-0°

Popolazione

Nel 2035 i parmigiani saranno più anziani e meno produttivi

Crescita modesta della popolazione: 450mila abitanti nel Parmense

Ricevi gratis le news
7

Nel 2035 i parmigiani saranno più anziani e meno produttivi. E' questa, in estrema sintesi, l'analisi delle proiezioni demografiche rese note dall’Ufficio Statistica della Provincia. 
“Gli scenari demografici prospettati ci parlano di un territorio con una popolazione sempre più vecchia e per questo meno produttiva, meno propensa all’innovazione, più costosa in termini di sanità e servizi sociali – spiega il Delegato provinciale alla Statistica Paolo Bianchi –. Sarebbe bene che gli amministratori locali, ma anche gli imprenditori considerassero con attenzione questi dati, che sono dati affidabili, e cominciassero a pensare alle conseguenze e ai possibili correttivi. L’immigrazione finora è stata una risorsa, ma non si prevede che continui nella stessa misura”. 

L’ANDAMENTO DEMOGRAFICO: CRESCITA DEBOLE, 450MILA ABITANTI NEL PARMENSE
Dopo un periodo di quasi 15 anni in cui la popolazione della provincia di Parma è passata dai 397 mila abitanti del 2000 agli oltre 447 mila del 2013, con un aumento complessivo di 50 mila residenti, dal 2014 siamo entrati in una fase di crescita molto modesta, che ha portato la popolazione al 1° gennaio 2018 a circa 450 mila persone. 

Ma quanti residenti avrà la provincia di Parma nel 2035? Poco più di 460mila, circa 11mila residenti in più rispetto  al 1.1.2018, secondo le proiezioni del Servizio Statistica Regionale, cioè una crescita poco significativa, il 2,4% in più in 17 anni.
Però cambierà, e in modo importante, il rapporto tra le generazioni, con conseguenze rilevanti. 
E potranno essere solo gli immigrati, sia stranieri sia da altre regioni italiane, a compensare la perdita di popolazione dovuta al saldo naturale  fortemente negativo.
Azzerando i flussi migratori in ingresso per tutto il periodo considerato, infatti, la popolazione diminuirà del 20%, pari a circa 90 mila residenti in meno nel 2035 rispetto al 2018.
Un tale calo di popolazione avrebbe tante conseguenze, ad esempio un crollo del mercato immobiliare e dei settori connessi, a partire dall’edilizia.

Il contributo delle nascite, che è cresciuto a partire dalla seconda metà degli anni novanta fino a raggiungere il massimo nel 2010 con quasi 4.200 nati, è previsto in diminuzione fino al 2026 (circa 3.300 nascite) per poi invertire la tendenza e tornare a salire leggermente, ma comunque sempre  con un numero inferiore ai 3.500 nati l’anno.
Tra le cause di questo declino pesa la prevista drastica diminuzione delle donne in età feconda: al 2035 avremo circa 3.400 “potenziali madri” in meno rispetto al 2018.
Si consideri che gli attuali 50-60enni appartengono a generazioni di oltre 5mila nati, mentre gli attuali 30enni a generazioni di appena 2,5mila nati. 
Per tornare al picco di nascite del 2010 senza variazioni di fecondità individuale bisognerebbe raddoppiare i flussi migratori del periodo 2010-2015.
Questo calo avrà conseguenze imminenti sul numero di bambini e ragazzi che frequenteranno gli asili nido, le scuole materne e le scuole elementari, e in seguito anche sulle scuole medie e superiori, con possibili diminuzioni di occupazione nel settore.

L’INVECCHIAMENTO DEL MERCATO DEL LAVORO 
La popolazione nella classe di età 15-39 anni è costantemente diminuita nell’ultimo decennio, ed  è attesa ancora in calo nei prossimi anni. Solo nel 2027 tornerà a superare le 120 mila persone.
Sulla consistenza numerica di questa fascia di popolazione pesa la denatalità che ha caratterizzato il nostro paese negli anni ottanta. Con il naturale scorrere della popolazione sulla scala delle età, le generazioni poco numerose dei 15-39enni andranno a sostituire gli attuali 40-64enni, generazioni molto più consistenti e finora costantemente in aumento, determinandone una diminuzione, attesa a partire all’incirca dal 2025.
Il 2023 sarà l’anno di svolta, in quell’anno avremo la  punta massima dell’invecchiamento della popolazione nelle età lavorative, con gravi conseguenze sulla capacità di rispondere alle esigenze di innovazione del sistema produttivo.
La popolazione attiva nel suo complesso calerà (-5.534 persone al 2035 nella fascia di età 15-64 rispetto ad oggi), ma sarà una diminuzione percentualmente piuttosto modesta (-1,9%), che limiterà l’attrazione di immigrati,  anche considerando i recuperi di produttività dovuti all’automazione.

LA CRESCITA DEGLI ANZIANI
Continuerà invece a crescere costantemente e significativamente la  popolazione anziana (65 anni e oltre), che nel 2035 in provincia di Parma rappresenteranno il 27,3% del totale della popolazione, quasi 126 mila individui. 
Si stima che i 75enni e oltre supereranno i 60.200 residenti. E gli 85 anni e oltre passeranno dagli attuali 17.983 a oltre 20.000 nel 2035, con un aumento del 12%. 

Tutti i dati nel dettaglio su http://www.statistica.parma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Patrizia

    01 Agosto @ 17.45

    siamo in troppi al mondo. Quando andiamo in vacanza ce ne accorgiamo, quando facciamo le file con l'auto e al supermercato ce ne accorgiamo. Diventiamo intolleranti e nervosi. Gli studiosi dicono che le risorse della Terra finiranno perchè c'è troppa gente. Allora. CHE PROBLEMA C'è??

    Rispondi

  • Roberto

    01 Agosto @ 14.29

    A parte che piu' di un ufficio di statistica il rapporto sembra redatto da organi del PD o da Boeri, visto le previsioni in fatto di abitazioni ed edilizia, sarebbe bene, visto che sembra abbiamo gia' una bella eccedenza di case , pensarci bene prima di iniziare nuove costruzioni. Quanto poi alla diminuzione della occupazione nei diversi settori contrasta un po' con il fatto che si auspichi un ulteriore aumento di immigrati (chiaramente regolari), purtroppo la tipologia del lavoro cambia e non si puo' continuare a pensare di avere occupati che vengono sostiuiti con tecnologie.

    Rispondi

  • sabcarrera

    01 Agosto @ 12.33

    Donne italiane troppo pigre per fare figli

    Rispondi

  • Paolo

    01 Agosto @ 10.58

    paolo.regg@email.it

    Stiamo pagando lo scotto dell' "ottima" politica per la famiglia portata avanti dai governi DC+PSI+PCI+altri (compresi gli ultimi, s'intende). Ricordate, un tempo c'era anche la tassa sulla famiglia, per non tacere del fatto che ci si è sempre sentiti dire: "Hai famiglia, figli? Sono fatti tuoi. Arrangiati!" (udita realmente!). E ci si è arrangiati. Ecco il risultato.

    Rispondi

  • federicot

    31 Luglio @ 15.37

    federicot

    io ci sono dentro fino al collo.

    Rispondi

    • Michele E

      01 Agosto @ 11.44

      Ma come, non hai una soluzione geniale?

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Miss Reginetta d'Italia

Foto da Facebook

fidenza

Miss Reginetta d'Italia: casting domenica con Passion model

Bohemian Rapsody la canzone più ascoltata del XX secolo - Ascoltala e guardala

musica

Bohemian Rapsody la canzone più ascoltata del XX secolo - Ascoltala e guardala

Lopez-Solenghi e Mario Biondi al Regio, Gino Paoli al Nuovo

VELLUTO ROSSO

Lopez-Solenghi e Mario Biondi al Regio, Gino Paoli al Nuovo Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Top10 delle nostre classifiche: Teodoro sempre al comando

WORLD CAT

Ecco la Top10 delle nostre classifiche: Teodoro sempre al comando

Lealtrenotizie

Torture e sevizie: la squadra mobile arresta 3 dominicani

SQUADRA MOBILE

"Tira fuori la droga": tre dominicani rapiscono un uomo e lo torturano a Vicofertile Video

Emergono nuovi particolari sui tre arrestati. Violenze inaudite su un connazionale per questioni legate allo spaccio

politica

Pizzarotti accusa la Lega: "Vuole tenere a Roma Imu e Tasi dei Comuni"

"Sono le risorse che le amministrazioni ricevono dai cittadini, e ai cittadini ridanno in forma di servizi alla persona"

Soragna

Installata e subito rimossa la pista di pattinaggio

LA SFIDA

Gara degli anolini, ecco i migliori

Zona Montebello

Bollette non pagate, palazzo al freddo

1commento

Curiosità

Pausa caffè a Parma per Valentino Rossi e la fidanzata Francesca Sofia Novello

Strasburgo

Il salsese Marco Ricorda racconta il dramma nell'Europarlamento

AUTOSTRADA

Possibile nevischio tra Fiorenzuola e Reggio in A1 e nel tratto Berceto-Pontremoli in A15

SOLIGNANO

Addio al ristoratore Giovanni Pettenati

12Tg Parma

Santa Lucia ha portato i suoi doni all'Ospedale dei Bambini Video - Gallery

FORNOVO

Galleria di Citerna: senso unico alternato anche nel fine settimana

La Provincia ha reso noto che è impossibile aprire al traffico nei due sensi, a causa dei lavori in corso

Intervista a Munari

«Sono pronto. Vorrei ancora giocare in A»

1commento

Calcio

Fidenza, tre squadre sono molte. Troppe?

12 tg parma

Cantiere sotto sequestro in via Spezia Video

FIDENZA

Rifiuti, il servizio di raccolta riaffidato alla «San Donnino»

1commento

collecchio

Ladri messi in fuga dagli agenti della Municipale: inseguimento, caccia alla banda

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Poveri figli se i genitori rinunciano a educare

di Vittorio Testa

ASTRI

L'oroscopo 2019 segno per segno

ITALIA/MONDO

TERRORISMO

Strasburgo: blitz della polizia nel quartiere di Neudorf. Operazione in corso

REGGIO EMILIA

'Ndrangheta: sequestrati beni per un milione all'imprenditore Gaetano Blasco

SPORT

calcio

E' ufficiale: Marotta nuovo ad dell'Inter

12Tg Parma

Verso Sampdoria-Parma: dopo Alves si ferma anche Sprocati Video

SOCIETA'

PGN

La passerella per le spose di Asa T. da Bertinelli Foto

NATALE

I video-auguri dei bambini albini della Tanzania

MOTORI

IL TEST

Honda CR-V diventa ibrida E cambia le regole

SUV

Seat, l'anno del «Triplete»: fate largo a Tarraco