-2°

Arte-Cultura

"Libero arbitrio? Solo un'illusione"

"Libero arbitrio? Solo un'illusione"
Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Martini
Quando, al termine della nostra conversazione, il professor Enrico Bignetti mi ha chiesto se volessi un caffè, lì per lì mi è venuto il sospetto che volesse mettere alla prova il mio libero arbitrio. Si trattava in realtà solo di un gesto di squisita cordialità, ma ormai avevo capito che non ero io a decidere la mia risposta. Ma di questo dopo. Per adesso cercheremo di spiegare perché il suo modello biocognitivo, ormai conosciuto come «modello Bignetti»  fin dal 2001 quando lo espose nel suo volume «Dissacrazione della coscienza» (Edizioni Il Valico), metta in crisi l’opinione diffusa sul concetto di libero arbitrio.
Bignetti non solo ne è stato un antesignano, ma in questi anni ha corroborato le proprie acquisizioni scientifiche con numerosi articoli e da pochissimo tempo con una pagina web (www.freewill.unipr.it/freewill/home_page.html) che ne aggiorna i risultati. Lasciate nel corridoio le teche con i grandi scheletri animali della collezione Lemoigne della Facoltà di Veterinaria dell’Università di Parma, dove Bignetti insegna biochimica clinica e biologia molecolare e si occupa anche di effetti psico-attivi degli alimenti, proviamo nel suo studio a focalizzare con lui i termini del «modello».
Tanto per cominciare, professor Bignetti, si sa spiegare come mai ultimamente nella comunità scientifica stiano fiorendo tanti studi sul libero arbitrio?
Le dirò che sono fenomeni frequenti nel mondo degli studi. Improvvisamente tantissimi studiosi se ne escono con articoli divulgativi sullo stesso argomento. Esiste forse una cooperatività segreta, o un passaparola, per cui accade così.
Tuttavia lei è stato un antesignano negli studi scientifici su questo argomento. Dove affonda le radici?
Tutto è nato quando ho incontrato Jean Klein, maestro yoga della scuola Advaita Vedanta, sostenitore dell’idea che «il film della nostra vita è già stato scritto; non dobbiamo preoccuparci delle immagini che scorrono sullo schermo ma piuttosto guardare alla sorgente che ne illumina i fotogrammi». Solo con il tempo, riflettendoci e cominciando a insegnare yoga a mia volta, ho compreso il significato profondo di quelle parole. E cioè che l’obiettivo del film della propria vita è la comprensione stessa che il film è già scritto. Secondo il millenario pensiero del Samkhya la coscienza può percepire solo ciò che è accaduto da quel momento in poi. Quindi noi crediamo di decidere, ma in realtà ci accorgiamo solo di quando lo facciamo, perché la natura lo ha già determinato.
Apparentemente un po' poco per demolire secoli di dibattito sul libero arbitrio in Occidente.
E infatti mi sono chiesto come coniugare questa concezione, che chiaramente elimina l’idea di libero arbitrio, con la netta consapevolezza che noi tutti possediamo circa la responsabilità delle nostre azioni. Del resto il libero arbitrio a pensarci bene è un concetto assurdo.
In che senso?
Nel senso che per essere davvero libero ogni individuo dovrebbe decidere a caso, sempre e senza alcuna motivazione. Ma ovviamente così sarebbe solo il caos. La realtà è diversa.
E infatti da biologo, avrà sentito il bisogno di verificare questa realtà con mezzi scientifici, immagino.
Certamente. E tutto mi si è cominciato a chiarire quando ho scoperto i lavori del fisiologo americano Benjamin Libet, premio Nobel del 2003, sulla precedenza dell’attività corticale rispetto alla consapevolezza della decisione cosciente. Si tratta di un anticipo di 200 millisecondi, un tempo enorme in termini biologici.
Ma non si potrebbe chiamare libero arbitrio già quell'azione del cervello? In fondo siamo pur sempre noi a metterla in moto.
La differenza sta nel fatto che l’individuo non è cosciente di quel primo meccanismo cerebrale. Se però l’uomo ha elaborato il concetto di libero arbitrio, un motivo ci sarà. Ed ecco il punto centrale del mio modello: in realtà il soggetto ha bisogno dell’idea di libero arbitrio, per potergli attribuire la responsabilità di un’azione in modo da interpretare in forma egocentrica ogni piccolo apprendimento del cervello e costruirsi l’illusione di una personalità a cui attribuire le nostre decisioni per convincerci di averle prese noi. In realtà il cervello si limita ad agire secondo un meccanismo di premio o punizione sulla base di quanto appreso in precedenza. Quindi il libero arbitrio è un’illusione, che ha però un ruolo fondamentale nella condizione umana ed evolutiva. È il modo con cui ha imparato e impara a fare qualsiasi cosa. Coscienza è solo constatare ciò che accade quando un’azione viene compiuta.
Ma in questo modo non si perde anche la personalità individuale?
No, perché, anche se dal punto di vista del meccanismo in tutti gli esseri umani i neuroni lavorano incessantemente allo stesso modo, il risultato di quel lavoro è determinato dal tipo di stimolo e dalla rete di apprendimenti costruita dal singolo soggetto nel tempo.
Sa che qualcuno potrebbe pensare che questa teoria sia indotta, vero?
Ma certamente, è indottissima, e non ho problemi ad ammetterlo. Però gli esperimenti scientifici, a partire da quelli di Libet, confortano questo modello.
Ci sono anelli che non tengono in questa teoria?
Diciamo che sarebbe utile capire il meccanismo attraverso il quale il nostro sé interiore cosciente riesce a percepire il movimento del pensiero e del corpo durante una azione volontaria. Probabilmente i neuroni-specchio potrebbero essere individuati come interessanti mediatori del meccanismo di apprendimento, soprattutto se si optasse a interpretare la loro natura come prodotto dell’apprendimento associativo anziché in forma adattativa, nella quale cioè prevale l’idea di una loro preesistenza.
Lei è anche artista figurativo, fa installazioni. Come sistema la dimensione estetica in questo modello cognitivo?
Credo ai doni di natura e alle coincidenze meravigliose che stimolano un’espressività particolare. Nel mio caso la ricerca per l’espressione artistica corre su un binario parallelo con la ricerca scientifica. La curiosità è un’onda che sospinge verso mete ricche di immaginazione. Immaginare significa pensare, e i neuroni sono nati per pensare, continuamente.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"La Buca dei diavoli"

CHICHIBIO

"La Buca dei diavoli": non solo pizza secondo tradizione

Lealtrenotizie

Notturni in Musica. I successi del jazz e del musical

CULTURA

Restauri di monumenti: 3,8 milioni per interventi a Parma e nella Bassa

Ecco gli interventi nel Parmense: Parma, Colorno, Busseto, Soragna, Coltaro, Fontanelle e Zibello

tg parma

Presunta tratta di calciatori africani: concessi i domiciliari a Drago Video

elezioni

Salvini a Parma e Traversetolo: "Meno tasse, meno burocrazia e meno clandestini" Video

3commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Addio a Dalmazio Besagni: era la memoria storica di Busseto

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

3commenti

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

COMITATO

Manifesto per San Leonardo chiede più sicurezza: "Non installate le telecamere promesse"

Lettera aperta alla giunta comunale: "Bene essere capitale della cultura ma vorremmo che Parma fosse città sicura 2018"

2commenti

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

PARMENSE

L'Inail acquista la nuova sede dell'istituto Solari di Fidenza

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

1commento

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

LAVORO

64 nuove offerte

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

VIOLENZA

Legato mani e piedi e picchiato a sangue il responsabile di Forza Nuova a Palermo

SPORT

FORMULA 1

Il ritorno del "Biscione": ecco l'Alfa Romeo C37

Calciomercato

Pirlo lascia il calcio e annuncia il suo match di addio

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

libri

Mago Gigo racconta Capitan Braghetta, "il supereroe che è dentro di noi" Video

MOTORI

NOVITA'

Mercedes Classe B Tech, quando la tecnologia è alla portata

IL CASO

Il pubblico ha scelto: si chiamerà Tarraco il terzo Suv di Seat