13°

30°

cultura

Musei: la rivoluzione tocca tutti. Anche Parma

Entro autunno nuovi direttori, statuto e contabilità trasparente

Pinacoteca Stuard

Pinacoteca Stuard

3

Un direttore per ogni istituto e la gestione divisa in aree funzionali, con un responsabile per le collezioni, lo studio, la ricerca ma anche figure incaricate di occuparsi di marketing e fundraising, piuttosto che dell’amministrazione o della sicurezza. Con in più l’obbligo di dotarsi di uno statuto e di una contabilità certa. Dopo i 20 musei al top, la riforma Franceschini rivoluziona di fatto anche tutti gli altri musei statali, dai più grandi come Castel Sant'Angelo di Roma, con il suo milione di visitatori l’anno, fino al piccolo museo archeologico di Fratta Polesine, il paese natale di Matteotti, dal Museo Archeologico Nazionale di Parma alla Pinacoteca Mus'a al Canopoleno di Sassari, il Museo Paleocristiano di Aquileia.
Tutti, entro l’autunno, avranno un loro direttore. Che sarà un funzionario del ministero, scelto non con un bando internazionale come è stato per i 20 musei autonomi, bensì con una selezione interna al Mibact. E la responsabilità delle nomine in questo caso non è del ministro o del direttore generale dei musei, bensì dei responsabili dei Poli Museali Regionali che con la nuova legge hanno sostituito le soprintendenze nella responsabilità dei musei. Lo statuto, messo a punto di concerto con il direttore del polo regionale, definirà l’identità del museo e stabilirà regole certe per ogni istituto. Ma altrettanto importante è l’introduzione di una contabilità trasparente, che in questo caso non sarà un vero e proprio bilancio ma un documento contabile che in ogni modo permetterà per la prima volta di rendere chiaro a tutti quanto ogni istituto riceve in termini di risorse e come lo spende. Una cosa che fino ad oggi non esisteva.
E ancora, così come prevede il modello dell’Icom (Internationa Council of Museums) a cui i legislatori si sono ispirati, i musei pubblici italiani, almeno quelli più grandi, si articoleranno in aree di professioni: accanto al direttore dovrà essere nominato cioè, come succede all’estero, un curatore e conservatore delle collezioni che si occupa anche di studio e ricerca, nonchè un responsabile dei rapporti con il pubblico che si occupa anche del reperimento dei fondi e del marketing, un responsabile dell’amministrazione, un altro per allestimenti e sicurezza.
Regole che valgono per tutti i musei statali (anche se le realtà più piccole non avranno chiaramente sempre bisogno di diversi curatori e anzi in questi casi sarà possibile che un solo direttore abbia la responsabilità di due o anche tre piccoli musei) con però alcuni distinguo. Perchè nella lista dei quasi 400 fra musei e luoghi della cultura di proprietà statale ce ne saranno 22, più grandi, come per esempio il Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, che godranno di una maggiore indipendenza, con per esempio una contabilità speciale e un potere di spesa del funzionario direttore che potrà firmare al posto del direttore del Polo Museale regionale. Questi 22 musei avranno un bilancio effettivo con risorse assegnate a capitoli di spesa e potranno pagare in proprio le utenze e i lavori di manutenzione ma anche decidere spese per allestimenti e organizzazione di eventi. In pratica una categoria intermedia tra i 20 che hanno ottenuto l’autonomia e tutti gli altri.
Nevralgico per tutti i musei non autonomi il ruolo del direttore del Polo regionale, al quale la legge assegna il compito di costruire nella propria regione una rete museale funzionante trovando in prospettiva accordi anche con le altre istituzioni proprietarie di musei, dagli enti locali alla Chiesa e ai privati. E i direttori dei poli museali regionali avranno un ruolo fondamentale anche per i cosiddetti 'servizi aggiuntivì, stabilendo quali musei del loro territorio dovranno dotarsi di caffetterie piuttosto che di ristoranti o bookshop.
Intanto al ministero si sta lavorando per rivedere il sistema generale di orari e prezzi, vigilanza fino ad oggi regolato da una norma che risale al '93 in gran parte obsoleta. E in prospettiva, in accordo con i sindacati, si punta a rivedere anche i profili professionali. Arrivando per esempio a introdurre quello del direttore di museo. Che oggi non c'è.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maurizio

    23 Agosto @ 16.46

    Vercingetorige, mi spiace per i dipendenti delle cooperative ma se posso dire la mia da una parte è un bene che si tolgano gli appalti alle cooperative che attualmente lavorano alla differenziata perchè per le varie esperienze che ho avuto non la fanno in modo corretto, dove abito io la raccolta è effettuata direttamente da iren (medesimo metodo di parma città, solo che ho ancora per poco il bidone e non il sacco del residuo) e non ho mai problemi, solo a volte come capitato a ferragosto che i vicini hanno buttato la spazzatura pur non dovedolo fare ed è rimasta in strada una settimana oppure i miei vicini che puntualmente la buttano il sabato dopo il passaggio del camion con il risultato che solo il loro sacco sta una settimana in strada ma li è colpa dei cittadini, per lavoro ho a che fare con varie realtà nel comune di parma, bene dove il servizio è svolto direttamente da iren nessun problema, dove passano le cooperative ogni tanto non ritirano, ogni tanto ritirano il rifiuto sbagliato, non hanno abbigliamento di sicurezza obbligatorio, sporcano in terra e rompono perchè li trattano male perfino i cassonetti. Ecco se il lavoro lo deve fare gente del genere mi spiace per loro ma che se ne stiano a casa, gente disoccupata in grado e con voglia di lavorare bene ne abbiamo a volontà. Dimenticano tra l'altro che non di rado si vedono autisti dei camioncini per la raccolta rifiuto fermarsi per il grappino al bar

    Rispondi

  • Vercingetorige

    22 Agosto @ 10.51

    NEL FRATTEMPO IL SERVIZIO DI SUPPORTO ALLE ATTIVITA' CULTURALI , che , da anni , era svolto dalla Cooperativa "Media Group" , è stato affidato dal Comune di Parma , con una gara d' appalto al massimo ribasso , ad un' altra cooperativa. Gli appaltatori che vincono queste gare stan dentro nei prezzi bassi a danno del loro personale . Diminuiscono i dipendenti e diminuiscono la copertura oraria del servizio . I precari vengono licenziati . Gli altri , lavorando meno ore , sono pagati meno . Ci sono padri e madri di famiglia che , dal prossimo settembre , si troveranno con stipendi di 400 o 500 euro al mese. Per un anno interverrà la Cassa Integrazione in deroga a pagare , non per intero ma solo in parte , la quota di salario perduto , poi , passato un anno , tutti in mezzo alla strada ! Peraltro , considerati i tempi burocratico-amministrativi , probabilmente i soldi della Cassa Integrazione si cominceranno a vedere in primavera . NEL FRATTEMPO IL COMUNE DI PARMA HA ACQUISITO IL 51 % DELLE AZIONI DELLA COOPERATIVA "PROGES" , CHE RESTA A GESTIONE PRIVATA , MA E' DI PROPRIETA' DEL COMUNE , CON LE SUE CONTROLLATE "PARMA06" E "PARMAINFANZIA" . FOLLI VUOLE TOGLIERE AD IREN , DI CUI IL COMUNE DI PARMA E' COMPROPRIETARIO PER QUASI IL 7 % , L' APPALTO PER LA RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI , LASCIANDOLE SOLO L' APPALTO PER LO SMALTIMENTO CON L' INCENERITORE . Che fine faranno i dipendenti delle cooperative che attualmente gestiscono il servizio non è dato sapere . Peraltro le "partecipate" , di diritto privato , ma di proprietà comunale , servono come le lettiere per i gatti , dove si seppellisce sotto la sabbia ogni ben di Dio ! L' esperienza dello SPIP non è bastata ?

    Rispondi

  • Remo

    22 Agosto @ 10.18

    andema ben...ancora sotto Bologna!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpe a forma di piccione ... follie giapponesi

pazzo mondo

La signora con le scarpe a forma di piccione: dal Giappone al giro del web video

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

 Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

tv

Amici, vince il ballerino Andreas Foto Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

IL VINO

Le cantine Garrone, ultimo baluardo

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Incendio deposito carta supermercato IN'S viale fratti

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

1commento

Weekend

Street food, bancarelle e vino: l'agenda della domenica

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

COLLECCHIO

Auto danneggiate e un computer rubato nel parcheggio dell'EgoVillage

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

Intervista

Bob Sinclar: «Grazie Parma»

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

PARMA

Gag, solidarietà e... abbracci gratis: i clown di corsia in piazza Garibaldi Foto

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere

PILOTTA

Chiude l'anno luigino: la memoria in tre libri

salso

Terme, via libera alla liquidazione

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

iren

Traversetolo, guasto all'acquedotto: possibile mancanza di acqua

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

gran bretagna

Computer in tilt, aerei della British Airways ancora a terra

WEEKEND

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover