11°

22°

i due M5s

Savani: "Ecco perché ho lasciato la maggioranza"

Savani:
Ricevi gratis le news
10

(C.C.) Lo dice subito nelle prime righe, Fabrizio Savani, consigliere passato ieri dalla maggioranza a 5 stelle alla minoranza a 5 stelle: "Esco dal gruppo di maggioranza composta da “cittadini prestati alla politica” perché sono convinto che non abbia saputo o non abbia voluto rispettare le promesse elettorali e il ruolo di portavoce attribuitogli dal Movimento 5 stelle che voleva distinguersi dai tradizionali partiti attraverso un nuovo modello di fare politica. Esco dalla maggioranza in quanto non mi sento più parte di questo gruppo e rivendico la mia coerenza verso le mie battaglie, verso il programma elettorale. 

Lo spiega punto per punto, Savani, che ieri ha lasciato i suoi ex colleghi a bocca aperta, o sogghignanti, e ha annunciato (in realtà lo ha fatto il ritrovato collega Mauro Nuzzo) la formazione di una minoranza col nome del Movimento ed è stato immediatamente sostituito nelle commisioni di cui faceva parte, tra cui la Commissione Ambiente che presiedeva.

Ed ecco i punti toccati da Savani.

Il debito pubblico
"Con la nostra inerzia abbiamo lasciato che il debito venisse pagato dai cittadini.
Avevamo promesso l’Audit pubblico del debito e abbiamo fatto il contrario.
FP in campagna elettorale aveva dichiarato: <<Un altro obiettivo è quello di individuare responsabilità civili e penali di chi ha distrutto Parma e chiederemo ai componenti di “Audit del debito” (Comitato cittadino) se sono disponibili a collaborare con la nostra amministrazione per il bene della città; parallelamente avremo persone esperte e competenti per rilanciare l’occupazione tramite i nostri piani frutto dell’innovazione tecnologica.>>

Fonte: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/parma/2012/05/

Noi in questo modo avevamo alimentato il senso di responsabilità della cittadinanza attiva che rappresenta una pietra miliare del M5S a Parma. Noi in campagna elettorale lo avevamo promesso con tutte le nostre forze.

Non abbiamo gestito il debito con una politica di trasparenza radicale, non abbiamo aperto i conti alla città con dibattiti pubblici e con una pianificazione partecipata della gestione del debito. Il debito non era colpa nostra ma con la nostra arroganza di gestirlo in modo autonomo abbiamo tarpato le ali a quella voglia della città di volare con noi".

I debiti fuori bilancio
"Si sono sgranati come in un immenso rosario i vari debiti fuori bilancio presenti in molti consigli comunali.
Dall’inizio del mandato elettorale abbiamo approvato svariati milioni di euro come debiti fuori bilancio. La nostra scelta politica fu quella di avviare azioni di responsabilità nei confronti di quegli eventuali politici e funzionari che avevano favorito la pessima gestione di soldi pubblici in contrasto con la normativa contabile vigente in materia. Nonostante questo argomento fosse determinante per il buon andamento della pubblica amministrazione della città, non ci siamo comportati come i nostri elettori volevano, pur avendo approvato all’unanimità la mozione del Consiglio comunale presentata dal consigliere 5 stelle Lucio De Lorenzi nel luglio 2012.

La mozione invitava il Sindaco e la Giunta a
“Mettere in campo tutte le iniziative atte a perseguire in sede giudiziaria, sia Civile che, ove applicabile, Penale, gli esponenti della precedente Amministrazione (nelle persone del Sindaco, dei Consiglieri, degli Assessori, del Segretario, del Direttore Generale) e/o i Dirigenti Comunali e/o le Posizioni Organizzative che si siano resi responsabili delle suddette irregolarità e vizi contabili.
Promuovere tramite il servizio legale del Comune tutte le azioni opportune per ottenere, da parte dei suddetti soggetti, il risarcimento dei danni economici e di immagine che sono derivati da tali irregolarità e vizi contabili.
Mettere in atto tutte le opportune azioni disciplinari e ove applicabile la sospensione dalla funzione o dall’ufficio ricoperto dei suddetti soggetti.”

I debiti fuori bilancio anche se tecnicamente corretti sono ingiusti in quanto di fatto pagano solo i cittadini.
Non c’è stata la volontà politica di accertare le cause e portare avanti delle azioni di responsabilità; ricordo che dopo 5 anni va tutto in prescrizione."

Piano strutturale comunale (ex piano regolatore generale)
"Si poteva, si doveva cambiarlo tramite una pianificazione partecipata che non c’è stata.
La parola d’ordine era “consumo del suolo zero” ribaltando l’impostazione precedente di Parma città cantiere in “Parma città della rigenerazione urbana verde e sostenibile”.
Abbiamo lasciato immutato il Piano Strutturale Comunale ovvero il piano regolatore urbanistico di Parma. Ancora oggi vi sono persone che hanno distrutto la città mentre i cittadini ne pagano quotidianamente le conseguenze.

La visione tecnica e valoriale del PSC rimane sostanzialmente quella delle Giunte precedenti.
Avevamo promesso di cambiare l’urbanistica a Parma e il nostro mandato elettorale è ora agli sgoccioli. Ma quando verrà portato avanti il nuovo PSC? Ma ormai è troppo tardi e io lo avevo chiesto da giugno 2012

Avevamo la possibilità di eliminare tutte le aree di espansione e questo non è stato fatto. Ora mi sembra evidente che si è preferito lasciare le cose come stavano.

Si doveva fermare questa inerzia ipertrofica a costruire perennemente. Non siamo riusciti a fermare questa macchina burocratica volta al mantenimento dei diritti acquisti. Basti pensare che nello scorso Consiglio Comunale abbiamo approvato un Piano Urbanistico Attuativo (le vecchie lottizzazioni) che di fatto approva la possibilità di realizzare un ulteriore centro commerciale a Parma (anche se di medie dimensioni)".

Inceneritore
"Poteva essere evitato l’avviamento dell’impianto d’incenerimento e non abbiamo giocato tutte le carte a nostra disposizione. Il Consiglio comunale all’unanimità ha votato ad ottobre 2014 una delibera di indirizzo politico incaricando la Giunta a realizzare vari obiettivi fra i quali ricordo:
a) strategia di riduzione dei rifiuti anche attraverso la raccolta differenziata;
b) riconversione dell’inceneritore con un sistema di trattamento a freddo dei rifiuti che prevede costi di gestione inferiori rispetto al sistema attuale (a caldo);
c) tema della tariffa dello smaltimento dei rifiuti e divieto di conferimento rifiuti da fuori Provincia;
d) separazione del servizio di raccolta dal servizio di smaltimento dei rifiuti;

La Giunta ha disatteso il lavoro di indagine della Commissione Ambiente durato un anno e mezzo ed è venuta meno agli impegni presi nei confronti del Consiglio Comunale che lo aveva approvato con una delibera passata alla unanimità. Pensare che i rifiuti da bruciare a Parma non arrivassero anche da Reggio era semplicemente un’illusione. Lo si sapeva già prima del decreto sblocca Italia che, di fatto, dava la possibilità di importare rifiuti da fuori provincia".

Spero bene per il futuro di Parma, spero bene per il futuro del 5 stelle a Parma".

A questo punto però resta la domanda che ha posto anche il sindaco Pizzarotti: chi ha diritto di tenersi il simbolo del Movimento 5 Stelle?. E mentre Mauro Nuzzo diventa ufficialmente capogruppo di "Movimento 5 Stelle Parma" - di fatto il gruppo di opposizione più numeroso dopo il Pd -, ancora una volta la palla passa a Grillo. Ancora una volta - per il momento - sul blog tutto tace. Forse - con le battaglie parlamentari in corso e la maretta da Quarto a Livorno,  il periodo non è quello giusto  per scoperchiare il caso Parma. Proprio ieri sera Grillo, Casaleggio e Di Maio si sono visti: a Milano, al debutto del nuovo spettacolo del comico genovese. Ne avranno parlato?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • roberto

    03 Febbraio @ 18.20

    Bravo Savani, se non sei d'accordo ha fatto bene. Adesso , però, gambe in spalla e pedalare: se sei coerente te ne torni a casa tua e non rompi le scatole a che cerca di lavorare.

    Rispondi

  • Paul

    03 Febbraio @ 16.35

    Bravo Savani tu si che sei onesto e dici le cose come stanno. Ricordati però una cosa i tuoi ex compagni di partito rovineranno anche il centro cittadino con l'abbassamento di Borgo Romagnosi ! Vieni a fare un giro e parla con i residenti almeno tu.!!!! E di anche, se lo sai, perchè fanno questo intervento costoso e inutile riprendendo una cosa abbandonata dalla vecchia amministrazione che rovinerà la vita ai residenti!!!!!!!!! C'è sotto qualche cosa che non sappiamo? Dillo per favore

    Rispondi

  • federicot

    03 Febbraio @ 12.01

    federicot

    Savani ha ragione su tutto. Non han fatto quello che hanno promesso, il problema è che quello che hanno promesso è BABBO NATALE! Io ci manderei a governare, a turno, tutti i concittadini sbraioni e gli strilloni che dicono sempre che non va bene, poi li si giudica sui fatti. Sul debito poi non ci devono essere fraintendimenti o scuse: LO PAGANO I CITTADINI E LO DEVONO PAGARE I CITTADINI. IL DEBITO E' STATO FATTO IN NONE E PER CONTO LORO.

    Rispondi

    • salamandra

      03 Febbraio @ 12.47

      E' vero che il debito lo dobbiamo pagare noi. Ma rivalersi ANCHE sugli amministratori non mi sembra così folle e mi sembra che la magistratura si stia muovendo in tal senso.

      Rispondi

      • federicot

        03 Febbraio @ 13.18

        federicot

        ma anche no!!!!! per il semplice fatto che gli amministratori sono stati da noi votati e godevano ( e godono tutt' ora) di un notevole sostegno da parte della cittadinanza. Ergo i debiti li abbiamo fatti noi carissimo! a me non sta bene per niente la favoletta che è sempre colpa degli amministratori di manica larga o corrotti o che altro . Abbiamo i governi che ci siamo meritati e che ABBIAMO VOTATO!

        Rispondi

  • la rivolta di atlante

    03 Febbraio @ 10.44

    la rivolta di atlante

    NON È AMMUTINAMENTO... È UNA LOGICA PRESA DI DISTANZA E DI POSIZIONE DA CHI HA PREDICATO BENE E RAZZOLATO MALE. SPERO CHE LA SALA COMANDO NAZIONALE SIA PREPARATA PER AFFRONTARE QUESTO TIPO DI CASISTICA. O VIENE GIÙ TUTTO IL CASTELLO DI CARTE E ADDIO MOVIMENTO.

    Rispondi

  • anastasia

    03 Febbraio @ 10.24

    Un flop a 360°, onore a Nuzzo e Savani per la loro schiena dritta, non so cosa ne pensa Grillo e C., ma per noi parmigiani il simbolo del M5* va di diritto a loro due, per capitan pizza andrà bene il simbolo PD!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: 5 passi nel nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto