Sei in Rugby

RUGBY

L'appello di Rainieri: "Parma non deve perdere le Zebre"

"Il nuovo presidente della Fir le vuole spostare a Padova"

17 marzo 2021, 16:15

L'appello di Rainieri: "Parma non deve perdere le Zebre"

“Parma e l’Emilia-Romagna non devono perdere le Zebre Rugby”. Lo ha dichiarato il vicepresidente dell’assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ed esponente della Lega, Fabio Rainieri, in merito all’ipotesi sostenuta dal neo eletto presidente della Federazione Italiana Rugby, Marzio Innocenti, per cui la franchigia che ha sede nella città ducale a cui sono affiliate varie società storiche del Nord Ovest ed emiliane, possa trasferirsi in altre realtà, più probabilmente Padova visto l’interessamento della società Petrarca di acquistarla.

“Sarebbe una gravissima perdita per Parma, che tra l’altro ha visto nel recente passato un importante investimento sullo stadio Sergio Lanfranchi proprio per poter ospitare incontri di palla ovale di grande livello, ma anche per tutta l’Emilia-Romagna in quanto alle Zebre sono affiliate molte delle storiche società di rugby emiliane, dai Lyons di Piacenza, al Rugby Piacenza, al Valorugby di Reggio Emilia ed al Rugby Bologna 1928 oltre che la Rugby Parma – ha proseguito Rainieri –. Ho pertanto chiesto con una interrogazione alla Giunta regionale di attivarsi per cercare di impedire che l’Emilia-Romagna perda non solo la vetrina del rugby professionistico internazionale per club rappresentata dalla partecipazione delle Zebre al campionato Guinness pro14 ed alle più importanti coppe internazionali, ma anche il grande patrimonio di tradizione sportiva che praticanti e amanti del rugby lungo la via Emilia hanno guadagnato in più di 90 anni di passione per questo bellissimo sport. Ma anche dal punto di vista del movimento rugbistico attuale è insensato che l’area rappresentata da Parma non sia più rappresentata nel rugby che conta a livello internazionale. Basti pensare che delle 10 squadre che militano nel massimo campionato nazionale 4 provengono dal territorio di cui Parma può essere considerato l’epicentro: Rugby Colorno, Viadana Rugby, Valorugby Emilia  e Lyons Piacenza. Nei prossimi giorni cercherò di mettermi in contatto con i neo consiglieri federali emiliani Antonella Gualandri di Reggio Emilia  e Carlo Orlandi di Piacenza, nonché Gianni Fava di Viadana per valutare quali azioni la politica può intraprendere – ha concluso l’esponente leghista – Ma è una partita dalla quale le istituzioni del territorio a partire dal comune di Parma e dalla Regione Emilia-Romagna, che con Bonaccini negli anni ha rivendicato un interesse particolare per lo sport, non possono star fuori”.