-2°

Il racconto della domenica

La carrozzina del mio amico Athanas

il Racconto della Domenica

Rubrica: il Racconto della Domenica

0
 

Non era la prima volta che portavo un carico di materiale a Bushat in Albania.

Viaggi della solidarietà, viaggi della provvidenza senza candele e senza incensi a chi sta peggio di noi.

Ai più poveri dei poveri, ai disabili, agli infermi, a chi non può frequentare la scuola, alle donne scacciate dal marito manesco, ai malati senza speranza; a chi vede il sole coricato su un letto attraverso i vetri della finestra e il mondo non gira per loro ma per qualcuno capace di farlo girare a suo piacimento, sfruttandone anche le pieghe nascoste per gloriarsi del successo economico, della ricchezza che mai potrà piegare al suo volere di uomo solidale con la società che soffre e lavora per permettere una gioia a chi non può procurarsela con i propri mezzi.

Alla Casa Bethel abbiamo scaricato il materiale destinato ai loro ospiti e ai Fratelli della Carità.

La seconda parte del carico è stata destinata alla Casa delle suore di Maria Teresa di Calcutta a Scutari.

Il resto del carico alla Casa delle Suore di Madre Teresa a Durazzo.

Questi viaggi sono sempre provvidenziali.

La nostra modesta ma utile Associazione, «Di mano in mano», senza fini di lucro, ricicla l'usato, materiale di recupero, donazioni e con mercatini da noi stessi guidati e amministrati, acquista da generose aziende materiale che serve di giorno in giorno per i paesi poveri.

Balle di cotone per le donne che lavorano l'uncinetto, carta igienica, letti ortopedici, scarpe, braghette e magliette per bambini, pannoloni, alimenti, pasta, fagioli, medicine, abiti, carrozzine.

Quando partiamo sul camion non c'è più posto per farci entrare uno spillo.

Sono viaggi faticosi ma piacevoli.

Mi sono d'aiuto nella vita, mi regalano la serenità nel donare un sorriso e un paio di mutande, un paio di calze di lana per l'inverno, uno spazzolone per pulire in terra.

Siamo attesi con gioia e impazienza, e il nostro arrivo è sempre una festa.

Il più bel regalo non è un grazie, ma il loro semplice sorriso.

A Bethel ho conosciuto un amico.

Un uomo dall'età indefinita, capelli bianchi ricciuti, viso largo, occhi buoni, naso carnoso, barba corta sotto al mento, sorriso amichevole, costretto a vivere a letto.

Non cammina, non si può muovere.

Passa le sue giornate in un sonno di malato sognando la carrozzina elettrica che mi ha chiesto con occhi umidi fin dal primo giorno che ci siamo incontrati.

La desidera per muoversi da quel letto di penitenza, girare per la casa, andare a salutare la cuoca, curiosare cosa succede in cucina, provare a sorridere.

Mi chiama «Mario, il fratello italiano». Gli rispondo che ancora non l'ho trovata la carrozzina elettrica per lui, il mio amico Athanas, albanese di Bushat.

Quando tornavo in Italia m'interessavo nelle piccole aziende dove si producono attrezzature per disabili.

Mi sono recato a Modena dall'amico Tamasini, niente, un buco nell'acqua. Non era il primo, ma Athanas mi stava a cuore, e ce la mettevo tutta.

Passò del tempo. Feci un altro viaggio con un carico in Albania a Bushat. E lo trovai di nuovo il mio amico Athanas deluso e amareggiato che mi abbraccia e mi saluta col magone in gola. Athanas ha pazienza e speranza.

Attende. E ogni volta i suoi occhi si velano di lacrime ma lui non vuole piangere. Mi chiama Mario e dice «grazie» per quello che faccio nella ricerca della carrozzina elettrica.

Lui sa, capisce tutto e aspetta.

L'ultima volta a Bushat mi cercano al telefono dall'Italia. E' il mio amico Tamasini il costruttore di carrozzine elettriche che mi dice «Mario, c'è una sorpresa. Ti ho trovato la carrozzina per Athanas il tuo amico albanese. Non è nuova. Ho cambiato dei pezzi e funziona a meraviglia. Puoi stare tranquillo. E' un mio regalo per il tuo amico».

Ho affrontato un viaggio per Athanas. Al ritorno quando gli ho messo la carrozzina davanti agli occhi con i comandi rossi e verdi si è sciolto e allora sì, le lacrime di gioia sgorgavano come un fiume in piena attraverso i suoi occhi. «Faleminderit, Faleminderit», semplicemente grazie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

1commento

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti