14°

24°

dipendenti

Provincia: un presidio "per avere un futuro"

Ricevi gratis le news
6

Due ore di mobilitazione e presidio: è stato questo il lunedì pomeriggio dei lavoratori della Provincia, che chiedono di sapere che futuro li aspetta dopo la ristrutturazione dell'ente, che mette in discussione i loro posti di lavoro. 

Le condizioni poste dall'emendamento del governo, che sarà votato in maniera definitiva il 16 dicembre, pongono forti preoccupazioni (come affermava il documento sindacale) sulle stabilità di finanza degli Enti Provincia, e per questo motivo è necessaria estrema chiarezza nei confronti dei lavoratori.

In sintesi, dicono i sindacati, non si chiarisce che fine farà il personale al di fuori delle funzioni fondamentali, in particolare quello di supporto.

Da qui il presidio, con assemblea unitaria, svoltosi in concomitanza dell’Assemblea Provinciale dei Sindaci oggi nella sede di palazzo Giordani, in viale Martiri della Libertà.

Nel video, un momento della manifestazione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • David€

    16 Dicembre @ 10.07

    uscito dalla scuola, per un breve periodo ho avuto l'occasione di fare uno stage in provincia. Vi posso assicurare che sarà sempre troppo tardi lasciarli a casa e farli lavorare davvero

    Rispondi

    • Medioman

      16 Dicembre @ 11.48

      Non infierire: almeno, quelli che tu hai visto erano "presenti sul posto di lavoro". Pensa a tutti quelli che, invece, erano "fuori in missione"!

      Rispondi

  • annamaria

    16 Dicembre @ 01.49

    E' chiaro che se manca il lavoro, poi non c'è chi paga le tasse e non consuma. Infatti questo è il problema dell'italia: non c'è lavoro. Quello però che non si capisce è perché in questa crisi, se un'azienda privata chiude , i lavoratori vanno a spasso. I dipendenti pubblici invece non sono MAI licenziati e anche questi provinciali,il loro lavoro se lo terranno e quindi il loro stipendio. Indendiamoci, non sono affatto felice che abbiano queste incertezze di luogo di lavoro, ma la disparità con i dipendenti privati è evidente, e questo non va certo bene.

    Rispondi

  • Samuele

    15 Dicembre @ 23.31

    AAHHAH Votate pd mi raccomando !!

    Rispondi

  • federicot

    15 Dicembre @ 19.07

    federicot

    Mi verrebbe voglia di dire: a casa! Ma è un luogo comune, così come era un luogo comune dire in ogni bar o in ogni discussione parlamentar ( che tanto sono la stessa cosa) che le province andavano abolite. Non so cosa faccia queste persone addette ad attività di supporto, forse non sono indispensabili, forse se ne può fare a meno e si tagliano . SI perchè è ora di finirla con questi dipendenti pubblici che non si sa cosa facciano , al burocrazie ecc.. ecc.. ecc... Poi però scopriamo che se tagliamo 50 lavoratori a Parma forse se facciamo lo stesso a livello nazionale e fan 5000 lavoratori, che ricoprono funzioni non indispensabili, ma toh oggi ci accorgiamo che sono tanti in Italia, che hanno un reddito ( magari basso ma ce lo hanno) che hanno contrati a tempo indeterminato e che sostanzialmente CONSUMANO E CHI CONSUMA OGGI TIENE IN PIEDI L'ECONOMIA. LO DICO DA 5 ANNI CHE SIANO LAVORATORI PUBBLICI O PRIVATI LA SOLFA NON CAMBIA. OGNI POSTO DI LAVORO TAGLIATO è UN REDDITO NON SPESO E UN ALTRO PICCOLO PASSO PER ALLONTANARE LA FINE DI QUESTA CRISI. Ci è quel genio ( perchè ci cuole un genio) che ha pensato che potevamo fare senza province, così, da un giorno all'altro perchè si risparmia? e tutti quelli che dicevano si aboliamole , non servono a nulla??? Benissimo!!! aboliamole, poi però non lamentiamoci se per andare a Tizzano d'ora in poi ci sarà da fare una mulattiera non asfaltata o se una diaci cento mille o diecimila lavoratori pubblici non avranno un reddito da spendere. Ah no ...è vero ...avranno l'ASPI , la nuova disoccupazione, che paghiamo sempre noi.

    Rispondi

    • Medioman

      16 Dicembre @ 09.46

      In certi casi, è meglio pagare stipendi a persone per "farle stare a casa", piuttosto che averle in azienda a far danni. Una delle disgrazie "volute" dello statuto dei lavoratori era proprio il "reintegro": negli anni '70, c'era gente che si divertiva a sabotare le linee di produzione (veniva definito "sciopero a gatto selvaggio"); questo provocò la chiusura di stabilimenti con centinaia, o migliaia, di dipendenti, anche in provincia di Parma. E noi ci preoccupiamo di questi "quattro gatti"?

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tre figli e... un matrimonio: Hugh Grant  convola a nozze con Anna Eberstein

cinema

Tre figli e... un matrimonio: Hugh Grant convola a nozze con Anna Eberstein

L’ex gieffina Veronica Graf rilancia: presto in Italia per presentare la sua prima collezione di costumi

TELEVISIONE

Da Grande Fratello e Sex Time alla moda: Veronica Graf lancia una linea di costumi

Proposta di matrimonio sugli spalti di San Siro

Immagine da Sky Sport

MILANO

La proposta di matrimonio arriva con uno striscione... a San Siro

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna

FOTOGRAFIA

Leoni, zebre, rapaci: il fascino della natura africana vista da un giovane di Soragna Foto

Lealtrenotizie

Alimenti preparati fra sporcizia e scarafaggi: chiusi due locali in strada dei Mercati e in via D'Azeglio Foto

PARMA

Alimenti preparati fra sporcizia e scarafaggi: chiusi due locali in strada dei Mercati e in via D'Azeglio Foto

7commenti

Fidenza

Camion perde una lastra di cemento a San Michele Campagna Video

Paura per una donna incinta, al volante dell'auto dietro al camion: è stata portata al pronto soccorso

PARMA

Grosso ramo cade in via XXII Luglio: strada chiusa, disagi anche sullo Stradone Foto

Problemi al traffico nel tardo pomeriggio anche in Strada Elevata a causa di un incidente

ANTEPRIMA GAZZETTA

Uccisa un'oca al Parco Ducale: è polemica

La promozione del Parma: analisi, dati e curiosità

noceto

Esplosione alla Polveriera: un operaio di 37 anni in Rianimazione

1commento

Spavento

Bimbo scappa dalla materna. Trovato dopo mezz'ora

4commenti

regione

Via libera alle fusioni Colorno-Torrile e Sorbolo-Mezzani. Entro l'anno il referendum

REGIONE

Borgotaro: è nato il tavolo di controllo ambientale sulle emissioni Laminam

Il Tavolo di garanzia sarà coordinato da Paola Gazzolo

12 tg parma

Domenica festa-promozione con Lizhang. Serie A: ecco le date-chiave 2018-2019

Quattro squadre dell'Emilia-Romagna si affronteranno nella massima serie. Si inizia il 19 agosto

PARMA

Peppe incontra... Giuseppe: il maestro Vessicchio sulla panchina di Verdi

1commento

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

POLITICA

Intesa Lega-M5S: alta affluenza nei gazebo a Parma e provincia Video

La cronaca e le interviste del 12 Tg Parma

Polemica

Ubriachi in via D'Azeglio. Protesta dei residenti

PARMA

Intonaco pericolante: via Garibaldi chiusa questa mattina Foto

Sono intervenuti i vigili del fuoco

In strada

Ciclisti e automobilisti, convivenza difficile

7commenti

carabinieri

Lite in via Europa: accoltellato un 21enne dominicano

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quelli delle Br non furono “errori”: furono crimini

di Michele Brambilla

3commenti

L'ESPERTO

Lavorare per una società straniera: ecco come muoversi

di Daniele Rubini e Davide Manzelli

ITALIA/MONDO

ancona

Litiga con la moglie, le spara col fucile da caccia e la uccide

firenze

Albero cade su un bus turistico: 5 feriti Foto

SPORT

parma calcio

Lucarelli: "E ora possiamo dire a chi ci ha fatto male: 'Siamo tornati' " Video

2commenti

L'INTERVISTA

L'ad Carra: «Parma in A con merito e sofferenza»

SOCIETA'

Band

I Nomadi venerdì a Salso, intervista a Carletti

LA PEPPA

La ricetta Crostatine alle pesche, dolci che fanno gola a tutti

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuovo Vw Touareg, il Suv supertecnologico Foto

IL TEST

Mercedes Classe A, l'auto che parla? C'è molto di più