21°

31°

tg parma

Pizzarotti al governo: "Non ci lasci soli e senza risorse"

Il sindaco è intervenuto alla Camera con altri sindaci nell'ambito di un'iniziativa dell'Anci

Ricevi gratis le news
2

«Nel nostro Paese serve una cabina di regia unica che metta insieme il governo nazionale, le Regioni e i Comuni affrontando in modo organico e integrato le diverse sfaccettature dell’emergenza ambientale e mettendo in rete le tante buone pratiche messe in campo in questi anni dai Comuni». Lo ha detto il sindaco Federico Pizzarotti, questa matitna, parlando dei temi ambientali alla Camera dei deputati per l'iniziativa "L'Italia in Comune", promossa dall'Anci.
Pizzarotti ha anche chiesto al governo di non lasciare i Comuni da soli e senza risorse. Per il primo cittadino di Parma (e vicepresidente Anci) «è arrivato il momento di attivarsi per ricreare un sistema urbano a misura d’uomo, che sappia conciliare sviluppo e difesa del territorio». Quindi, «non si può che ripartire dalle città dove sono stati realizzati numerosi progetti di smart city, di efficienza e integrazione energetica», ha concluso Pizzarotti.

IL DISCORSO INTEGRALE DI PIZZAROTTI. 

Illustri presenti,
viviamo un periodo storico in cui l’ambiente è tra i temi principali che interessano la nostra agenda politica:
un’economia sempre più globale, e Paesi sempre più urbanizzati, oggi hanno assoluto bisogno di conciliare la competitività economica con la sostenibilità ambientale.
Questo perché come istituzioni siamo stati fin troppo capaci di fondare lo sviluppo economico sull’industrializzazione o il consumo di suolo,
ma molto meno nel favorire e incentivare la ricchezza economica e il benessere con la vivibilità ambientale.
Oggi in parte ne stiamo pagando le conseguenze, e lo squilibrio prodotto ci ha portato a parlare di un nuovo e necessario “diritto all’ambiente”.
Ovvero del diritto a vivere in un Paese che sappia favorire lo sviluppo economico e industriale conciliandolo con la qualità ambientale.
Ricordo che un anno fa i sindaci di tutto il mondo erano stati convocati in Vaticano da Papa Francesco, per far fronte ai problemi legati al cambiamento climatico. Lo stesso tema lo abbiamo affrontato alla conferenza sul Clima convocata a Parigi dalla sindaca Anne Hidalgo, nel dicembre dello stesso anno.
Nel suo storico discorso alle Nazioni Unite, poi, papa Francesco aveva definito un danno all’ambiente, “un danno all’umanità”.
Il mondo, in sostanza, ha alzato la voce e ha detto alle sue istituzioni che è arrivato il momento di una svolta:
vivere in un sistema urbano a misura d’uomo, riveste oggi un ruolo primario della vita di ognuno di noi e dei nostri concittadini.
Da dove partire, dunque?
Dal chiederci se riusciremo a investire capitale umano ed economico necessario per rendere le città più vivibili, smart, eque e sostenibili.
Da chi partire?
Dalle istituzioni locali, perché ritengo che le città siano il futuro: la maggioranza della popolazione mondiale vive infatti nelle città. Qui realizziamo ogni giorno programmi di smart cities e progetti a basso impatto ambientale; qui investiamo sulla riqualificazione energetica e ci adoperiamo per le politiche di integrazione e di aggregazione.
Infine, da cosa partire?
Anzitutto dall’idea di incentivare e promuovere un’economia circolare. Ovvero garantire la crescita economica e l’occupazione sprecando sempre meno risorse, consumando sempre meno suolo e prevenendo i disastri ambientali. Ciò che sostengo non è più soltanto un fattore di tutela dell’ambiente:
è diventato un vero e proprio discorso etico.
Gentile presidentessa, illustri presenti,
ci tengo però a precisare: nessuno ha la pretesa di trovare soluzioni immediate a problemi sempre più grandi. Non siamo qui per fare la morale. Ma lasciatemi dire che, da amministratori locali con a cuore la propria città, ognuno di noi ha il compito e il dovere di mettere sul piatto le proprie best practice, affinché il governo non sia soltanto interlocutore delle nostre esigenze,
ma spina dorsale di un’Italia che per certi aspetti è in ritardo strutturale, e che ha bisogno di modernizzarsi e innovarsi.
Quel che chiedo è una strategia comune per emergenze comuni, una nuova e rinnovata cabina di regia tra enti locali, regioni e governo affinché non ci siano divari organici e ritardi tra le città, tra le regioni e tra territori.
L’Europa ci guarda e chiede alle nostre città di restare al passo con la modernità.
Per fare alcuni esempi, mi riferisco alle politiche di rifiuti zero, le quali permetterebbero risparmi in bolletta, riciclo di risorse e l’abbattimento dell’inquinamento ambientale;
in Emilia Romagna, in particolare a Parma, teniamo molto a questo tema. La raccolta porta a porta dei rifiuti, la tariffazione puntuale, l’aumento della differenziata a discapito degli impianti di incenerimento, rappresentano una delle concrete realtà cui dovrebbe indirizzarsi l’Italia, ed essere a modello per l’Unione Europea. Sono molti gli esempi di città che puntano sulla strategia rifiuti zero, e sono orgoglioso che la mia terra e la mia regione siano modelli positivi per il Paese.
Tornando ad altri esempi: mi riferisco anche all’incentivazione e promozione della rigenerazione urbana, che permetterebbe di strappare interi quartieri e periferie al degrado, all’incuria e all’inciviltà, e che consentirebbe alle nostre città di contenere il consumo di suolo e di reinventare l’uso di spazi pubblici:
qui i Comuni e il governo possono e devono fare molto insieme. Anzitutto abbattendo una burocrazia lenta e ottusa.
Mi riferisco, poi, alla modernizzazione degli edifici pubblici e privati, con politiche volte al risparmio energetico, all’eliminazione completa dell’amianto e all’incentivazione della bio-edilizia.
Mi riferisco, infine, al netto rifiuto di tutelare l’ambiente e gli italiani soltanto a emergenze ambientali avvenute.
Lo dobbiamo dire con chiarezza e senza ombra di dubbio:
la politica deve mettersi al servizio dell’ambiente, con la convinzione che investire sulla qualità ambientale e la sicurezza forse non porta rapido consenso, ma è necessario e vitale.
Sindaci e governo possono e devono fare molto per modernizzare l’Italia e per mantenerla al passo coi tempi,
possono e devono fare molto per eliminare il divario oggi esistente tra le città, le regioni e i territori.
Io credo, infine, che per raggiungere questi importanti traguardi, il Paese abbia estremo bisogno di politiche comuni e indirizzi generali, e che ragioni come se fosse un unico corpo e un’unica mente.
Il divario tra le varie realtà dell’Italia può essere superato da una cabina unica di regia, da sindaci che tra loro sapranno fare sistema,
mettendo al servizio del governo le proprie eccellenze e le proprie best practice,
ma chiedendo sin d’ora al governo di supportarci in questo cammino, non lasciando da soli i Comuni ad affrontare la burocrazia, e l’impiego di risorse economiche e umane. Grazie. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    07 Novembre @ 16.42

    Pizzarotti ha anche detto in Parlamento che Parma è d' esempio per il suo sistema di raccolta dei rifiuti , mentre noi siamo con l' immondizia a mezza gamba , a putrefare in casa e sulle strade.

    Rispondi

    • Asterix

      07 Novembre @ 18.43

      a mezza gamba come a Reggio Piacenza Modena Firenze ecc ...

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Trintignant, "per me la carriera è finita"

cinema

Trintignant, "per me la carriera è finita"

Balletto

social

L'evoluzione della danza di Michael Jackson...in 4 minuti Video

Via Emilia Est: il lungo aperitivo. Ecco chi c'era: foto

Arte&Gusto

Via Emilia Est: il lungo aperitivo Ecco chi c'era: foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano

IL CASO

La folle guerra dell'Onu al Parmigiano: il commento

di Claudio Rinaldi

8commenti

Lealtrenotizie

Public money, condannati in primo grado Costa, Villani e Buzzi

12Tg Parma

Public Money, condannati in primo grado Costa, Villani e Buzzi Video

parma calcio

Chiude la prima parte del ritiro crociato: il video-bilancio di Sandro Piovani

calcio

Sorteggio di Coppa Italia: inizio nostalgia (e rivalità) per il Parma il 12 agosto

12Tg Parma

Felino, lite condominiale finisce a pugni Video

Dda

In progetto furto delle salme di Pavarotti e Ferrari: condannata banda sardo-parmigiana

droga

Arrestati i due pusher da 100mila euro in un anno e clienti tutti parmigiani

9commenti

anteprima gazzetta

Droga, 2 arresti, patente ritirata ai clienti: "La droga fa male"

1commento

Parma

Derubata e...denunciata: è clandestina. Tre interventi in un giorno per le Volanti

2commenti

regione

Fidenza, 500mila euro per il Ballotta: arriva la pista indoor

Anas

Mulattiera-Fraore, da martedì 24 luglio cantiere sullaTangenziale nord

incidente

Schianto tra due auto a Ramiola: feriti due giovani Foto

carabinieri

Nessuno scippo: 75enne smascherato dalle telecamere e denunciato

polizia

Rissa a bottigliate in piazza della Pace. E lite in stazione

2commenti

via Mordacci

Picchia a sangue la ex e la rapina

12 tg parma

Nuovo Ponte della Navetta, posata la prima pietra. Fine lavori a marzo Video

12 tg parma

World series baseball: gli Usa negano il visto, e Daniel (Collecchio) resta a casa Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Maltrattare gli animali, tradire l'amicizia

di Filiberto Molossi

5commenti

DIGITALE

Ecco la Summer Promo: 2 mesi di Gazzetta a prezzo di 1

ITALIA/MONDO

reggio emilia

Ladri "con i bigodini": raid nei saloni, caccia alla banda dei parrucchieri

Chiaia di Luna

Lo spaventoso crollo di rocce a Ponza

SPORT

calcio e tribunale

Avellino non ammesso al campionato. Escluse altre due società di serie B e tre di serie C

ciclismo

Tour, 13ª tappa: tripletta Sagan in volata a Valence

SOCIETA'

gazzareporter

“Cala” la luna in Val Baganza

CHICHIBIO

"Trattoria della pieve", la tradizione e i sapori del paese

MOTORI

Motori

Jeep Wrangler, il mito Usa è sempre pronto a tutto

MOTORI

"Spiaggina 58": rinasce la 500 della Dolce Vita