10°

22°

Parma

Monete rubate: valevano milioni

Monete rubate: valevano milioni
Ricevi gratis le news
1

di Laura Frugoni
«Ogni mattina con la dottoressa Catarsi ci guardiamo in faccia e ci ripetiamo: “forse le ritroveremo”. Ma nemmeno io ci credo tanto».
L'ottimismo sarà anche il profumo della vita, ma nello sguardo di Maria Bernabò Brea, la direttrice del Museo Archelogico Nazionale, fatichi a trovarne una briciola. Il tesoro di monete antiche scomparse (come aveva raccontato la «Gazzetta» domenica scorsa) non salta fuori, la parola che fa più male ormai bisogna pure usarla: rubato. Tanti gli indizi che  fanno propendere per l'ipotesi più nera e un giro nelle secrete stanze non può che rafforzare l'idea.

Un tesoro milionario
Le monete desaparecide erano 213: tutte d'oro, di epoca romana (databili tra il IV e V secolo dopo Cristo), appartenevano allo stesso lotto ritrovato durante gli scavi  nelle viscere di via Mazzini a metà degli anni Sessanta. Quanto vale il tesoro di via Mazzini? «In attesa di una valutazione precisa, la quantificazione suggerita è molto variabile: dai 500mila ai due milioni di euro. Non tutte le monete hanno lo stesso valore. Alcune sono coniate in vari esemplari, altre sono fior di conio».
L'ultima cernita dei pezzi spariti risale al 1978, quando la professoressa Ercolani, esperta in numismatica dell'Università di Bologna, realizzò una schedatura accurata, su un modello ministeriale. Quelle stesse schede - con foto e descrizione minuziosa di ogni esemplare - ora nelle mani dei carabinieri incaricati della  caccia. Certosina, così a occhio: potrebbero essere più di trent'anni di vita museale da scandagliare.
 «Eravamo tranquilli, pensavamo che questo luogo fosse inaccessibile», sospira Maria Bernabò Brea mentre fa strada verso le stanze che ospitano il medagliere: preziosa collezione di trentamila monete e medaglie di tutte le epoche.

Nella stanza «segreta»
  Per accedervi la procedura è rigorosa: registro da firmare (si annota anche l'orario di ingresso), chiavi per aprire la pesante porta a cancello prelevate da busta chiusa,  allarme da disattivare. Il medagliere visibile al pubblico (ma anche quello solo in casi eccezionali: ci vorrebbe una persona per sorvegliare una sola stanza e il museo non se lo può permettere) è dentro un'ampia sala tappezzata di vetrine. La direttrice indica una serie molto simile a quelle sparite: «Dalle guide degli anni Sessanta ci risulta che due vetrine contenevano monete del tesoro di via Mazzini; negli anni Ottanta, per far posto al tesoretto di Cortemaggiore, ne fu tolta una parte, e probabilmente quella fu l'ultima occasione in cui si è andati accanto a questi pezzi».
Casuale anche la scoperta della sparizione: servivano fotografie del tesoro di via Mazzini per un articolo, e così la vice direttrice Catarsi è andata ad aprire i cassetti e c'è rimasta di sale trovandoli vuoti. 
 «Normalmente quando si trova un reperto gli si dà un numero, si attribuisce un valore e lo si iscrive nel registro. Non esiste che si faccia una periodica ricognizione, nessun museo lo fa. C'è già un'enorme difficoltà a inventariare le ultime cose che entrano, che sono numerose e continue».

Quei sette cassetti vuoti
Attigua alla stanza con le vetrine, c'è quella che custodisce la miriade di pezzi non esposti, chiusi a chiave in grandi armadi a due ante fitti di cassettini. La direttrice mostra l'armadio violato: i sette cassetti vuoti sono uno in fila all'altro, nelle «orme» tonde sono rimasti solo numeri e sigle  scritte a mano. «L'impressione è che chi abbia aperto questi cassetti sapesse cosa cercare: viene da pensare a un furto su commissione».
Chi può essere stato? Nessun segno di intrusione dall'esterno. Un dipendente, allora? «All'amarezza si aggiunge il dispiacere di dover pensare a una persona infedele», riflette a voce alta la direttrice. Un custode? Tutti sospettabili in teoria: «Potrebbe essere stato anche un funzionario», chiosa la direttrice. Il mercato dei reperti archeologici è sempre florido. Ma è facile piazzarli? «Io non saprei come fare, però potrebbe succedere che un collezionista bandito commissionasse un furto». Ogni speranza è perduta? Non proprio. «I carabinieri sono stati meravigliosi. Ci hanno chiesto le foto, innanzitutto. Se nel mercato è entrato un lotto significativo di monete, potrebbe non essere impossibile trovarle».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • franco

    17 Luglio @ 00.10

    DI QUALCUNO SARA' LA COLPA...... TROVATELO.....ALTRIMENTI TUTTI A CASA A COMICIARE DALLA BERNABO' BREA!!!! QUELLE MONETE, PER ASSURDO ERANO ANCHE MIE!!!!! IN UN CERTO SENSO ME LE HANNO RUBATE, ANCOR PRIMA CHE LE POTESSI VEDERE!!!

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

4commenti

Anteprima Gazzetta

Caso Florentina: la procura chiede l'archiviazione per Devincenzi

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

gazzareporter

Via Cavour: sul marciapiede compare Giuseppe Verdi

Foto di Alberto

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Turista morto in Santa Croce: tre avvisi di garanzia

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

SPORT

F1 GP USA

Prime libere, Hamilton davanti a Vettel

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro