12°

22°

gusto

Arundo, ad ogni vendemmia nuove sensazioni

Il vino a cura di Andrea Grignaffini

Arundo, ad ogni vendemmia nuove sensazioni
Ricevi gratis le news
0

Dopo anni di perizie, carotaggi, e analisi condotti sui suoli dell’ecumene vinicola altrui due appassionati geologi legati da un sodalizio professionale ventennale, decidono di emanciparsi e scommettere su un percorso enologico tutto loro.
Correva l’anno 2007 e Vigna Meridio nasceva così, come esito di un percorso professionale costruito su presupposti solidi, terragni, ben piantati nella trama della bruna terra di Chiaramonte Gulfi, provincia di Ragusa, dove trova genesi la produzione di Gianni Salafia e Gaetano Luca.
Due loro, come due le dominanti pedologiche di questo ettaro di terra ciottolosa, calcarea da un lato e sabbioso-marnosa dall’altro, poggiate a loro volta su due substrati ulteriori, calcarenitico il primo e marnoso il secondo. Una terra prospera in minerali e prodiga di elementi organolettici su cui Gianni e Gaetano, dal 2007 chiamati da tutti con l’appellativo di geologi vignaioli, hanno issato gli alberelli iblei dei tre vitigni prediletti: Alicante, Nero d’Avola e Frappato.
E così, risalendo le origini ctonie che lo determinano, si arriva a comprendere la magnanima ma fine trama di Arundo, l’unica etichetta di questa storia (per ora), che mutua il nome dal latino con cui si designava la canna che tradizionalmente veniva usata in zona come naturale supporto per la vite.
La tradizione, del resto, per loro è un dogma da ricostruire e ripercorrere fedelmente, perfino fisicamente durante le sempiterne incombenze quotidiane e che la sua corretta esegesi, del resto, sempre comporta e che sono innumerevoli e sconosciute a chi non condivide il loro credo.
Per il profano, difatti, si tratta nient’altro che di una serie di apparenti minuzie comportamentali che sembrano sussistere più a carattere rituale che altro, ma che invece la perizia geologica da un lato e la trama fitta e complessa di Arundo dall’altro non fanno che confermare.
Come la raccolta della liama, che avviene in una precisa fase lunare e la sostituzione della suddetta anno per anno. Una tradizione enologica che esige esclusività nei trattamenti e assolutezza in termini di concentrazione, che i due adempiono senza fatica apparente in virtù dell’affetto per la loro vigna cui «tengono come a una figlia femmina…»
E, infatti, solo la liama, il filo d’erba locale utilizzato per fissare la vite alla canna, ogni anno viene lasciata cadere su vigna Meridio, di cui diventerà parte integrante trasformandosi in humus, in un ciclo che conferma quanto la vite altro non voglia se non quello che proviene dalla ratio di madre natura.
Per tutte queste ragioni, la degustazione di Arundo ci ha regalato sensazioni vibranti, scalpitanti, come il trotto di un giovane puledro purosangue.
Un vino vivo, che cambia ogni anno esclusivamente in funzione delle annate, di cui è perfetta proiezione nonché emblema delle reazioni che queste han prodotto sui vitigni coinvolti ma che, a dispetto dell’irruente indecidibilità del clima, regala sempre un vino di grande freschezza, e di sicuro avvenire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

1commento

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

1commento

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lealtrenotizie

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

BLOCCO DEL TRAFFICO

Più della metà delle auto diesel dei parmigiani non può transitare

TRIBUNALE

«Florentina, non ci sono abbastanza prove per processare Devincenzi»

IL CASO

L'ex moglie smaschera il marito dalle mille identità

SERIE B

Parma, batti un colpo

FURTO

Salso, i ladri bucano la finestra e fanno razzia

COLORNO

Ponte sul Po chiuso, tutti a piedi verso Casalmaggiore

MONCHIO

Rubata un'auto, razzia di attrezzi da lavoro e tentato furto in un bar

Cultura

Cimeli verdiani, Ministero interessato

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

6commenti

Anteprima Gazzetta

Caso Florentina: la procura chiede l'archiviazione per Devincenzi

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

CARABINIERI

Insegnante scompare a Reggio: trovata a Guastalla dopo due giorni

LECCE

Bimbo di due anni muore schiacciato dal televisore

SPORT

serie b

Anticipi e posticipi : il calendario del Parma fino al 2 dicembre

F1 GP USA

Libere: domina Hamilton. Vettel (terzo) gira poco

SOCIETA'

Medicina

Boom delle malattie legate al sesso: sifilide +400%

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro