INTERVISTA

Quando il sorriso "cura": Vip Parma lancia il corso per diventare clown di corsia

Andrea Violi

This browser does not support the video element.

Dalle serate conoscitive alle 20 ore di formazione di base: "Sisimò" e "Malvasia" spiegano come diventare "nasi rossi"

L'associazione Vip Parma onlus lancia il corso base per diventare clown di corsia. Una ventina di ore in tre giornate, da venerdì 28 a domenica 30 settembre, per inserirsi in questa particolare attività di volontariato, che si svolge in diversi contesti: ospedali e case di cura ma anche carcere, cooperative e servizi domiciliari.

Cosa fanno i clown di corsia? Cosa vuol dire che imparano la gestione delle emozioni? Annamaria Delponte (clown Malvasia) e Lucia Gambetta (clown Sisimò) lo spiegano - con un pizzico di ironia - in questa video-intervista 


I posti disponibili per il nuovo corso base sono 35. Per avere un "assaggio" dell'attività di Vip Parma si potrà partecipare ad una delle attività in calendario nei prossimi giorni. Martedì 18 settembre ci sarà un "allenamento clown" nel salone della parrocchia di Santa Maria del Rosario, in via Isola, dalle 20,45; giovedì 20 settembre alle 21, nella sede dell'associazione in via Testi 4, è in calendario l'incontro conoscitivo per aspiranti clown. Partecipando ad almeno uno di queste due serate si potrà essere selezionati per il corso base (a pagamento). 

"Nel corso di formazione - dice una nota di Vip Parma onlus - si acquisiranno tecniche di clownerie, mimo, giocoleria comica, ma si parlerà anche di comportamento in ospedale, igiene, ecc. Inoltre, i futuri volontari potranno imparare a mettersi in gioco, a superare timidezze, a migliorare la propria autostima e acquisire tecniche per relazionarsi serenamente con persone sofferenti portando gioia e allegria con "tatto".
Si imparerà anche ad avere e dare fiducia agli altri, ma soprattutto si riceveranno le prime nozioni di pensiero positivo che sta alla base della nostra associazione. Il corso è rivolto a tutti: volontari, operatori nel sociale, insegnanti, infermieri, medici, casalinghe, professionisti, ecc.". 

This page might use cookies if your analytics vendor requires them.