×
×
☰ MENU

Tra le torri e le segrete dove vagano i fantasmi

Tra le torri e le segrete dove vagano i fantasmi

di Luca Pelagatti

09 Ottobre 2021,12:34

Vino, castagne, i colori delle foreste e il piacere dell'aria fresca. Questi sono gli ingredienti dell'autunno sulle Alpi, la stagione migliore per andare a scoprire anche attrazioni e tesori architettonici troppo spesso dimenticati. 

E il caso dei castelli del Trentino (www.visittrentino.info)  che oltre che luoghi pieni di bellezza sono anche scrigni di storia. Delle genti del territorio e delle famiglie che ne furono proprietarie. Uno dei luoghi da cui partire per andare a scoprire questi castelli è senz'altro Arco, dove il castello si trova sopra l’abitato, abbarbicato su uno sperone di roccia, da cui domina la piana dell’Alto Garda.  Dell’antica fortezza sono rimaste intatte le torri, parte delle mura, alcuni edifici e all’interno si possono visitare la prigione del Sasso e la torre Grande, le cui pareti sono decorate con uno splendido ciclo di affreschi profani del Trecento. Mentre la leggenda vuole che qui si aggirino anche fantasmi come quello del  brigante veneziano, Ottavio Avogadro che nel castello nascose i suoi tesori. 

Un altra rocca da andare a visitare è Castel Romano, in valle del Chiese, costruito nel XII secolo con lo scopo di presidiare la via che collegava il Bresciano alle Giudicarie e la torre rettangolare che domina la valle è la testimonianza di quanto fosse una struttura strategica . Purtroppo fu cannoneggiato nella Prima Guerra mondiale e si sono persi gran parte dei suoi affreschi. 
Ricco di fascino è anche Castel Belfort, sull’Altopiano della Paganella, costruito intorno al 1310 con l’approvazione dei Conti di Tirolo. Poi, ovviamente, passò di mano in mano fino al 1400 quando il cavaliere Cristoforo Altspaur, proprietario del castello, impazzì e tentò di uccidere la sua terza consorte Orsola, convinto della sua infedeltà. La leggenda dice che ora Cristoforo è un fantasma assetato di vendetta e che la sua presenza aleggia ancora fra le rovine  in cerca di prove del tradimento.
lu.pe.

Da vedere
Le leggende
Castel Beseno

Nel cuore della Valle dell’Adige, Castel Beseno, su una collina tra Trento e Rovereto, è il complesso fortificato più imponente di tutto il Trentino. Le leggende raccontano delle apparizioni di un uomo vestito di rosso dinanzi ai visitatori solitari e della leggenda del cavaliere nero che nella notte dei tempi governava su Besenello tra continui soprusi. Questo cavaliere, particolarmente malvagio, spadroneggiava, facendo il bello e cattivo tempo con i popolani del villaggio di Besenello, imponendo loro tasse impossibili. Ma il popolo, stremato dalle continue angherie, un giorno assaltò la roccaforte e riuscì a scacciare definitivamente il tiranno, di cui non si seppe più nulla. Ma si narra che nelle notti di luna piena, una fiammella si aggiri tra le mura del maniero: è il fantasma del Cavaliere, condannato a vagare per l’eternità per scontare le malefatte commesse in vita.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI