Magnani Rocca

Da Balla a Mafai, 60 anni di arte romana

0
 
Una splendida selezione di arte romana del '900, proveniente dalle collezioni della galleria civica della capitale è in mostra da domani negli spazi della Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo (Parma), chiamata a ragione la 'villa dei capolavorì per i tesori che custodisce. Accanto ai dipinti di Goya, Tiziano, Cezanne, Renoir, Morandi raccolti durante la sua vita da Luigi Magnani, sono allestite fino al 5 luglio 107 opere tra oli, disegni, grafiche, sculture, attraverso cui è possibile ricostruire 60 anni di produzione artistica fiorita a Roma, in un susseguirsi di movimenti e suggestioni straordinari e testimoniati da maestri quali Sartorio, Balla, de Chirico, Mafai, Scipione e molti altri.
Con il titolo 'Roma '900', l’importante rassegna è nata da un incontro tra il curatore della Fondazione, Stefano Roffi, e la direttrice della Galleria d’Arte Moderna della capitale Federica Pirani, per valorizzare ambedue le raccolte. «Luigi Magnani ha vissuto a lungo a Roma, era professore di Storia del manoscritto e del libro antico alla Sapienza, frequentava i migliori salotti e conosceva gran parte degli artisti, letterati, intellettuali della città eterna». De Pisis e Guttuso li aveva incontrati in occasione di loro messe in scena teatrali o liriche (Magnani un appassionato e raffinato esperto di musica classica) e anche in virtu del rapporto di amicizia che ne era scaturito, aveva cominciato ad acquistarne le opere.
Ma Magnani collezionava anche i lavori di Orfeo Tamburi, de Chirico, Manzù, Mafai, come si può vedere visitando la raccolta (140 opere circa) della Villa immersa nella campagna parmense. L'dea della mostra nasce quindi dal desiderio di documentare uno degli aspetti fondanti della collezione e, d’altro lato, ha trovato riscontro nella volontà dei curatori della Gam di Roma di restituire alla fruizione le opere novecentesche custodite nei depositi. «Attualmente stiamo dedicando i nostri spazi all’arte del XIX secolo - dice la Pirani - e, in attesa del futuro ampliamento della sede, vogliamo promuovere anche la collezione del '900 romano».
Ecco quindi la selezione condotta con Roffi e Maria Catalano (sempre della Gam) su un totale di 260 opere, cercando di restare in sintonia con le scelte collezionistiche operate a suo tempo da Magnani. Il percorso espositivo inizia con i primi decenni del '900, vale a dire la tensione simbolista che dava nuove forme e colori al vedutismo (Sartorio) per procedere poi con la stagione della Secessione romana, apertasi nel solco di Klimt. Dalla bellissima 'Violettè di Enrico Lionne (icona della mostra) al magnifico 'Il dubbiò di un Balla pre-futurista (che a questo ritratto della moglie Elisa disegna anche la cornice), la sezione culmina con 'Nel parcò di Amedeo Bocchi, omaggio a Parma attraverso un dipinto capace di emanare una propria intrinseca luce.
Il Futurismo è presente nella sua fase più tarda, quella dell’aeropittura, con panorami cittadini visti (o immaginati) dall’alto, dominati dal senso di velocità e dinamismo tipici del movimento fondato da Marinetti. E proprio di sua moglie Benedetta c'è un mare caprese di spiazzante modernità, affiancato da dipinti di Prampolini, Depero, Dottori. La cavalcata nel XX secolo romano prosegue con la corrente artistica del 'Ritorno all’ordinè, la riscoperta, dopo gli estremismi delle avanguardie, dei canoni degli antichi maestri (primo tra tutti Piero della Francesca) rivisitati però con nuova sensibilità. Strepitosa la parete dedicata alle nature morte, in cui si susseguono capolavori di Casorati, de Pisis, Francalancia, Melli e Severini (un meraviglioso mosaico). Ma non mancano de Chirico ('Combattimento tra gladiatorì), Carra ('Partita di Pallonè), Donghi ('Donna alla toelettà), e ancora Casorati con l’ambigua 'Susannà.
Le ultime due sale della mostra sono interamente riservate ai massimi esponenti della Scuola romana e alla loro pittura selvaggia, disordinata e violenta nei toni della tavolozza. Dai tetti di Fausto Pirandello alla 'Casa del Foro Traianò di Mafai fino ad arrivare allo strepitoso 'Cardinal Decanò di Scipione (che inventa un’irreale e concretissima atmosfera infuocata da fine del mondo), il movimento è testimoniato in tutta la propria dirompente visionarietà espressiva. Non mancano i tetti romani di Guttuso (amico di Magnani, che visitava spesso e ogni volta lasciava sul libro degli ospiti un disegno dei pavoni che popolano il parco della villa) a introdurre il dibattito tra figurazione e astrazione di cui il pittore siciliano fu tra i protagonisti. Ma forse la scena se la prende tutta il grande (e astratto) 'Comiziò di Turcato, con il motivo delle bandiere rosse, al quale lo stesso Guttuso guardò.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

incidente

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

3commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)