19°

tg parma

Nuova consulta degli stranieri "per un dialogo costruttivo"

Ricevi gratis le news
7

E' nata la Consulta provinciale degli stranieri.

Dice il comunicato della Provincia: 

“Un segnale di convivenza civile per contrastare i fondamentalismi che allontanano i popoli e conducono alla barbarie”. Così il Vice presidente della Provincia Gianni Guido Bellini ha presentato stamattina in Piazza della Pace la Consulta Provinciale degli Stranieri, insieme ai rappresentanti delle principali associazioni degli stranieri del territorio.

“Negli anni scorsi la Provincia ha portato avanti un lavoro importante di coordinamento e di sostegno delle associazioni e delle comunità degli stranieri a Parma e provincia – ha ricordato Bellini – e anche oggi, nonostante la trasformazione dell’Ente e l’incertezza sul suo futuro, intende proseguire in questo percorso, puntando sulla partecipazione attiva delle comunità attraverso i loro rappresentanti. Mantenere un presidio di coordinamento consente anche alle associazioni e alle comunità provenienti da paesi diversi e lontani fra loro di confrontare le esigenze, i bisogni e di arricchire, grazie alle loro conoscenze e competenze, il territorio che li ospita.”

Le comunità straniere più numerose a Parma sono quelle dell’Est Europa: al primo posto quella rumena con 7.502 persone, seguita dalla moldava con 7454 e dall’albanese con 7443.
Lo scopo della Consulta è quello di offrire un luogo di confronto alle varie associazioni, già presenti nei territori comunali, in modo che possano dialogare tra loro costruttivamente. La sede sarà in via Inzani 29.
Il Vice Presidente della Provincia Bellini è il Presidente della Consulta, l’albanese Erion Begaj è il Vicepresidente, Segretaria è la marocchina Sabil Bahija.

Numerosi sono stati gli interventi all’incontro di stamattina, e naturalmente gli attacchi terroristici di questi giorni a Bruxelles sono stati lo sfondo da cui non si può prescindere.

“Ormai il futuro nostro e dei nostri figli è qui e in momenti come questi le comunità straniere devono dare il segnale che rispettano norme e culture di questo paese – ha detto Erion Begaj - Con la riorganizzazione della Provincia anche le comunità straniere nel territorio della provincia di Parma devono cercare di adattarsi per rispondere meglio ai cambiamenti in corso. La Consulta Provinciale Stranieri potrà essere un ottimo strumento d'aiuto e di dialogo tra le comunità, anche grazie all'attenzione e l'impegno che l'ente Provincia dedica alle richieste che provengono dai nuovi cittadini".

“Sono lusingata di fare parte del gruppo che ha preso l’iniziativa di creare questa Consulta, che contribuirà a consolidare i rapporti tra le varie associazioni di Parma e provincia e a farle collaborare insieme.” Ha dichiarato Sabil Bahija, presidente della Maisone Maroccaine e Segretaria della Consulta.

"Esprimo la gratitudine della comunità romena alla Provincia di Parma per il sostegno offerto ai progetti che in passato abbiamo portato avanti insieme – ha affermato Marina Bilha presidente della Associazione Romania chiama Parma - La creazione della Consulta degli stranieri dimostra l’interesse della Provincia per l’apporto che cittadini di diverse nazioni possono offrire alla cultura italiana. L’auspicio è che questo mutuo interesse si mantenga vivo e si rafforzi ulteriormente in futuro, per rendere il territorio aperto, dinamico e stimolante per quanti ci vivono e lavorano."

“I fatti accaduti in questi giorni a Bruxelles, ma anche in Turchia, Marocco, Libia, Costa d’Avorio, Kenia, sono attentati contro l’umanità – ha dichiarato Ben Hammouda Lotfi dell’Associazione Voce Nuova, proveniente dalla Tunisia – Non è l’Islam che causa tutto questo. L’unità è l’unica soluzione per sconfiggere questo cancro.”

“Ci sentiamo parte di questo paese, che ci ha dato tanto, molti di noi sono nati qua, o hanno la cittadinanza italiana – ha ricordato Mahfoud Abdelhafid, dell’Associazione Bel-agire di Fornovo, di origine marocchina - E’ l’ignoranza che porta all’odio. Con la Consulta avremo la possibilità di sviluppare progetti comuni.”

Ha rincarato la dose Abdou Ba, primo presidente della Comunità Senegalese di Parma: “Questi terroristi sono traditori, perché hanno avuto lavoro e istruzione in Europa.”
Ma avverte: “Gli stranieri in Italia rappresentano il 12% della popolazione e l’11% della ricchezza: devono essere ascoltati prima di assumere le decisioni che li riguardano.”

Michel Oulouade, del Comitato dei Saggi della Costa d’Avorio, ha parlato dell’attività della sua associazione, che lavora per frenare l’esodo dalle campagne alle città nel suo paese. “Più di duemila ragazzi che erano pronti ad emigrare sono tornati in campagna, grazie al protocollo d’intesa tra Provincia di Parma, Regione Emilia Romagna e otto grandi città ivoriane – ha spiegato – Chi parte vende tutto quello che ha per pagare il viaggio, quindi non può più tornare indietro. Occorre moltiplicare i progetti concreti, come questo. “

Ha portato il suo saluto anche Victoria Verde Hermosilla presidente dell’associazione peruviana “Il sorriso di Michelle”, che nel ricordo della figlia tragicamente scomparsa lavora per aiutare i bisognosi del suo paese, soprattutto le donne maltrattate.

Gaston Mavakala Kiamenga, proveniente dalla Repubblica Democratica del Congo, in Italia dal 1983, già membro della Consulta regionale, ha ripercorso le faticose tappe dell’integrazione: “Dall’1984 all’89 l’immigrato straniero non aveva diritto a lavorare in Italia, poi ancora non poteva acquistare casa, né ottenere finanziamenti in banca – ricorda – In seguito le cose sono cambiate. Parma e la sua provincia ci hanno accolto bene e noi abbiamo fatto tanto per accogliere i nuovi arrivati e impedire che entrassero nel mondo della violenza. Adesso occorre una nuova integrazione, non bisogna distruggere quello che abbiamo costruito insieme.”

Maria Nimerenco presidente della Comunità moldava ha ricordato la nascita della sua associazione “Fernando Santi” nel 2000 : “Noi che abbiamo esperienza e conosciamo le leggi lavoriamo per aiutare chi arriva, li seguiamo e li sosteniamo – ha spiegato – Oggi è un giorno storico, nasce qualcosa di importante. Stamattina abbiamo ascoltato tante storie di vita: possa restare sempre questa apertura tra noi e portarci a risultati concreti.”

“Pace e solidarietà sono le parole chiave: lo straniero è un amico, non è il nemico della porta accanto – ha affermato Diana Teneva dell’associazione interculturale Milleeunmondo, nata quasi vent’anni fa, che si occupa di integrazione, inserimento lavorativo, mediazione culturale e linguistica, che ha auspicato che con la Consulta si possa avviare un lavoro comune tra tutte le associazioni di stranieri del territorio.

All’incontro ha portato il suo saluto anche Luciano Mazzoni, del Forum Interreligioso di Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • RENZ

    25 Marzo @ 12.46

    R E N Z

    LEGGIAMO nell'elenco delle notizie alla videata precedente del Sito: "PARMA Nasce in .... la Consulta provinciale degli stranieri" . "Nasce in la consulta" significa che prima c'era scritto "Nasce in Provincia..." ma poi avete cancellato "provincia" e lasciato "in". Lo avete fatto in ottemperanza alla SUPPOSTA abolizione delle Provincie. Vi ricordate? Era il mestiere di Winston Smith al "Ministero della verità" nel romanzo "1984" di Orwell: correggeva gli articoli, anche passati, secondo la volontà del Grande Fratello e del partito SocIng.

    Rispondi

    • 25 Marzo @ 13.16

      REDAZIONE - Questa è buona. E giusta: grazie per la segnalazione

      Rispondi

      • RENZ

        25 Marzo @ 14.10

        R E N Z

        ...S'fà par ridòr...

        Rispondi

  • RENZ

    25 Marzo @ 09.20

    R E N Z

    Buona idea. Spero che finalmente CONSULTERANNO anche la mia comunità: quella degli ITALIANI

    Rispondi

  • jeffroy

    24 Marzo @ 19.22

    per loro questo e tutto il resto, ovviamente.. ci mancherebbe. poi un po' di notorietà buonista di queste menti elette filoimmigrazioniste non guasta mai. e più ci inchiniamo al loro cospetto più ci danno dei rammolliti e timorati.

    Rispondi

  • filippo

    24 Marzo @ 19.17

    che buffonata, questi sono quelli che vogliono contrastare l'ISIS con la marcia della pace

    Rispondi

  • ANONIMUS

    24 Marzo @ 17.39

    C é anche la comunità dei clandestini?? Perché dovrebbe essere al primo posto!! PAROLE PAROLE SOLTANTO PAROLE... l unica cosa che interessa alla maggior parte delle associazioni é GUADAGNARE E BASTA!! Tanto chi paga sono gli italiani che lavorano onestamente!! E si vede tutti i giorni come abbiamo bisogno di queste risorse!! AIUTIAMO GLI ITALIANI DISOCCUPATI E SENZA CASA MIGLIORIAMO SANITÀ E SICUREZZA!! POI SE AVANZANO SOLDI E LAVORO PENSIAMO A GLI STRANIERI!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Selfie in montagna e maltempo d'agosto: Gazzareporter, ecco le foto premiate

INIZIATIVA

Selfie in montagna e maltempo: Gazzareporter, ecco le foto premiate

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Rocco Casalino

TELEVISIONE

A Rocco Casalino il primo Tapiro d'oro della nuova stagione di Striscia la notizia

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

fashion week

Federica Pellegrini "Divina", incanta le passerelle di Milano - Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

GAZZAFUN

10 edifici scolastici della nostra città: li riconosci tutti?

Lealtrenotizie

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

Si è attivato anche l'elicottero del 118

INCIDENTE

Paura a Soragna per un bimbo in bicicletta urtato da un'auto

incidente

Schianto contro un'auto a Collecchio: grave un motociclista

guardia di finanza

Frode fiscale internazionale, coinvolto anche il Basket Parma

Fra i 16 indagati c'è l'ex presidente Bertolazzi. Sequestro per 25 milioni. Ecco come funzionava il sistema di sponsorizzazioni

FATTO DEL GIORNO

Lavori in viale Europa: molti disagi

2commenti

controlli

Ponte Taro: otto in una notte alla guida sotto l'effetto di alcol o droga

1commento

via emilio lepido

Ladri nella notte da Pittarosso: sparita la cassaforte

PRIMO PIANO

I negozi e la domenica: "Aperti, sono comodi", "no, meglio stare in famiglia" Videoinchiesta

Viaggio tra commesse, clienti, negozianti: ecco cosa pensano della proposta del ministro Di Maio di chiudere gli esercizi la domenica

Varano Melegari

Mirko Reggiani, morire a 42 anni

LUTTO

Addio alla prof Bacchi, una vita per la scuola

VIA TOSCANA

Il rumore dei treni? Fuori legge notte e giorno

4commenti

INTERVISTA

I fotografi svelano i "segreti" delle chiese di Colorno. In attesa del "PhotoLife"... 
Video Foto

L'associazione Color's Light compie 30 anni e propone la mostra "Le chiese di Colorno" in Reggia

Lavori

Ponte sul Taro, arrivano i droni

Golf

Molinari presenta la Ryder Cup che si gioca questa settimana a Parigi Video

lesignano

Incidente sulla pista da motocross: è gravissimo

GAZZAREPORTER

Pratospilla, un altro porcino gigante

Via Mantova

Dopo l'incidente, i residenti insorgono: «Qui tutti corrono troppo»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le offese a Giulia e l'odiatore che è in noi

di Anna Maria Ferrari

1commento

EDITORIALE

Il dovere di restituire. La lezione di Dallara

di Michele Brambilla

ITALIA/MONDO

REGGIO EMILIA

Tentò di stuprare la figlia di 11 anni: condannato a 4 anni e 8 mesi

GENOVA

Tredicenne litiga con la mamma, si butta dal balcone e muore

SPORT

CICLISMO

Il Giro d'Italia 2019 partirà da Bologna. Crono-prologo sul monte di San Luca

Pallavolo

Italia nel girone con Serbia e Polonia

SOCIETA'

curiosità

Parma-Brescia, una volta scesi dal treno... il confronto tra le stazioni Foto

1commento

parma centro

Con "S-Chiusi in galleria" il teatro riapre i negozi sfitti

MOTORI

ANTEPRIMA

Finalmente e-Tron: l'elettrico secondo Audi Fotogallery

RESTYLING

Jeep: è l'ora del nuovo Cherokee. La vera novità? Costa meno