12°

crac Parma Fc

Leonardi in tv per la "sua verità": "Mia figlia minacciata a Parma"

La figlia scrisse: "la gente lasciamola pure parlare, tu resti l'unico vero in un mondo di falsi"

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Romanzo famigliare supera i 5 milioni di spettatori è campione di ascolti in tv

TELEVISIONE

Romanzo famigliare supera i 5 milioni di spettatori è campione di ascolti in tv

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta

LONDRA

Dolores O'Riordan: per la polizia non è una morte sospetta Video

Fiocco rosa per Kim Kardashian e Kanye West

STATI UNITI

Fiocco rosa per Kim Kardashian e Kanye West Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Ricevi gratis le news
6

Leonardi era scomparso. Se non per la sua esperienza al Latina come dg. Poi la preclusione e le dimissioni (leggi), il ricorso respinto (leggi). E il "suo" Latina? La società in questi giorni aderisce all'istanza: si va quindi al fallimento pilotato. Ora l'ex plenipotenziario del Parma pare un fiume in piena. L' "antipasto" in un'intervista pochi giorni fa (leggi) con tanto di "scaricabarile" a Ghirardi che ha replicato a sua volta (leggi). Insomma pare che qualcuno abbia trovato le motivazioni, ora, per parlare a ruota libera. Leonardi, ieri sera è intervenuto di nuovo. Lo ha fatto a Sportitalia: "Non siamo in un'aula di tribunale, non sono queste le sedi in cui si deve decidere il responsabile del fallimento del Parma. Ognuno avrà una sua opinione. Io voglio dire la mia dopo due anni di silenzio, voglio raccontare la mia verità. Non ho detto che sono innocente, ma sto raccontando la mia verità. Chi è preposto a giudicare è giusto che lo faccia. Come ho accettato la radiazione della Federazione senza parlare, mi si deve riconoscere la possibilità di parlare adesso". Quindi, chi è il responsabile del fallimento del Parma? "Io avevo la firma fino a centomila euro, non sono io che devo dire chi è il responsabile. C'è un organo competente".  Si entra nel vivo: "Quando sono arrivato al Parma, la situazione debitoria era di 105 milioni di euro. Dopo 6 stagioni con me la posizione è rimasta tale: vuol dire che la società ha gestito il tutto senza aggravare la posizione, che era già grave nel 2009. La mia gestione era impostata sull'autogestione. Gli acquisti li abbiamo sempre fatti, abbiamo scelto la quantità: per azzeccarne uno buono come Sansone dovevo prenderne cinque". Il punto cruciale: "Nel 2007-08 la situazione è peggiorata: la retrocessione in B ha aggravato tutto". I giornalisti lo incalzano, lui a tratti si innervosisce e risponde in modo risentito. Ma c'è chi gli chiede anche come mai il Parma avesse 137 giocatori tesserati: "Sembrava un numero esorbitante, ma anche ora se guardate ci sono dei club che hanno tanti calciatori a disposizione". Nei fatti  "avevamo costruito una collaborazione col Nova Gorica e col Gubbio, grazie a queste collaborazioni c'erano tanti calciatori che avevano un valore patrimoniale non indifferente. Possiamo parlare di Mario Rui, Defrel e Lapadula". Poi, altre questioni, le accuse di avere ricevuto pagamenti da alcune famiglie per far giocare i figli: "Se c'è qualcuno che ha pagato, mi denunci. Sono a disposizione". Un concetto, il "rinvio" alle autorità giudiziarie, lanciato in più occasioni, come quando si parla delle accuse di avere messo a bilancio due plusvalenze, in modo retrodatato: "L'irregolarità, da questo punto di vista, non esiste. Le vendite di Parolo e Rosi sono state concretizzate. Se ho commesso degli errori, è chi di dovere che deve giudicare". Ma possibile che lui non si sia accorto di quello che stava succedendo? "Fino a maggio, quando poi emerse la questione "iscrizione all'Europa League", ho temuto che la situazione non potesse più andare avanti. Il Parma comunque aveva pagato sempre tutto con regolarità. Ma proprio in quel momento emersero dei dubbi. Ghirardi si dimise, anche se non in modo ufficiale. In quel momento, però, le persone intorno ci sostenevano. Poi arrivò la trattativa tra Ghirardi e Taçi che venne fatta in modo normale e autonomo. Personalmente ho conosciuto Taçi solo dopo l'accordo tra lui e Ghirardi. La cena tra noi di cui tanto si parla,  venne organizzata da altri. Se tornassi indietro, dinnanzi a questo fatto, andrei via. Ma l'ambiente mi chiese di restare, di non andarmene". Qualcuno chiede come mai non si è dimesso: "Infatti mi dimisi". Poi sono emerse minacce alla figlia, sola a Parma per la maturità: "Se ho sbagliato devo pagare, ma la famiglia però non c'entra nulla ed è stata "toccata" dalla vicenda. Mia figlia, infatti, è rimasta a Parma fino a giugno per finire la scuola, dopo aver pubblicato delle foto ha ricevuto insulti e minacce. Una cosa sono io, un'altra è la sfera personale. La famiglia deve restarne fuori". Sembra strano che ora si sia messo a parlare, proprio ora: "Non parlare prima è stata una mia scelta, era giusto. Dopo i giudizi della FIGC e del Tribunale di Bologna, non posso aspettare il processo di Parma per parlare. Quindi, per questo ho deciso di tornare a parlare adesso".

Ecco il post della figlia che scatenò polemiche e le minacce menzionate da Leonardi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Bastet

    18 Febbraio @ 01.44

    Whahhahahah...tu rimani l'unico vero???? Ma l'ha passato l'esame di maturità ? Ma Per favore!

    Rispondi

  • Enzo

    17 Febbraio @ 23.24

    Quindi ci sono persone FALSE rimaste sul lastrico per l'operato di persone VERE... ho capito bene?

    Rispondi

  • Michele

    17 Febbraio @ 18.52

    mandra_sala@libero.it

    Non esageriamo.... non faccia la vittima !!! Ha lasciato un buco di 2 milioni di euro nelle casse del comune... denari che Pizzarotti ha lasciato nelle mani di Ghirardi per non aver riscosso servizi erogati e affitti dello stadio. Soldi che stanno pagando i parmigiani.... cosa pretende questo qua ? Che gli si dica anche grazie ? Va a vedere che ha ragione lui !!!! Ed il sindaco che gli ha lasciato i soldi.... per poi tagliare i servizi ai disabili !!!

    Rispondi

  • Michela

    17 Febbraio @ 16.05

    Se io fossi innocente, parlarei subito, cercherei in ogni modo di difendre la mia onestà. non dopo 2 anni. Ma mi faccia il piacere.

    Rispondi

  • Enzo

    17 Febbraio @ 15.50

    La figlia (che io di certo non ho minacciato, lo dico a scanso di equivoci) aveva pubblicato sui social accuse a tutti e assoluzione al padre: una cosa del tipo "sei l'unico vero in un mondo di falsi". Credo che sia questo "outing" ad aver scatenato l'ira di gente comune, fornitori del Parma, che magari non arrivavano alla fine del mese perché il sig. Leonardi, era (secondo lui - poi lo dirà la magistratura) responsabile del fatto che non gli veniva pagata una lira da 2 anni. Quindi la colpa non era essere sua figlia, ma averlo difeso pubblicamente e soprattutto aver detto che tutti gli altri sono FALSI. Come dire che io che non arrivo alla fine del mese perché da 24 mesi non becco una lira e ho moglie e figli da mantenere sono un FALSO e lui invece è un VERO. Posso capire chi si è adirato...

    Rispondi

    • Enzo

      17 Febbraio @ 16.25

      a scanso di equivoci dico anche che non volevo indicare i fornitori del parma quali minacciatori della figlia di Leonardi. peraltro che sia stata minacciata è tutto da dimostrare, e visto che il personaggio già in passato ha detto cose non vere, da qui a dire che quello che dice è vero ce ne passa...

      Rispondi

Lealtrenotizie

Ponte Verdi a Ragazzola

roccabianca

Schianto tra due auto e un camion sul Ponte Verdi: muore un 60enne

Ferito un 43enne parmigiano. E torna la protesta per un tratto "ad alto rischio"

1commento

5 stelle

Parlamentarie: i nomi dei 28 parmigiani in corsa. E le esclusioni che fanno discutere

1commento

Anniversario

Filippo Ricotti, un anno dopo. La mamma: "Massese, nessuno fa nulla"

Lettera della madre del 17enne travolto e ucciso sulla Massese un anno fa a Cascinapiano

1commento

tg parma

Donna denuncia taxista: si lavora per un accordo Video

PARMA

Scuole elementari: due casi di scabbia al Maria Luigia

Confconsumatori

Telegramma in ritardo, donna saltò concorso: Poste condannate 

Poste Italiane condannate per “perdita di chance”

CONDANNA

Si avventa contro la fidanzata e le fa sbattere la testa contro la portiera dell'auto

2commenti

LUTTO

E' morto Luigi Renzi, popolare ex gestore del bar Capriccio

tg parma

Parma, tutto su Ciciretti. Piacciono Fossati e Morleo. Gazzola titolare

Salsomaggiore

Addio al prof Vighi, una vita per lo sport

DEGRADO

Parma, quei 18 luoghi abbandonati in cerca di futuro: foto-storia

6commenti

Ferrovia

I pendolari della Parma-Brescia: «Ogni giorno è un'odissea»

TRASPORTI

Voucher, sconti, tariffe: tutte le novità nel servizio taxi a Parma

Prevista anche la Carta dei servizi

PARMA

E' morta al Maggiore la 71enne ucraina travolta in via Langhirano Video

L'incidente è avvenuto il 2 gennaio

gazzareporter

La notte buia di via Marchesi. "E' così da un mese"

FOTOGRAFIA

"I miei occhi per l'India": foto di viaggio di Niccolò Maniscalco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché l'atomica torna a fare paura

di Paolo Ferrandi

3commenti

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

di Daniele Rubini*

1commento

ITALIA/MONDO

GIALLO

Omicidio a Mantova: 57enne accoltellato lungo una pista ciclabile

bologna

Praticante avvocata in aula con il velo, il giudice la fa uscire

SPORT

GAZZAFUN

Un anno di Parma: scegli i momenti più belli

CALCIO

Ecco Marcello Gazzola con la maglia del Parma

SOCIETA'

IL CASO

Il ministero della Salute: "Nessun insetto autorizzato nei menu"

BLOG

Il "bugiardino dei libri" di Marilù Oliva - 2

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

DETROIT

Le novità del Salone: è sfida tra pick-up Gallery