-1°

12 tg parma

Parma-Juve, il Bar Gianni sabato chiuso per precauzione Video

Ricevi gratis le news
10

Parma-Juve, il Bar Gianni sabato chiuso per precauzione. Guarda il servizio di 12Tg Parma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Paolo

    31 Agosto @ 12.27

    paolo.regg@email.it

    Ringrazio Gnox della cortese nota. Da tecnico io non penso all'ineluttabilità delle cose e guardo alla loro realtà concreta. Hanno fatto male a spendere soldi per una struttura che ha rivelato delle criticità, non di tipo tecnico ma sociale. Quando il Tardini fu costruito era praticamente in campagna, non c'erano le esigenze della vita di oggi (le magiche cartoline antiche dello Stradone deserto), lo sport era vero sport senza le esagerazioni di oggi, eccetera. Adesso è praticamente in centro città, il calcio è diventato una divinità a cui tutto il resto è sottoposto, la vita civile è diventata intensa e complessa. Qualunque cosa rappresenti quello stadio nel cuore di tanti è comunque diventato un vulnus per la città in varie occasioni durante l'anno. Quel che sottolineo è il grande disagio di molti cittadini per la rivoluzione che vi è in quelle occasioni. Rivoluzioni che si riverberano anche in città, per la detta vicinanza. Il Tardini resterebbe il monumento che è anche se le partite "dannose" per la gente si disputassero altrove. O forse le partite si godono di più quando vi sono ingenti forze di Polizia intorno, i camion messi di traverso sullo Stradone, il coprifuoco nei dintorni, la gente barricata nelle case, "sportivi" che (a volte, ma sempre troppe volte) si bastonano nelle vie adiacenti e danneggiano beni altrui facendo, addirittura, chiudere precauzionalmente un bar? Nessuno chiede di demolire il vecchio stadio bensì di dedicarlo ad altre attività sportive, veramente sportive, al calcio amatoriale fatto senza sperperio di milioni e milioni di euro con calciatori visti come dei. Ebbene sarebbe infrangere un mito riportare il Tardini al vero sport?

    Rispondi

  • Gnox

    30 Agosto @ 18.18

    @paolo: non te lo dico, perché abitando dietro lo stadio, sinceramente spererei che venisse spostato. Però non accadrà, perché nessun'altra attività sportiva potrebbe giustificare uno stadio come il tardini, né le spese sostenute finora per adeguarlo alle esigenze del calcio e dei suoi spettatori.

    Rispondi

  • Paolo

    29 Agosto @ 11.11

    paolo.regg@email.it

    Ma almeno il Parma è in serie A! Volete mettere? E che sono al confronto la gente asserragliata in casa; i bar che chiudono "per sicurezza"; la città sottosopra; la libertà negata di vivere una parte importante per la città; il rischio che gli "sportivi" facciano danni e violenze (già avvenuto); gente che non può liberamente raggiungere amici o famigliari per via dello "stato d'assedio"; eccetera, eccetera, eccetera. E tutto questo per dei ragazzi che tirano calci ad un pallone: perché questo è il succo della storia. Uno spettacolo bello, anzi bellissimo per molti. È giusto che gli appassionati lo godano: guai se non potessero goderlo, è un loro diritto, una loro libertà. Ma perché colpire quello stesso diritto di libertà delle altre persone indifferenti ai calci al pallone e vogliono soltanto vivere in pace? Nessuno vede come si è perso il senso della realtà delle cose?

    Rispondi

    • Gnox

      29 Agosto @ 14.42

      Totalmente d'accordo. E chi ripaga il barista dei mancati introiti, la Juventus? E nessuno che abbia mai osato chiedere all'Inter il risarcimento dei danni fatti dai suoi tifosi alla scuola materna di via Pezzani. Un amministratore serio, avrebbe chiesto al questore di vietargli le trasferte fino all'avvenuto rimborso, ma nessuno (e qui parlo dell'amministrazione Ubaldi/Vignali) ha mai avuto il coraggio per farlo.

      Rispondi

    • AndreaF

      29 Agosto @ 11.43

      Quindi? Cosa vuoi dire? Bisogna sospendere il campionato? Ritirare la squadra? Giocare solo in serie D? Spostare lo stadio? Spiega.

      Rispondi

      • Paolo

        30 Agosto @ 10.52

        paolo.regg@email.it

        Spiegare è facile, servirebbe più spazio perché l'argomento è complesso. In poche parole: intanto smetterla di buttare via soldi per uno stadio inadeguato nella sua posizione centrale. Quasi 50 anni fa c'era l'idea di farne uno più lontano dalla città. Ma si sa che le buone idee marciscono ed i danni conseguenti aumentano. Mettere a carico delle squadre la garanzia della sicurezza e che il divertimento dei tifosi non incida sul resto della popolazione: in breve che una partita sia a costo zero per la collettività, eventuali danni esterni inclusi (il solo costo delle forze dell'ordine è cospicuo). Rendere il calcio quel che dev'essere, un divertimento per gli appassionati ma senza minimamente coinvolgere chi ha altri gusti. Prendere consapevolezza che il calcio è soltanto un gioco (per quanto appassionante) e non una nuova divinità come loschi interessi lo hanno fatto diventare con costi altissimi e sproporzionati per un semplice divertimento. Ed altro ancora.

        Rispondi

        • AndreaF

          30 Agosto @ 13.07

          Paolo, provo a rispondere alle tue osservazioni con qualche considerazione concreta: la tua opinione di stadio "inadeguato" a meno che tu non sia un urbanista, un architetto o un ingegnere civile lascia il tempo che trova, è un'opinione legittima ma campata in aria. Costruire lo stadio altrove può essere fatto o dal Comune, che non ha i soldi e comunque non sarebbe giusto per le casse della collettività, oppure dalla società che al momento non penso ne abbia le possibilità; pertanto viene utilizzata la struttura esistente dagli anni 20 del secolo scorso, concessa in affitto dal Comune. La sicurezza E' GIA' a carico delle società nel perimetro che compete loro, cioè all'interno dello stadio, dove non si trovano FFOO ma steward privati. Le FFOO sono impiegate all'esterno nella gestione dell'ordine pubblico a discrezione del questore. Non decide la società. Lasciamo perdere le divagazioni filosofiche sul calcio...

          Rispondi

        • Paolo

          30 Agosto @ 16.31

          paolo.regg@email.it

          Ringrazio la Gazzetta per l'opportunità di scambiare idee. Io sono un tecnico del territorio, senza eccedere in qualifiche. A Reggio il nuovo stadio fuori città lo ha costruito una ditta privata annettendovi un centro commerciale ed un cinema multisala e quindi gestendolo. Il vecchio stadio in città, forse comunale, è rimasto per altre attività sportive non impegnative la comunità cittadina. Parma può fare altrettanto. Per la sicurezza io mi riferivo al costo di quella esterna allo stadio e so com'è organizzata e costosa: non so però se lo Stato viene rimborsato di quelle grandi spese. Ne dubito. Quelle "sportive" non erano divagazioni ma l'analisi di che cosa si stava parlando. Se per una partita si sconvolge mezza città con tanti disagi per la gente non è più questione di filosofia ma di come il calcio abbia raggiunto livelli esagerati ed ingombranti. Farlo tornare al suo vero significato ed essenza (libero da equivoci interessi) risolverebbe i problemi che porta alla gente comune.

          Rispondi

        • Gnox

          30 Agosto @ 12.59

          Il Tardini rimarrà lo stadio del Parma Calcio: nella donazione della famiglia al Comune c'era la clausola che se l'area dovesse perdere la destinazione sportiva, tornerebbe di proprietà della famiglia. Quindi non succederà mai.

          Rispondi

        • Paolo

          30 Agosto @ 16.39

          paolo.regg@email.it

          E perché con un nuovo stadio esterno alla città il Tardini perderebbe la destinazione sportiva? Come ho risposto all'amico AndreaF a Reggio il nuovo stadio periferico è stato fatto da un privato e quello cittadino dedicato ad altre attività sportive che però non creano stati d'assedio alla città. Non si può escludere di dedicarlo anche al calcio amatoriale, ma senza loschi interessi ed agonismo violento. Non è il calcio che combatto, ma la violenza che sta dietro alle partite, l'impegno delle forze dell'ordine (a spese di Pantalone), i disagi e danni che spesso arreca alla vita normale della gente. E non mi si dica che queste sono mie fantasie!

          Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Queen: "We will rock you", nuova data a Parma l'11 aprile

Foto d'archivio

Teatro Regio

"We will rock you": nuova data a Parma giovedì 11 aprile

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola deifamosi

Ghezzal quando giocava nel Parma (foto d'archivio)

Canale 5

C'è anche un ex calciatore del Parma all'Isola dei famosi

Quasi 6 mln e 21.9% per 1/a parte Adrian

ASCOLTI TV

Quando c'è il Molleggiato in scena quasi 6 milioni di spettatori per "Adrian"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nino Frassica a Roccabianca, Amanda Sandrelli a Fidenza, aspettando Flashdance al Regio

VELLUTO ROSSO

Attesa per Flashdance al Regio

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Nevica a Salsomaggiore e a Medesano. Allerta in A1 e A15 - Manda le tue foto

PARMENSE

Nevica a Salsomaggiore e a Medesano. "Allerta" in A1 e A15  Manda le tue foto

Cinque centimetri di neve in Appennino

12tgparma

Ladri-vandali devastano la sede della squadra di calcio del Felino Video

12tgparma

Parma facciamo squadra: 227mila euro per i bambini più fragili Video

carabinieri

Sorpreso a spacciare in stazione e arrestato (dopo colluttazione)

GOVERNO

Il Viminale sblocca fondi per edifici pubblici e strade: 2,6 milioni di euro a 42 Comuni del Parmense

bardi

Fiamme in un'abitazione: due intossicati da fumo e casa parzialmente inagibile Foto Video

fidenza

Violenza sessuale sulla figlia dell'ex compagna: operaio finisce in carcere

MALTRATTAMENTI

Nasce la figlia e lui diventa violento: condannato

salute

Alzheimer, all'Università di Parma 200mila dollari per una ricerca sulla proteina "sospetta"

SPACCIO

Due anni e mezzo allo studente che teneva in casa quasi 2 chili di marijuana

incidente

Eia, tamponamento nella notte: due feriti

Romagnosi

«La mia civetta? Un simbolo dell'antica Grecia»

BALI LAWAL

Da top model a operatrice culturale: «Insegno ai giovani ad essere liberi»

Borgotaro

È morto Marco Terroni, il prof cercatore di funghi

BERCETO

Addio al consigliere comunale Roberto Ablondi

LUTTO

Maria Gorreri stroncata da una malattia rarissima a 60 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il ritorno di Berlusconi. La sua sfida più difficile

di Luca Tentoni

LA BACHECA

Ecco 78 offerte per chi cerca lavoro

ITALIA/MONDO

MOLESTIE

Brizzi, archiviate le accuse di violenza sessuale

REGGIO EMILIA

Le offre un passaggio, poi la porta in un appartamento e la violenta: arrestato 45enne

SPORT

RUGBY

Il Valorugby raggiunge la finale contro il Valsugana: intervista all'head coach Manghi Video

SERIE C

Rinviate tutte le partite del Pro Piacenza

SOCIETA'

SPECIALE SPOSI

Un’organizzazione ideale per la giornata più bella

SOS ANIMALI

Cani da adottare a Parma Foto

MOTORI

MOTORI

Ecotassa: quanti paradossi. Ecco chi vince e chi perde

ANTEPRIMA

Toyota, il nuovo Rav4 arriva a marzo