con serenità e fiducia nei nostri mezzi”.

Tommaso Villani