×
×
☰ MENU

Quando piccolo è bello. Sciare senza la pazza folla

Quando piccolo è bello. Sciare senza la pazza folla

20 Novembre 2021,09:38

Alto Adige: quei comprensori ancora tutti da scoprire

La neve inizia ad arrivare e dopo l'anno scorso, senza sci, tutti scalpitano per tornare in montagna. Rispettando le regole ma godendosi le piste. Ma ecco però sorgere un dubbio: dove andare per riprendere a dare del tu alle lamine e alla neve? Perché ci sono i grandi comprensori, i caroselli con centinaia di chilometri di blu e di nere. Ma ci sono anche piccole località che meritano di essere scoperte soprattutto se si vuole fare una vacanza in famiglia sfruttando piste a due passi da case e alberghi,  comodamente raggiungibili con gli scarponi. 
In Alto Adige (www.suedtirol.info), ad esempio, una meta da prendere in considerazione è  Plan in Passiria – nel cuore del parco del gruppo di Tessa -dove non si sono auto ma in compenso molte idee per una rilassante vacanza invernale.  Tra le proposte, 18 km di piste da sci di diversa difficoltà e  sentieri escursionisti per ciaspolate. 
Infine, per chi ama attività più adrenaliniche,  l’opportunità di arrampicare sulla torre di ghiaccio di Corvara, tra i più grandi impianti di 
arrampicata in Europa. 
Sempre in Alto Adige, sopra Bolzano, ecco il Corno del Renon, una terrazza naturale e una piccola località sciistica che regala atmosfere rilassate e paesaggi unici. Qui ci sono circa 30 km di sentieri, spesso praticabili anche per le famiglie con passeggini e l'Anello di Ghiaccio del Renon, una pista di pattinaggio all’aperto lunga circa 400 metri – tra le più veloci al mondo –.  Anche la piccola località sciistica di Passo Oclini, sopra Aldino, propone un’offerta su misura per famiglie con bambini. Oltre i suoi 7 km di piste da sci, è possibile fare escursioni con le ciaspole e l’area è amata anche da chi pratica sci di fondo che può scegliere tra due tracciati di differenti lunghezze (uno di circa 3,5 km e l’altro di 8 km), entrambi collegati con le piste di Aldino, Monte S. Pietro, Nova Ponente e con il centro sci da fondo di Lavazè.

Info
L'ambiente, lo sci e il treno
La sostenibilità ambientale è sempre più una necessità. Ecco perché l'Alto Adige (www.suedtirol.info) ha pensato ad un sistema per cui molte piste da sci si possano raggiungere in treno. In diversi casi si può scendere dalla carrozza del treno e agganciare immediatamente gli scarponi agli sci mentre In altri ci si può fare portare direttamente agli impianti da un bus navetta dedicato. ll comprensorio sciistico di Plan de Corones per esempio, è collegato direttamente alla stazione ferroviaria di Perca, appositamente costruita per favorire l'interscambio tra il treno e la nuova telecabina RIED che sale fino alle piste, partendo proprio al fianco dei binari. Passando a Bressanone invece dalla stazione di Bressanone, partono gli skibus che in pochi minuti portano alla cabinovia Plose e al suo comprensorio.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI