19°

33°

tg parma

Permesso per motivi familiari a coppia gay

Ricevi gratis le news
16

Hanno ottenuto il permesso di soggiorno per motivi familiari come accaduto per tante altre coppie. Nei tempi previsti in questi casi. Loro però sono due uomini, sposati in Argentina. In Italia, secondo la legislazione attuale, non avrebbero potuto farlo.
Pablo e Ruben hanno raccontato il loro caso in municipio, nel corso di una conferenza stampa in Comune cui hanno partecipato il sindaco Federico Pizzarotti, il vicesindaco Nicoletta Paci e l'assessore al Welfare Laura Rossi.
Pablo Torlaschi e Ruben Quiroga sono coniugi, in Argentina, da un anno e da una decina di mesi vivono a Parma. In conferenza stampa è stata sottolineata la discrepanza fra la legislazione, che non ammette il matrimonio omosessuale, e la concessione del permesso di soggiorno nel giro di un paio di mesi.


Il comunicato del Comune: 

Il sindaco Federico Pizzarotti, insieme al vicesindaco Nicoletta Paci e all'assessore Laura Rossi, ha incontrato oggi i signori Pablo e Ruben che hanno ottenuto il permesso di soggiorno per famiglia.
Pablo e Ruben hanno deciso di raccontare la loro storia a lieto fine in una conferenza stampa, perché convinti che possa servire anche ad altre persone nella loro stessa condizione.
“Quando si forma una famiglia – ha detto Pizzarotti – si fa una cosa importante. I tempi sono maturi perché anche in Italia si riconosca l'esistenza di coppie dello stesso sesso. E' una questione di civiltà e di affermazione dei diritti. Ringrazio la Questura di Parma – ha concluso il sindaco – e vi sono grato - ha detto rivolto ai due giovani - perché avete accettato di raccontare la vostra storia e per la gioia che si legge sui vostri volti”.
L'assessore Laura Rossi, che ha seguito da vicino la vicenda, ha evidenziato la contraddizione palese fra lo Stato che nega ancora il riconoscimento delle coppie omosessuali e non permette la trascrizione di matrimoni celebrati all'estero, e lo stesso Stato che, tramite i suoi organi periferici, riconosce di fatto lo status di famiglia ad una coppia gay, certificando il ricongiungimento familiare.
“Anche questa vicenda – ha invece sottolineato Nicoletta Paci – si inserisce nelle tante iniziative intraprese dal Comune di Parma , quali ad esempio il registro delle unioni civili, per l'affermazione e il riconoscimento dei diritti”.
Quello di cui si è dato conto oggi è dunque l’esito positivo di un’azione che ha visto protagonista il Comune, ed è stata condotta in stretta collaborazione tra l’Assessorato al Welfare e quello alle Pari Opportunità nell’ambito del Laboratorio Omofobia.
Si tratta di una richiesta di permesso di soggiorno “per motivi familiari”, inoltrata attraverso il Comune alla Questura di Parma, per la coppia gay coniugata in Argentina.
Pablo era già in possesso della cittadinanza italiana perché aveva nonni nati qui.
La Questura di Parma ha rilasciato il permesso di soggiorno a Ruben, riconoscendo loro a tutti gli effetti lo status di famiglia.
Il rilascio del documento è avvenuto in un clima di assoluta “normalità”, una pratica come un’altra, sbrigata in meno di due mesi.
La rilevanza è data fondamentalmente dal motivo del permesso - “motivi familiari” - e dal rilascio avvenuto per la prima volta (perlomeno a Parma) senza la necessità di interventi di tipo legale .
È un’operazione che mette in luce tutte le contraddizioni del nostro sistema che da un lato vieta il matrimonio tra persone dello stesso sesso ma che poi, non potendo non riconoscere un pubblico atto di uno Stato da noi riconosciuto come tale, di fatto lo legittima.

“Ci siamo sposati un anno fa a Buenos Aires e questo permesso di soggiorno arrivato senza problemi per noi è stata una piacevole sorpresa – ha affermato Pablo, 37 anni, che a Parma lavora come cuoco e come artista da circa dieci mesi – abbiamo scelto Parma perchè io ho una sorella che vive qui e mi ha fatto le pratiche per la cittadinanza”.
“Cercavamo un posto tranquillo – ha sottolineato Ruben, 32 anni - a Parma l'abbiamo trovato contiamo di costruire qui il nostro futuro. Avevo una Galleria d'Arte a Buenios Aires, l'ho chiusa per raggiungere mio marito in Italia, e sto già lavorando per l'allestimento di mostre”. 

La vicenda dei due giovani argentini è la dimostrazione che il Comune di Parma continua a lavorare concretamente per l’affermazione dei diritti, proponendo azioni come questa che a volte cambiano radicalmente e in positivo la vita delle persone coinvolte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Elena

    08 Settembre @ 14.54

    Ben fatto. Pizzarotti non mi piace, non l'ho votato e mi guarderò bene dal farlo alle prossime elezioni. Ma ho sufficiente onestà intellettuale da riconoscere un lavoro ben fatto a prescindere da chi lo fa. Un atto di civiltà.

    Rispondi

  • Filippo

    07 Settembre @ 19.42

    Non dovrebbe fare notizia: dovrebbe essere la normalità di un paese civile.

    Rispondi

    • SILENZIOSO

      07 Settembre @ 21.06

      La normalità sarebbe un signore con la barba di nome Ruben che chiama "mio marito" il suo compagno ? La normalità è un sindaco che sfrutta una situazione paradossale per farsi pubblicità elettorale nel bacino dei gay ? La normalità è un sindaco che nega i diritti delle famiglie con disabili per inventarsi motivi di ricongiungimento che meriterebbero l'attenzione quanto meno del prefetto ?

      Rispondi

      • salamandra

        08 Settembre @ 21.17

        La normalità è che due persone possano seguire le loro inclinazioni senza tener conto di acidi benpensanti come te.

        Rispondi

  • filippo

    07 Settembre @ 19.29

    Pizzarotti quando ti dimetti?

    Rispondi

  • Gianni Cesari

    07 Settembre @ 18.47

    giannicesari

    Il Sindaco non l'ha fatto per loro, ma per il futuro dei loro figli!

    Rispondi

  • gigiprimo

    07 Settembre @ 18.46

    vignolipierluigi@alice.it

    Giusto Oberto! Ma è meglio in Italia perché sono nei pensieri di tutti e afesso avranno tante possibilità. Però rimangono quel che sono...... a voi lardua semtenza!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Beyoncé vuole girare un video al Colosseo ma arriva lo stop: è già occupato da Alberto Angela

ROMA

Colosseo off limits per Beyoncé: è già occupato da Alberto Angela, ilarità sul web Foto

Realcake dinastico

LONDRA

Servita al battesimo di Louis la torta nuziale dei principi. Sette anni dopo

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

5commenti

Lealtrenotizie

Paura per un uomo armato di coltello

Viale Duca Alessandro

Paura per un uomo armato di coltello

2commenti

CARABINIERI

Ruba la borsa di un medico a San Secondo: arrestata 50enne Video

Anteprima Gazzetta

Processo al Parma, la rabbia di Capitan Lucarelli

PARMA

Un'auto e un camion a fuoco: doppio intervento dei vigili del fuoco Foto

Denunciato

Il commesso ruba nel proprio negozio

2commenti

MUSICA

Il concerto di Mannarino a Fontanellato: ecco chi c'era Foto

12Tg Parma

Max Bugani (5 Stelle): "Pizzarotti in Regione? Meglio di Bonaccini" Video

2commenti

POLEMICA

Onu contro il Parmigiano, Beltrami: «Grave errore demonizzarlo»

4commenti

12 tg parma

Nuovo anno scolastico, in provincia ci sono ancora 400 cattedre scoperte Video

POLEMICA

Pizzarotti: "Mangio il Parmigiano e saluto chi lo scredita"

Il sindaco di Parma pubblica un post su Facebook per inserirsi nella polemica sul caso "Onu - Parmigiano Reggiano"

Parma calcio

Carra: «Siamo ottimisti e il mercato procede ma che danno d'immagine per noi»

1commento

GAZZAREPORTER

Le foto del lettore Mattia: "Parco Ducale, quelle statue che attendono di essere ripulite"

PARMA

Tep, crescono viaggiatori e ricavi. Aumentano anche le multe

2commenti

Enpa

Gatti, è allarme randagismo

2commenti

ECONOMIA

Cft si rafforza: acquisita la maggioranza della bergamasca Comac

L'azienda è attiva nel settore delle macchine per il confezionamento della birra

corniglio

La provinciale 116 sarà interrotta per lavori a Ponte Romano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Maltrattare gli animali, tradire l'amicizia

di Filiberto Molossi

1commento

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

politica

Salvini querela Saviano: "I suoi post su Facebook ledono il ministero"

A14

Motociclista va contromano in autostrada: "Avevo dimenticato lo zainetto"

SPORT

Sport

Stelle del Fair-play brillano a Firenze

formula 1

Hamilton rinnova con la Mercedes fino al 2020

SOCIETA'

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

VERONA

Sberla in faccia a uno studente, condannata prof di matematica

MOTORI

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita