san secondo

La scomparsa di Paolo Coppini: ricordi e commozione

La scomparsa di Paolo Coppini
Ricevi gratis le news
0

La scomparsa improvvisa, a soli 47 anni, dell'imprenditore dell'olio, Paolo Coppini, ha lasciato tutti increduli e profondamente addolorati. Il ricordo di chi lo conosceva e le tappe della sua vita di imprenditore e di uomo che amava la vita. 

 

Patrizia Ginepri

Era un uomo dai mille progetti, innamorato della vita, sempre pronto ad alzare l'asticella.

La scomparsa improvvisa dell'imprenditore dell'olio, Paolo Coppini, a soli 47 anni, ha colto tutti di sorpresa, lasciando un vuoto difficile da accettare. Conosciuto ed apprezzato per la sua brillante attività nell'azienda di famiglia, la Coppini Arte Olearia, fiore all'occhiello del made in Parma, era un entusiasta che sapeva sempre cogliere il lato positivo delle cose.

La notizia della sua morte ha iniziato a diffondersi nella tarda mattinata di ieri. Coppini era, come sempre, al lavoro, nel suo ufficio di San Secondo Parmense, quando è stato colto da un malore risultato fatale. A nulla sono valsi i soccorsi giunti sul posto tempestivamente.

L'incredulità e lo sgomento hanno lasciato via via il posto al dolore dei familiari, dei collaboratori e di tutta la comunità del Bassa e anche di Parma.

Classe 1969, era il primogenito di Ernesto Coppini. Lascia, oltre al padre, la mamma Vanna, la moglie Ilaria, i figli Anita e Mattia, nonchè i fratelli Francesco, Matteo e Pier Luigi, tutti impegnati nell'attività di famiglia.

Diplomato in ragioneria ed economia aziendale con specializzazione in comunicazione aziendale e marketing, aveva lasciato l’università per aiutare il padre in azienda come responsabile vendite (dal 1990 al 1999), per poi assumere l'incarico di direttore commerciale, con particolare focus sull'export: un incarico che svolgeva con grande energia e dinamicità e che aveva portato, in questi anni, a traguardi prestigiosi in Italia e all'estero.

Tutti lo descrivono come un instancabile lavoratore, l'anima dell'azienda, «il volto della Coppini anche all'estero». Proprio 70 anni fa, nel 1946, il nonno Americo decise di seguire una vecchia passione di famiglia, l’olivicoltura, e di creare l'azienda. E Paolo Coppini si è sempre battuto per diffondere il «marchio Parma», non solo nel settore agroalimentare.

Proprio lui, recentemente, si era impegnato come sponsor per avere a Parma la presentazione della guida Michelin. Era un sostenitore convinto delle tradizioni locali e poneva sopra ogni cosa l'attenzione alla qualità e ai saperi antichi. Al tempo stesso considerava fondamentale la continua ricerca dell’innovazione, senza mai snaturare le origini, la lavorazione e la grande tradizione.

Ambasciatore dell'olivicoltura italiana è stato protagonista con la sua azienda all'Expo di Milano, raccontando l'arte olearia con le bici del gusto, realizzate

sul modello di quella del fondatore, il nonno Americo, che nei sei mesi dell'esposizione si sono spostate tra i padiglioni così come aveva iniziato a fare il nonno nel 1946 per far conoscere, nella campagna emiliana, il vero olio extravergine.

«E' stata un’esperienza straordinaria - aveva commentato con slancio- una finestra sul mondo. La presenza ad Expo ha significato anche un contributo concreto al contrasto del fenomeno della contraffazione e dell’italian sounding che ogni anno toglie una fetta importante di mercato ai prodotti Made in Italy. Ci sentiamo ambasciatori dell’olio italiano nel mondo. Fin dal 1988 sulle nostre bottiglie c’è una vera e propria carta d’identità che racconta il nostro prodotto». Ci aveva creduto, in quel progetto e i risultati, oltre 30 mila contatti, lo avevano ripagato. Sempre nel 2015, nella giornata del premio Sant'Ilario, aveva anche ritirato la benemerenza per la Coppini Arte Olearia assieme al fratello Francesco.

Paolo Coppini era un appassionato del buon cibo e del suo divino connubio con la sincera convivialità che si può esprimere solo a tavola «C’è tanta arte contemporanea nella cucina italiana - amava sottolineare - e mi definisco in questo senso un collezionista di scenografie da gustare di ritratti d’autore che amo scolpire nella mia memoria culinaria».

Domani alle 20,30 sarà recitato il rosario nella chiesa parrocchiale di San Secondo, dove giovedì, alle 15, si svolgeranno i funerali.

Il ricordo degli amici

Acaldo è difficile trovare le parole per esprimere la commozione e l'incredulità che accompagna una simile notizia. La scomparsa improvvisa di Paolo Coppini lascia tutti sgomenti e il dolore trapela dalle parole e dai silenzi di chi ha avuto modo di conoscerlo. Ieri, anche il Consiglio comunale di Parma ha ricordato l'imprenditore con un minuto di silenzio.

Alberto Figna

«La notizia ci ha letteralmente sconvolto - spiega il presidente dell'Unione Parmense degli Industriali Alberto Figna che parla al plurale interpretando anche lo stato d'animo del socio Riccardo Agugiaro -. Siamo senza parole. Era una persona di grande spessore, un imprenditore di prima qualità, che rappresentava l'immagine di un'azienda in crescita, dinamica e innovativa, con la quale ho collaborato in più occasioni. E' stato anche un bell'esempio di passaggio generazionale. La sua scomparsa rappresenta un grave lutto per tutto il mondo imprenditoriale parmense».

Cesare Azzali

Anche il direttore dell'Upi, Cesare Azzali, esprime grande cordoglio. «Se ne va una persona giovane, apprezzata da tutti per la sua vitalità, per l'intelligenza, per la grande capacità di fare le cose - è la sua premessa -. Era un imprenditore illuminato, sempre impegnato a fare il meglio per le persone oltre che per la propria impresa. La notizia è stata una sorpresa dolorosa, una grave perdita per tutti coloro che l'hanno conosciuto e apprezzato come uomo. Amava collaborare con gli altri, era una risorsa per le sue idee imprenditoriali e per la sua ricchezza d'animo».

Antonio Dodi

Sgomento e dolore anche nel paese d'origine della famiglia Coppini, San Secondo Parmense. «Sono profondamente addolorato - dice commosso il sindaco Antonio Dodi -. sia a nome della comunità che come amico di famiglia. Ho visto Paolo crescere e affiancarsi al padre, diventando via via un elemento determinante per la crescita dell'azienda. Ho ancora vivo il ricordo dell'inaugurazione dello spazio espositivo della Coppini Arte Olearia all'Expo di Milano. Ero al suo fianco, orgoglioso e commosso nel vedere San Secondo presente in un contesto così prestigioso. La comunità ha accolto la notizia della sua scomparsa con dolore e sconcerto ed è scesa una cappa di silenzio».

Giuseppe Romanini

«L’improvvisa scomparsa di Paolo Coppini mi lascia sgomento- fa sapere il deputato parmigiano del Pd Giuseppe Romanini -. Con la sua intraprendenza e creatività e grazie ad un innato spirito imprenditoriale, Paolo ha trasformato la sua attività in un esempio di eccellenza dell’agroalimentare italiano. Con lui ho condiviso molti appuntamenti a Expo e non solo, e in ciascuna di queste occasioni non ho potuto non rimanere colpito dall’entusiasmo con cui viveva il suo lavoro nel segno delle produzioni di eccezionale qualità che hanno reso la Coppini testimonial indiscussa del marchio Parma in Italia e nel mondo».

Alessandra Foppiano

«Ho conosciuto Paolo appena arrivata in Parma Alimentare nel 2002 ed ho avuto l’onore di averlo come consigliere, sia nelle sedute di Consiglio e molto sovente sul campo - spiega Alessandra Foppiano, executive manager di Parma Alimentare visibilmente commossa -. Paolo era energia e ottimismo contagiosi, profondo sostenitore dello spirito di gruppo, di rara lungimiranza, umanità e lealtà. Una grave, gravissima perdita che lascia indelebile la forza del suo sorriso».

Cristiano Casa

Difficile credere a una simile notizia anche per l'assessore alle attività produttive del Comune di Parma, Cristiano Casa. «La scorsa settimana eravamo insieme a Milano, per la presentazione della guida Michelin che avverrà a Parma a novembre - sottolinea l'assessore - sono sconvolto, mi dispiace tantissimo. Era innanzitutto una bravissima persona, oltre che una risorsa preziosa per il nostro territorio. Voleva bene alla città ed era sempre pronto a collaborare. Al di là della sua professionalità colpiva la sua umanità. E' difficile accettare una simile notizia».

La Bassa

L'associazione Palio delle contrade di San Secondo esprime grande cordoglio per la perdita di un grande rappresentante della cultura e delle tradizioni del territorio, particolarmente commosso anche il ricordo del sindaco di Polesine-Zibello Andrea Censi, amico di lunga data di Paolo Coppini. Infine, l'ex sindaco di San Secondo Parmense, Roberto Bernardini ha voluto sottolineare che «la scomparsa prematura e inaspettata di Paolo Coppini è una di quelle notizie che lascia attonito l'intero paese. Ora possiamo solo ricordare l'entusiasmo che ha saputo mettere per i suoi obiettivi e l'attaccamento che aveva per la sua famiglia e per il suo lavoro».P.Gin.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Rotonde, piste ciclabili ma non solo:

GAZZAFUN

Rotonde, piste ciclabili ma non solo: ecco i quiz per la patente

Via Ugolotti: i compleanni del Bang

PGN FESTE

Via Ugolotti: i compleanni del Bang Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

In manette la banda delle spaccate: 2 giovani arrestati dai carabinieri

CARABINIERI

Furti a Monticelli e nel Reggiano: due arrestati, sequestrata una pistola

I due stranieri sono accusati di numerosi furti e di ricettazione 

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

7commenti

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

LUTTO

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili: aveva 59 anni

Paola Scaravonati è stata stroncata da un malore

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

INTERVISTA

Il prefetto: "Migranti, a Parma numeri destinati a calare" Video

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

DIPENDENZA

Droga: il racconto di chi ne è uscito 

Una sera con i Narcotici Anonimi

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

7commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

INSERTO

Speciale Sposi: guida al giorno del «sì»

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Neve: centinaia di turisti bloccati in Val Senales, situazione critica in Alto Adige

VENEZIA

Conto da 1.100 euro: i turisti giapponesi denunciano alla Finanza

SPORT

manifestazione

Bimbi e tifosi abbracciano il Felino (contro tutte le mafie) Gallery

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

SOCIETA'

GIOCATTOLI

I mitici mattoncini Lego compiono 60 anni Video

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova