11°

26°

Reggio Emilia

Scuola devastata: denunciati adolescenti "annoiati"

Gli autori del raid hanno 17, 14 e 13 anni

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le matricole: il Trash party d'apertura. Le foto della festa

TONIC

Le matricole: il Trash party d'apertura Foto: ecco chi c'era

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

PARMA

Se una pin-up incontra "mister barba"... Foto fra stile e ironia

Benny Benassi  ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza"

MUSICA

Benny Benassi ricorda Avicii: "E' stato bello conoscerti e aprire il tuo show a Ibiza" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani in omaggio lo speciale agricoltura

INSERTO

Domani in omaggio lo speciale agricoltura

Ricevi gratis le news
7

Sono tre ragazzi di 17, 14 e 13 anni gli autori del raid che sabato sera ha danneggiato la scuola primaria "Marconi" a Cadelbosco Sotto, nel Reggiano. Vetri rotti, muri e pavimenti imbrattati con vernice, toner delle stampanti e la polvere degli estintori, aule a soqquadro, lavagne interattive multimediali danneggiate, sanitari rotti ed altri supporti didattici informatici gettati lungo le scale: i danni erano tali da costringere la chiusura per l'intera giornata di ieri. Inoltre erano spariti 8 computer. 
I giovani individuati dai carabinieri provengono dal Reggiano e dal Modenese, non abitano nel comune dove ha sede la scuola (Cadelbosco Sopra) né l’hanno mai frequentata.
Il terzetto aveva danneggiato gli arredi e rubato 8 computer. Il ritrovamento di uno di questi da parte dei carabinieri, a casa di uno dei tre giovanissimi, ha dato la svolta alle indagini. Gli altri computer sono stati poi trovati nella disponibilità dei complici. Due dei tre ragazzini sono stati denunciati alla Procura dei minori per danneggiamento aggravato e furto in concorso, il più giovane non è invece imputabile perché minore di 14 anni.
Come spiegato nella conferenza stampa al Comando provinciale dei carabinieri di Reggio, alla presenza del comandante, colonnello Antonino Buda, i tre ragazzini hanno ammesso le loro responsabilità ma non hanno giustificato il loro comportamento e si sono chiusi in silenzio. A tratti hanno avuto un atteggiamento arrogante nei confronti dei carabinieri, secondo i quali potrebbero aver agito "per noia".

senza parlare del furto di 8 computer portatili. Questo lo scenario presentatosi ieri mattina alla Scuola Primaria in via G. Marconi della frazione Cadelbosco Sotto, comune di Cadelbosco Sopra (RE). La gravità dell’atto vandalico ha costretto la direzione scolastica a chiudere l’istituto, rimandando gli alunni a casa.
Al gravissimo episodio delittuoso, i carabinieri hanno da subito reagito con l’intenzione di dare immediata risposta con il massimo impegno investigativo, coordinato sul posto dai comandanti della Compagnia di Guastalla, Maggiore Luigi Regni e della Stazione di Cadelbosco di Sopra, Maresciallo Castrich, con il supporto del Nucleo operativo.
I militari, a distanza di poche ore dal blitz dei ladri vandali, hanno identificato i responsabili, recuperando anche l’intera refurtiva, costituita da 8 computer portatili sottratti alla scuola.
Con l’accusa di concorso in furto e danneggiamento aggravato, i carabinieri della stazione di Cadelbosco Sopra e del nucleo operativo della Compagnia di Guastalla, hanno individuato tre minorenni, denunciandone alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna due, segnalando il terzo poiché non imputabile, in quanto di età inferiore ai 14 anni.
I carabinieri hanno recuperato anche tutti gli 8 computer rubati alla scuola, uno dei quali già resettato e pronto ad essere riciclato.
I diretti interessati, peraltro non iscritti presso l’istituto, ovviamente non hanno saputo o voluto “giustificare” il gratuito vandalismo trincerandosi nel più assoluto silenzio, palesando anzi incosciente arroganza. A loro i carabinieri sono arrivati grazie a un’intuizione del comandante della stazione di Cadelbosco Sopra, avendoli notati assieme la sera del furto, ha poi trovato i dovuti riscontri ai suoi sospetti.
Questa mattina la scuola dopo un giorno di chiusura forzata, ha potuto nuovamente accogliere i propri studenti e che dalle ore 12.30, grazie all’Arma dei Carabinieri, potranno utilizzare nuovamente i costosi supporti didattici sottratti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo

    08 Marzo @ 15.22

    filippo.cabassa.1970@gmail.com

    Se ne può conoscere la nazionalità? Giusto per essere sicuri. Grazie

    Rispondi

  • Daniela

    08 Marzo @ 14.51

    Vediamo se si annoiano a fare un lavoro socialmente utile quale ripulire i bagni della stazione per un paio d'anni....magari....

    Rispondi

  • simo

    08 Marzo @ 08.55

    Annoiati? Addirittura arroganti nei confronti dei carabinieri? Li spedirei dritti in miniera e appena osano fermarsi farei sentir loro il mattarello!!!! Nessuna pietà x questi 3 giovanotti!!!!

    Rispondi

  • ingeniere

    08 Marzo @ 07.55

    come si fa ad essere annoiati a quell'età,hanno tutto ciò che vogliono o forse è proprio quello l'errore.Certo che i genitori però.......

    Rispondi

  • Clipper

    08 Marzo @ 00.27

    "Si sono chiusi in silenzio" ? E i genitori invece cosa dicono?

    Rispondi

Mostra altri commenti

Lealtrenotizie

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

Coltaro

Luigi Bertolotti «un amico meraviglioso, ottimo lavoratore»

Incidente a Pastorello

Federico Miodini, «il Miodo» giovane padre innamorato della vita

CARABINIERI

Trovata a Fidenza dopo 13 giorni la ragazza scomparsa da Piacenza

RISSE NELLA NOTTE

Via d'Azeglio, la lite finisce a morsi di pitbull

3commenti

GAZZAREPORTER

Grosso ramo cade al Parco Ducale: le foto di un lettore Foto

Foto di Massimo Mari

Soragna

Ragazzi rapinati, notte di terrore alla «Ponzella»

Noceto

Morto improvvisamente a 47 anni Filippo Virgili, lavorò per il Papa

CARABINIERI

Pusher in bici fermato con 30 grammi di marijuana a Salsomaggiore: denunciato

Si tratta di un 26enne nigeriano, che ha cercato di allontanarsi alla vista di una pattuglia

1commento

PARMA

Incidente in tangenziale sud: rallentamenti fra le uscite Campus e via Montanara

Disagi fra le 9 e le 10

2commenti

PARMA

Ruspa danneggia un tubo: perdita di gas in zona Mercati, evacuati due edifici

L'emergenza è scattata attorno alle 9 ma è rientrata presto: sono intervenuti i tecnici di Ireti e i vigili del fuoco

infortuni

Infermeria Parma calcio, cattive notizie per Munari e Lucarelli

4commenti

AMORE SENZA FINE

Laura e Raffaele, marito e moglie muoiono a 24 ore di distanza

FIDENZA

Svincolo killer, finalmente i lavori per renderlo sicuro

PARMA

Bersaglieri ciclisti: i fanti piumati in festa per le strade della città Foto

indagini

Alcol a bimba di 4 anni: famiglia denunciata per maltrattamenti

I protagonisti della vicenda abitano a Parma

2commenti

Intervista

Carminati: «Tosca è una tavolozza perfetta»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La generazione che rinuncia a educare i propri figli

di Michele Brambilla

6commenti

IL VINO

«5 Stelle Sfursat di Nino Negri» rigore ed equilibrio unici

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

TERREMOTO

Terremoto: scossa di magnitudo 3.0 sull'Appennino tosco-romagnolo

ELEZIONI

Molise, vince il centrodestra: il nuovo presidente è Donato Toma

SPORT

MOTOGP

Austin, domina Marquez. Iannone 3°, Rossi 4°. Dovizioso leader del Mondiale

1commento

SERIE A

Campionato riaperto: il Napoli batte la Juve ed è a -1

SOCIETA'

lutto

Morte di Avicii: "Non ci sono sospetti criminali"

low cost

Aerei, arrivano i sedili a forma di sella da cavallo per l'ultima classe Foto

1commento

MOTORI

ANTEPRIMA

Bmw M2 Competion, 410 Cv più "democratici"

NOVITA'

Kia Picanto X-Line: la citycar diventa crossover