20°

33°

tv parma

E il tenore sbottò: "Loggionisti come le BR"

Ricevi gratis le news
1

Mentre si avvicina il debutto della stagione 2016 (oggi sulla Gazzetta di Parma un ampio servizio sulle Nozze di Figaro), le Teche di Tv Parma ci ripropongono una delle serate più calde vissute al Teatro Regio.

Era il 10 marzo 1982: in cartellone la Norma e nel cast c'era il tenore veneto Zambon, che in precedenti occasioni aveva riscosso un discreto successo. Ma quella sera non fu così: il pubblico iniziò a rumoreggiare, e a un tratto il cantante si lasciò sfuggire dal palco il proclama "Qui Zambon non torna più", che acuì ulteriormente la tensione.

Ma non era ancora nulla: avvicinato a caldo e ancora furioso nel camerino, dopo un iniziale proposito di non parlare, Zambon si sfogò al microfono di Tv Parma, e se ne uscì - come si può ascoltare nel video tratto dal preziosissimo archivio dell'emittente cittadina - con un paragone fra i loggionisti e i brigatisti rossi, che in quegli anni insanguinavano il Paese. Un paragone evidentemente infelice, che segnò l'inevitabile fine dei rapporti fra il Regio e il cantante, che però merita di essere ricordato (più che per quello sfogo e quella serata un po' sotto tono) per una carriera dignitosa: fu lui, ad esempio, ad accollarsi  all'ultimo momento, e con successo, la non facile sostituzione in Aida del nostro Carlo Bergonzi, indisposto, ad un Maggio fiorentino. Il nostro video, quindi, è semplicemente un amarcord che può mostrare ai più giovani come potessero a volte essere tese certe serate nel teatro della lirica: nella speranza ovviamente che stagione e Festival 2016 portino solo belle emozioni e applausi.

Il ricordo del loggionista - Un nostro lettore loggionista, che era presente a quella Norma, ricorda così la serata:

Quella modesta "Norma" nata a Piacenza (protagonisti il soprano Adelaide Negri e il tenore Amedeo Zambon) ebbe la sventura di capitare tra due delle più memorabili produzioni del Regio di quegli anni: un "Don Carlo" stellare con Christoff, Dimitrova, Bruson, Moldoveanu, Toczyska e una strepitosa "Favorita" con Kraus, Siepi, Sardinero e ancora Toczyska. C'era un loggione ardente di passione, che non perdonava niente ma, quando le cose andavano molto bene, era capace di ovazioni incontenibli. Ci fossero ancora oggi, quel pubblico e quel loggione, "Il corsaro" dell'ultimo Festival Verdi non sarebbe arrivato alla fine del primo atto.

TECHE TV PARMA - Pagine di (video)storia parmigiana: guarda la sezione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Wichittra

    10 Aprile @ 18.37

    Quella Norma non fu poi così modesta come cita il loggionista, si può anche ascoltare degli estratti in rete ed era assolutamente accettabile, cmq per capire l'arrabbiatura del tenore Amedeo Zambon, qualcuno del pubblico, oltre a cercar di zittire gli applausi, disse verso la fine quando i protagonisti si avviano al rogo "UCCIDILO" con qualche risatina degli spettatori vista la situazione scenica di quel momento, la reazione di Zambon può essere capibile , visto che in quegli anni le pallottole volavano facili tra brigatisti e mafia.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Furto in casa Gassmann: rubati anche i cimeli di papà Vittorio

Alessandro Gassmann in una foto d'archivio

ROMA

Furto in casa Gassmann: rubati anche i premi di papà Vittorio

Scarlett Johansson è l'attrice più  pagata  del 2018 secondo Forbes

CINEMA

Scarlett Johansson è l'attrice più pagata del 2018 secondo Forbes Foto

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

TABIANO

Un giorno in piscina: «Colline d'acqua», suggestivo scenario Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: ecco i tre vincitori. E adesso... "Racconta l'estate"

FOTO

Gazzareporter: "Racconta l'estate" Gallery

Lealtrenotizie

Tragico schianto a Martorano: muore una 28enne

incidente

Tragico schianto a Martorano: muore una 28enne

Monchio

Mirko, morto sotto il ponte per lo zelo per il lavoro

citerna

L'auto finisce in un canale di scolo: tre feriti

PIAZZA GHIAIA

Fotografa un gruppo di immigrati: minacciato e aggredito

7commenti

LA LETTERA

"Punto dal calabrone al bar e salvato dal cliente che sapeva fare il massaggio cardiaco"

SERIE A

Si comincia: Forza Parma, parti con il piede giusto. Diretta dalle 20.30

eurosia

Ruba, si barrica nel bagno del fast food e poi prova a picchiare i vigilantes

VIABILITA'

Via Pontasso, riparte il cantiere del sovrappasso

5commenti

WEEKEND

Trota e torta fritta, castelli e cavalli: è l'agenda della domenica

LETTERA AL DIRETTORE

"Abbonamento Tep: perché adesso anche l'obbligo di convalidare sempre?"

1commento

calcio

"Ti ricordo piccolo a Parma": lo scambio di maglia tra Buffon e Thuram jr

1commento

FIDENZA

Da via Illica al sottopasso di via Mascagni: la mappa dei cantieri

animali

Il piccolo della coppia di Aquila reale di Riana soccorso in un cortile: le foto

Collecchio

«Perché via Verdi è così trascurata?»

2commenti

Ponte Verdi

Nuova pista ciclabile, ma c'è ancora chi circola ovunque

1commento

Corniglio

La chiesa di Graiana riaperta dopo 10 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La colonna sonora della strage di Genova

di Michele Brambilla

COMMENTO

La Freccia di Ferragosto e Parma «interconnessa»

di Francesco Bandini

4commenti

ITALIA/MONDO

GENOVA

Domani primi alloggi agli sfollati. Dal Governo 28,5 milioni per l'emergenza. Ma su Autostrade si va avanti con la revoca

Nuova Zelanda

Ministro va in ospedale in bicicletta per partorire

SPORT

baseball

Amarezza Parma Clima: Rimini vince la gara delle semifinali playoff

Serie A

Parte a rilento l'avventura di DAZN

1commento

SOCIETA'

animali

Gli ibis eremita non sanno più migrare: in volo dal Nord dietro a un aereo

Pietrasanta

Struttura in legno in riva al Twiga, il capogruppo Pd chiede spiegazioni

2commenti

ESTATE

capoliveri

Tartatughine fuori dal nido tra i bagnanti all'Elba

ausl

Punture di insetti, meduse, pesci, vipere: ecco cosa fare (e gli errori più gravi)