20°

31°

Fornovo

L'appartamento "liberato" con uno sfratto trasformato in discarica

I proprietari, sconcertati, mettono un video sul web

Ricevi gratis le news
14

Poteva sembrare la scena di un film horror, trattandosi del giorno di halloween. Ma quello che si è trovato davanti Daniele Sani, un residente fornovese, quando martedì ha aperto la porta dell’appartamento dato in locazione e appena «liberato» con uno sfratto esecutivo dall’ufficiale giudiziario, è sicuramente un orrore: ma non è invenzione, è la pura realtà. L’appartamento decoroso di via Nazionale, in una palazzina composta da 11 appartamenti, costruita dal nonno con fatica e sacrifici, tenuto con cura e dato in affitto negli anni scorsi, è stato ridotto a discarica. Senza offesa per le discariche. L’incredibile quantità di rifiuti di tutti i tipi, i resti alimentari e organici, i cibi abbandonati ad ogni angolo, gli infissi e sanitari danneggiati, le feci accumulate, l’ammasso di stracci e carte che coprono gran parte del pavimento sono un quadro difficile da descrivere: il proprietario ha affidato ad un video la fedele descrizione delle condizioni della casa di famiglia e l’ha postato su Facebook. In breve il filmato ha avuto migliaia e migliaia di visualizzazioni e numerosi commenti. Increduli, in gran parte. Difficile pensare che due persone, due fratelli italiani, parmensi per l’esattezza, giovani, potessero vivere in queste condizioni, senza il minimo vitale dei requisiti igienici, ma è così. I problemi si erano verificati da tempo, nella palazzina: dopo un inizio «normale», «i primi sentori di anomalia- racconta il proprietario si erano avuti con l’arrivo di due cani, seguiti da altri cuccioli, e la conseguente mancanza di pulizia e di igiene nell’accudirli: da qui le prime lamentele dei condomini per la sporcizia e la puzza insopportabile». Una situazione peggiorata esponenzialmente nell’ultimo anno quando i proprietari hanno allertato le forze dell’ordine e l’Enpa i cui volontari hanno potuto finalmente varcare la soglia dell’appartamento dove è stata trovata e rimossa la carcassa di uno dei due cani, in avanzato stato di decomposizione, e requisito il secondo cane. Solo un episodio che sintetizza mesi e mesi di difficile convivenza con gli altri abitanti dello stabile, soprattutto per motivi igienico-sanitari. Il video di Sani è accompagnato da alcune righe dense di amarezza, nei confronti delle autorità e uffici competenti presso i quali, da tempo, la sua famiglia ha segnalato, denunciato, richiamato l’attenzione con lettere e protocolli, su quanto stava accadendo. La risposta - a suo dire - è stata in sostanza un rimpallo di responsabilità. «Nonostante le nostre continue segnalazioni, non ci siamo sentiti tutelati, aiutati dalle autorità competenti - racconta -. Intendiamoci: se affittiamo una nostra proprietà ci assumiamo dei rischi e non pretendiamo nulla, sui danni economici e materiali. Vorremmo però l’attenzione delle istituzioni». «Comprendo la rabbia del proprietario - afferma il sindaco Emanuela Grenti- e sono molto dispiaciuta per l’accaduto. Purtroppo, in casi come questi, mancano gli strumenti normativi affinché gli operatori possano intervenire a tutela dei cittadini: non è possibile entrare in una proprietà privata se non si ha titolo; anche per emettere un’ordinanza in materia sanitaria occorre una relazione da parte dell’Usl e se, nel caso venga effettuato un sopralluogo, i residenti non aprono, si hanno le mani legate».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • la camola

    03 Novembre @ 07.10

    ma quale privacy, subito la foto dei delinquenti !

    Rispondi

  • marco850

    02 Novembre @ 23.14

    ecco perchè molti appartamenti sono sfitti, checchè ne dicano i vari comitati antirazzisti, diritto alla casa e compagnia.... affitti in regola, e già lo stato ti mangia quasi la metà, poi vai incontro a queste situazioni e continui a pagare imu e spese condominiali (perchè in caso di insolvenza dell'inquilino deve provvedere il padrone di casa). Mi spiace ma preferisco tenere una casa vuota o piuttosto venderla.

    Rispondi

  • bastiano

    02 Novembre @ 19.03

    premesso che il rischio ad affittare esiste sempre ed a prescindere da a chi si affitta il locale, credo proprio che nessuno possa permettersi di pensare di vivevere nel fantastico mondo. Affittare un locale è come dare in prestito un'auto. Le cautele vanno prese altrimenti si è degli sprovveduti. E' chiaro che se lo si da a persone che hanno un reddito dubbio (a prescindere che siano immigrati o no), una vita che non si conosce (almeno un minimo di referenze vanno prese), che non sono stabili, che si rifiutano di offrire garanzie bancarie (basta un parente che possa coprire) , ci si presta poi a queste cose. In più è abbastanza noto che certe persone una volta colpite da sfratto esecutivo, lasciano anche il "ricordino" distruggendo il locale tanto sanno che la causa civile non li toccherà perchè sono indigenti. Poi, è chiaro che tutto può succedere come gente onesta che purtroppo perde il lavoro e non sa dove andare, ma questi onesti sono e onesti rimangono anche senza lavoro.

    Rispondi

    • paolohome

      02 Novembre @ 22.14

      Nessuno mette in dubbio che prima di affittare uno si debba informare. Il problema è la burocrazia e le tutele che sono tutte a favore di chi compie questi atti. Perché ci vogliono anni per uno sfratto esecutivo di un immobile commerciale ? Perché non ottieni tutela quando sono così palesi le situazioni ? Se pago le tasse pretendo poi che ci sia un modo efficace per tutelare i mie diritti, altrimenti hanno ragione chi delinque e chi commette queste porcherie. Abbiamo troppe leggi e troppo complesse per farle rispettare. Tutte queste regole servono solo per de-responsabilizzare le persone e creare un sistema deve l'abuso e la furbizia regnano. Le persone oneste soccombono.

      Rispondi

  • anna

    02 Novembre @ 18.34

    L'appartamento di fianco al mio assomigliava più o meno a questo. Affittato ad una persona ma abitato da almeno 10 persone diverse alla settimana, e non per scelta del proprietario. Ma perché si sa: gli stranieri si aiutano tra di loro. Ed era un bilocale. Tutti ovviamente avevano la chiave per entrare. Di affitto e utenze nemmeno a pensarci e i danni lasciati si aggiravano attorno ai 5,000 euro. L'attività preferita di questi idioti, oltre a bere birra, era sedersi sul davanzale a gambe in fuori con la musica a palla e lanciare cicche in strada, quando non sputavano. C'è da scandalizzarsi se vengono richieste referenze? E certamente in questo momento c'è un altro proprietario che sta maledicendo il giorno in cui ha affittato a quell'individuo.

    Rispondi

  • Oberto

    02 Novembre @ 18.33

    Ma se chiedi referenze sei un intollerante e fai discriminazioni !!!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarlett Johansson è l'attrice più  pagata  del 2018 secondo Forbes

CINEMA

Scarlett Johansson è l'attrice più pagata del 2018 secondo Forbes Foto

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

TABIANO

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

E' morta Aretha Franklin

STATI UNITI

E' morta Aretha Franklin

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Ponti e gallerie parmensi, Serpagli: "Per ora nessuna chiusura" La situazione

viabilità

Ponti e gallerie parmensi, Serpagli: "Per ora nessuna necessità di chiusura" La situazione

3commenti

bolzano

Uccisa in albergo in Val Gardena: Zoni tace davanti al giudice. E resta in carcere

Anteprima Gazzetta

Bruttissima serata per quattro parmigiani alla Capannina

incidente

Precipita da impalcatura: resta gravissimo il 61enne di Roccabianca

Parma calcio

Parma, Gervinho in città per le visite mediche. Il mercato chiude alle 20 Video

1commento

Testimonianza

«Io e mio figlio fermi sul ponte a 50 metri dal baratro»

12 TG PARMA

Dopo Genova è allarme viadotti: focus anche su alcuni ponti del Parmense Video

Serpagli: "Il ponte sulla Fondovalle Taro è monitorato. Genova dimostra che era giusto chiudere Casalmaggiore"

1commento

ospedale

118 in soccorso notturno: atterrati al Maggiore i primi due pazienti

aipo

Sarà ripulito l'alveo della Parma in città

A partire dalla prossima settimana

guardia di finanza

Banda guidata da un parmigiano "alleviava" i fallimenti: via a confische per 500mila euro

salute

Emergenza piastrine: appello a tutti i donatori parmigiani

Genova

Originario del Monchiese travolto dal crollo del ponte

incidente

Scontro tra tre auto al Botteghino, una vola nel fosso: due feriti

LUTTO

Addio a «Dodo», avvocato e tennista

INCHIESTA

Parma è pronta ad essere la capitale della cultura?

14commenti

violenza

Picchia la madre e la sorella: divieto di avvicinamento alla loro casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Genova, il governo fa demagogia sui morti

di Domenico Cacopardo

3commenti

EDITORIALE

Ma Autostrade ha colpe molto gravi

di Vittorio Testa

ITALIA/MONDO

PONTE MORANDI

Conte: "Al via la procedura di revoca della concessione di Autostrade"

riminese

Boccone di hamburger gli va di traverso, bagnino soffoca e muore

SPORT

Calcio

L'addio di Marchisio alla Juventus Video

MOTORI

Alex Zanardi torna in pista dopo tre anni a Misano

SOCIETA'

ROMA

Furto in casa Gassmann: rubati anche i premi di papà Vittorio

genova

Si carica il cane soccorritore sulle spalle per andare a cercare i dispersi Video

1commento

MOTORI

NOVITA'

La Opel Corsa diventa GSI. E ha 150 Cv

TECNOLOGIA

Ford mette un freno alla guida... contromano. Ecco Wrong Way Alert