10°

22°

Centro studi monte sporno

«Valle di Castrignano, gioiello da salvare»

Dopo il crollo della stalla, l'allarme di Ferrari: «Non si investe nel restauro». «Manca un impegno culturale da parte dei Comuni e dei privati»

«Valle di Castrignano, gioiello da salvare»
Ricevi gratis le news
0

«Questo borgo è uno dei più belli della provincia di Parma. Non è un paese abbandonato dove le case crollano. Se succede è perché non c’é la volontà di tenerle in piedi». Il Centro Studi Monte Sporno, per voce del suo responsabile Jacopo Ferrari, interviene così all’indomani del crollo dell’antica stalla a Valle di Castrignano, accanto alla quale abita una famiglia con una bambina di un anno. Oltre al pensiero per il rischio vissuto dalle persone, il Centro Studi, che riunisce architetti, esperti di cartografia, guide escursioniste e semplici amanti dell’appennino, aggiunge una riflessione sul rischio di perdere l’identità dei luoghi. «Questa valle è uno dei luoghi più belli delle Provincia, con un borgo che è secondo solo a quello di Torrechiara nel panorama langhiranese - sostiene Jacopo Ferrari -. Se gli edifici cadono non è per il terremoto, ma perché non si attribuisce il giusto valore alla nostra storia materiale e questo è il motivo per cui non si operano le necessarie opere di prevenzione. Non è vero, come è stato detto, che non sono arrivati i fondi per i danni da terremoto. I finanziamenti sono arrivati, però bisognava presentare un progetto di restauro per ottenerli così come prevedeva la legge».
«La colpa del crollo non è del terremoto, ma del fatto che non si vuole investire sul patrimonio storico. Non investire nel restauro vuol dire perdere la nostra storia e la nostra identità e rinunciare alla competenza, alla cultura e alla formazione di chi lo sa fare che si è formato nelle nostre scuole grazie allo sforzo di tutti i cittadini. Manca un lavoro culturale da parte dei Comuni e non solo, che faccia capire ai proprietari di antichi edifici il valore economico, storico e culturale di ciò che possiedono» osserva il Centro studi Monte Sporno, che è nato due anni fa, da sette soci fondatori, che vogliono promuovere la cultura del territorio.
La località Valle di Castrignano si trova nel Comune di Langhirano ed è costituita da un cuore antico: si tratta del borgo, che ha una Rocca. Sotto il borgo ci sono due corti: la corte Ravanetti, dove si è verificato il crollo della stalla (che aveva almeno 2 secoli, visto che era registrata nel catasto del 1820) e la vicina Corte Pelosi, del 1700, dove c’é un fienile pericolante, «che richiede un intervento conservativo urgente per la sua salvaguardia» annota il Centro Studi che ha segnalato la situazione alla Soprintendenza. La Rocca, formata da diverse torri di origine quattro cinquecentesca e da due loggiati settecenteschi, è inoltre parte di una tutela monumentale. Nei pressi della Rocca c’é poi un’abitazione del 1200, una delle più antiche dell’appennino, e una casa che era un avamposto medievale del Castello di Castrignano. Sono tutte case in sasso, «gioielli di un borgo turrito, unico per la qualità architettonica dei suoi edifici, fra folti boschi» spiega il centro ricerche Monte Sporno: «l’Area dei Monti Bosso e Sporno è un’area tutelata, vale a dire uno dei nostri importanti beni culturali. Qualsiasi intervento sull’esterno degli edifici deve essere approvato dalla Soprintendenza. Non deve passare l’idea che la demolizione è la soluzione migliore per la sicurezza. Bisogna fare di tutto per non arrivare alla perdita di questi edifici. Gli interventi all’esterno, anche di demolizione, devono avvenire passando dalla Soprintendenza, per arrivare ai risultati raggiunti a Corchia».
«Per il futuro l’appello è alla Soprintendenza - afferma Jacopo Ferrari - auspichiamo che il vincolo paesaggistico sia applicato sempre in maniera prescrittiva e stringente, che questo territorio sia tutelato sia nei casi di demolizione, che ci auguriamo siano finiti, sia di restauro e ricostruzione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

2commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

5commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

SISMA

"Luci da terremoto" in Messico Video

Sulla Gazzetta di Parma il geologo parmense Valentino Straser spiega il fenomeno

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

novellara

Si fingeva "sexy girl" su Facebook per raggirare gli uomini: denunciato

SPORT

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto