-1°

EMERGENZA

Contro la legionella in campo anche il Nas

Contro la legionella in campo anche il Nas
Ricevi gratis le news
5

Nella battaglia contro la legionella scendono in campo anche i carabinieri del Nas. Sotto il microscopio dei militari di strada dei Mercati, impegnati a cercare di trovare la fonte di contagio, finirà innanzitutto la procedura di controllo adottata finora.

Laura Frugoni

Allarme legionella, il numero dei casi sale ancora ma c'è anche una novità che accende una piccola luce.

Sono 38 le persone contagiate finora dall'infezione. C'è un nuovo caso: un uomo di 61 anni, ricoverato da ieri al Maggiore. Anche lui abita nella zona del Montebello e l'Ausl fa sapere che le sue condizioni non sono particolarmente preoccupanti.

Ad oggi i ricoverati sono 16; tra venerdì sera e ieri sono stati dimessi tre pazienti. Rimangono gravi ma stabili le condizioni della ragazza di 27 anni, che si trova sempre nel reparto di Rianimazione del Maggiore. La buona notizia: dal 4 ottobre non si registrano nuove segnalazioni di persone con i sintomi della legionella. E l'uomo che è stato appena ricoverato? Avrebbe cominciato a stare male il 2 ottobre.

Dall'aggiornamento all'inchiesta. Adesso sull'epidemia che sta tenendo in ansia un quartiere - ma possiamo dirlo: una città intera - indagano anche i carabinieri del Nas, lo speciale reparto dell'Arma dai molteplici compiti riuniti in un'unica «mission»: proteggere la nostra salute.

La conferma arriva dal comando di strada Mercati: giovedì scorso il nucleo passato dagli inizi di settembre sotto la guida del capitano Gianfranco Di Sario ha ricevuto la delega d'indagine dalla procura di Parma; dunque l'attività investigativa è partita ufficialmente pochi giorni, ma a quanto pare già nelle ultime settimane i militari con le pettorine blu non erano stati a guardare.

Dell'inchiesta aperta dai pm Bianchi e Amara abbiamo già detto nei giorni scorsi. I reati ipotizzati sono epidemia colposa, omicidio colposo e lesioni colpose. Reati pesanti, pene pesanti: quando muoiono più persone si può arrivare fino a 12 anni di carcere.

Nessun indagato, e questo fino a ieri: il fascicolo è stato aperto «contro ignoti».

Ma cosa faranno nello specifico i Nas? Su quali binari si sta muovendo l'attività investigativa? Sotto la lente finirà innanzitutto la procedura di controllo adottata finora (per capire se ci siano state negligenza, imperizia o imprudenza tali da determinare la diffusione del batterio) ma bisognerà anche cercare di capire quale sia la fonte del contagio. Provare a risolvere l'enigma.

Un impegno, fanno sapere dal comando, che verrà certamente svolto in collaborazione con le autorità sanitarie e gli enti già in campo ma che per forza di cose si allargherà su vari ambiti, andando anche a mettere il naso sull'attività dei «controllori» con analisi e perizie autonome.

Come si muoveranno, ad esempio sul monitoraggio della rete idropotabile, «assolta» dai risultati dei test seppure ancora parziali (tutti negativi i prelievi effettuati nel pozzo Bizzozero)? L'impressione è che il Nas intenda ricostruire la cronologia dei campionamenti («quelli successivi all'iperclorazione non sono attendibili») e procedere eventualmente con nuovi test.

Proprio riguardo i campionamenti sull'acqua, dall'Iren assicurano che «i test sono stati eseguiti prima di effettuare la bonifica battericida con il cloro», ossia quando la rete idrica del Bizzozero veniva ancora disinfettata attraverso i raggi ultravioletti, e aggiungono che comunque nemmeno il cloro è sufficiente a uccidere il batterio della legionella: «ne servirebbero concentrazioni tali che l'acqua potabile diventerebbe imbevibile». E allora la tanto sbandierata iperclorazione a che serve? «Una profilassi, una misura preventiva che però non elimina il problema».

Tornando ai carabinieri tutori della salute, molti altri fronti li attendono: dalle «audizioni» dei pazienti e dei loro familiari alle ispezioni a tappeto di impianti e luoghi non ancora esplorati, come studi medici e studi odontoiatrici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Patti

    09 Ottobre @ 13.03

    Stimo Verci!

    Rispondi

    • Vercingetorige

      09 Ottobre @ 16.02

      Stimo "Patti" !

      Rispondi

  • Vercingetorige

    09 Ottobre @ 11.48

    Intanto la situazione , sul piano clinico-epidemiologico , potrebbe complicarsi un po' , perché , negli ultimi giorni , si sono diffuse in città manifestazioni simil-influenzali , verosimilmente di origine virale , che la dilagante psicosi non deve far confondere con la legionellosi. La "legionella pneumophila" si manifesta con due forme cliniche : il Morbo dei Legionari vero e proprio , che è , in sostanza , una polmonite , e la Febbre di Pontiac , più benigna , che può assomigliare ad una sindrome influenzale. Distinguere una Febbre di Pontiac da una sindrome para-influenzale può essere pressoché impossibile senza analisi di laboratorio. Non è una questione di lana caprina , perché , nelle sindromi para-influenzali di origine virale , non c' è indicazione ad usare antibiotici , mentre , nella Febbre di Pontiac da legionella , l' indicazione può esserci. Allora bisogna affidarsi alla preparazione ed all' esperienza di un bravo Medico , e non si diventa Medici su Wikipedia. Quest' anno si prevede che l' epidemia influenzale possa arrivare in anticipo , e possa colpire più persone dell' anno scorso, per via di una mutazione di un virus. La prevenzione migliore dell' influenza , soprattutto per le categorie a rischio , è la vaccinazione . La campagna vaccinale inizierà fra poco.

    Rispondi

  • Michele

    09 Ottobre @ 08.49

    mandra_sala@libero.it

    Co troviamo di fronte ad una emergenza sanitaria senza precedenti. Il sindaco non è in grado di gestire e risolvere il problema..... il contagio si espande e ci sono vittime. Non si capisce cosa si deve fare, dove è la fonte del contagio. Si brancola nel buio... occorre commissariare la giunta.

    Rispondi

    • Vercingetorige

      09 Ottobre @ 10.32

      Trovare la fonte del contagio ( se si troverà) non è compito del Sindaco o della Giunta. La situazione è senza dubbio preoccupante , ma , come dice l' ex Primario della Rianimazione , dottor Mergoni , non è un' "emergenza sanitaria senza precedenti" .

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5