-4°

12°

MUSICA

Vasco: «Il rock italiano sono io». E riparte con il nuovo tour Video

Ricevi gratis le news
0

Il vecchio leone si prepara sornione a piazzare la sua zampata in quell'arena speciale che sono per lui gli stadi italiani. Anche dopo l’abbuffata record del Modena Park dell’estate scorsa, un evento da 225 mila persone, entrato nella storia della musica. «Qualcuno pensava che potessi smettere, fermarmi e sedermi sugli allori, ma se lo avessi fatto non sarei stato io. Non ci penso a fermarmi, anche perchè stare sul palco mi tiene in riga. Procediamo ad libitum». Vasco Rossi ha appena finito le prove del suo nuovo Vasco Non Stop Live nello studio di Rimini, davanti a un manipolo di fan adoranti. Mentre i tecnici smontano le attrezzature al quartier generale del Rockisland per trasferirle a Lignano Sabbiadoro per l'ultima tranche di prove prima del via ufficiale a Torino l’1 e 2 giugno (poi Padova il 6 e 7, Roma l’11 e 12, Bari il 16 e 17, Messina il 21, altri stadi - Milano compresa - sono stati già opzionati per il 2019), lui, il Komandante, si siede e, giocherellando con i suoi occhiali da sole, si racconta. Partendo ovviamente dalla sbornia collettiva di un anno fa che sembra avergli nuovi stimoli ed energia ("Stanno arrivando nuove canzoni. Prima della prossima estate ce ne sarà una di carattere femminile filosofico"). «Modena Park, oltre ad essere stato una seduta psicanalitica che mi ha riappacificato con me stesso e con la mia storia, è stato uno spartiacque: c'è un prima e c'è un dopo Modena. Quello è stato un evento unico, e non ci penso nemmeno a rifarlo. Magari per i 50 anni se saremo ancora qui». Anche per questo dopo aver fatto dei Live Kom un marchio di fabbrica negli anni scorsi ha deciso di cambiare rotta e di ripartire dal Vasco Non stop Live. «Sì, come il Neverending tour di Dylan, con le dovute differenze ovviamente e senza puntare al Nobel». E la prima novità rispetto al passato, oltre a una spinta sempre più decisa verso il metal ("il rock si è evoluto nel metal. E’ una strada che mi viene naturale, anche per rinnovare i pezzi vecchi e non annoiarmi"), sarà l’apertura dei live con Cosa succede in città. Fotografia quanto mai attuale di un Paese che fatica a trovare la sua strada. «E' stato istintivo sceglierla, e ora capisco anche il perchè? Canto 'guarda lì, guarda là, che confusionè: oggi la confusione si è moltiplicata in modo esponenziale. 'Non c'è più religionè, non ci sono più valori. E poi 'conta sì, il denarò, soprattutto quando non ne hai. In fondo nelle mie canzoni c'è già scritto tutto, è a spiegare che faccio più casino».
Vasco, però, si smarca dall’immagine di messia, di divinità che il suo pubblico in qualche modo gli attribuisce (c'è chi piange quando riesce a sfioralo per un attimo). «Non c'è più il basso, non c'è più l’alto, diceva Nietzsche. Sono saltati i valori di base: io non sono un profeta (nonostante Facebook abbia catalogato la sua pagina «luogo di culto"), io sono quello che scrive le canzoni, ma non sono le mie canzoni. Loro possono essere perfette, l’uomo è sempre un uomo. Dunque imperfetto. Sono una sorta di strumento, non nella mani di Dio, come si sarebbe detto una volta, ma dell’ispirazione. La musica e le canzoni sono una forma di comunicazione potente: confortano, consolano, commuovono e danno una bella carica per affrontare la vita che non è una canzone». Non un Dio, nè un Messia, ma rockstar sì. «Mi ci autodefinii io negli anni '80 per differenziarmi dai cantautori. Anche io sono un cantautore, ma usavo il gruppo come strumento al posto della chitarra acustica e il rock come linguaggio comunicativo, più adatto a provocare le coscienze. Che è quello che deve fare un artista». La sua prima provocazione, ricorda Vasco, è stata Albachiara: «parlare di masturbazione femminile negli anni '70 non era scontato», ma il vanto è «non aver mai smesso, sono un provacautore».
A 66 anni, non ha paura di dire «il rock italiano sono io», ma apprezza la nuova scena musicale, dove a farla da padrona è la trap. «La ascolto, ma faccio parte di un’altra epoca. I rapper sono i nuovi cantautori. Scrivono testi provocatori, belli, potenti. E Caparezza su tutti è un genio. In giro vedo molti più talenti adesso di una volta». Anche Sanremo lo ha colpito, con Fabrizio Moro e Ermal Meta su tutti e Ultimo. «Moro scrive molto bene e anche se a me i duetti non piacciono, loro erano convinti e convincenti». A convincerlo poco, invece, è stato Claudio Baglioni: «poteva evitare di farsi cantare le canzoni da tutti i superospiti. Poi si parla di conflitto d’interesse? Mi invitano sempre, ma di sicuro io non le canto le canzoni di Baglioni». E a fare il direttore artistico ha mai pensato? «Certo, però vorrei cantare tutto io e vorrei far cantare agli altri le mie canzoni». Il format già c'è.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giornata di sole sul LungoParma: le foto di Luca Radici a Michelle Maccagni

fotografia

In posa sul LungoParma in una giornata di sole Foto

Pronti per l’ultima stagione del Trono di spade? Ecco come prepararsi all’evento tra mappe interattive e le location della serie di culto_got

HI-TECH

Trono di spade: come prepararsi all’evento fra mappe interattive e le location della serie

Alseno: festa al Colle San Giuseppe. Ecco chi c'era: foto

feste pgn

Alseno: festa al Colle San Giuseppe Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Locanda del culatello

CHICHIBIO

«Locanda del culatello» C'è del nuovo e del buono nella Bassa

Lealtrenotizie

Aeroporto di Parma: infrastruttura decisiva per il territorio

PARMA

Aeroporto Verdi, siglato l'accordo con Bologna per il rilancio e nuovi voli  Video

1commento

JUNIORES

Insulti razzisti e rissa sugli spalti: 75 euro di multa per Marzolara e Fontanellato e fino a 6 turni di squalifica

FATTO DEL GIORNO

La "partita della vergogna", Brambilla: "Abbiamo un attaccamento esagerato per i figli: gli siamo troppo addosso"

1commento

Triste record

41enne parmigiana arrestata tre volte in dieci giorni

pablo

Polizia allertata dai consiglieri di quartiere: e i pusher scappano abbandonando le dosi

1commento

TEP

Dal fine settimana 9 nuovi bus sulle strade di Parma. Novità sul fronte filobus

3commenti

IL CASO

Pur di mettere nei guai l'amante della moglie, si autodenuncia e viene condannato

Ricerca

Imballaggi a base di cristalli e oli: il progetto anti-sprechi dell'Università di Parma

incendio

Fienile con 800 balloni divorato dalle fiamme a Medesano: dopo oltre 20 ore, l'intervento continua Video

CULTURA

Parma ha ricordato Arturo Toscanini a 62 anni dalla morte Foto

FIDENZA

Tagliano le etichette per rubare i vestiti: 4 ragazzi nei guai

Gazzareporter

"Pioggia in arrivo?"

nas

Un lavoratore in nero: multato un bar, sequestrati 11 chili di alimentari  Foto

carabinieri

Mezzi da lavoro spariti a Parma e Collecchio: ritrovati in zona Ceno Foto

elementari

La consigliera del ministro: «La scuola di Noceto un modello per tutta Italia»

LA SCELTA

Sarà il parmigiano Danilo Coppe a demolire il ponte Morandi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

May, sconfitta devastante. Ma non c'è alternativa

di Paolo Ferrandi

ITINERARI VINTAGE

Il viaggio e l'avventura: l'età dell'autostop

di Italo Abelli

ITALIA/MONDO

MISTERO

Sequestrato un 45enne nel Bresciano: ricerche in corso

INCIDENTE

Scontro fra un autobus e due camion: feriti 14 studenti a Modena

SPORT

CALCIO

1-0 al Milan, la Juventus vince la Supercoppa italiana

FORMULA 1

Ferrari, l'uomo giusto è il parmigiano Almondo?

SOCIETA'

catania

L'aspetta all'aeroporto col palloncino "Mi vuoi sposare". Lei lo lascia

TRIBUTO

Il bollo auto senza segreti: quando, come, dove si paga

MOTORI

IL VIAGGIO

Citroën: la C5 Aircross scalda i motori andando... al Polo Nord

CROSSOVER

Fiat 500X: ecco la versione Mirror Cross