Lettera aperta

«La rivincita di Parma è già cominciata»

Intervento del sindaco Federico Pizzarotti

federico pizzarotti
Ricevi gratis le news
13

Caro direttore,
utilizzo raramente lo strumento della lettera aperta alla città, preferisco concentrarmi sul lavoro che, come immaginerai, occupa la giornata del sindaco quasi 16 ore al giorno. Oggi faccio uno strappo alla regola perché ci tengo a rispondere all’editoriale pubblicato ieri sulla Gazzetta di Parma. Difficile essere d’accordo quando si definisce Parma una città immobile da ormai cinque anni. Spiego perché. Anzitutto quest’anno la città è diventata la quinta smart city d’Italia, superando addirittura Trento nel ranking finale, attestandosi come prima città italiana per medie dimensioni. Fuori dagli inglesismi, significa che è salita nella classifica del Paese per la qualità dei servizi, per la mobilità, l’innovazione, la raccolta differenziata, l’attrattività, il turismo e i progetti per il futuro. Ecco: basterebbe soltanto questo per dire che Parma non si è mai arresa al pessimismo, né ai profeti di sventura, non è rimasta immobile - altrimenti sarebbe precipitata in classifica -, ma si è data da fare più di altre rinomate città. Se questo è l’attuale punto di arrivo, ricordiamoci comunque quello di partenza. Durante uno dei primi Consigli Comunali l’opposizione chiese di attivare la procedura di pre-dissesto economico. Bene, immaginatevi Parma come Alessandria (in dissesto), oppure come la piccola Coriano, oggi paralizzata dai debiti, senza soldi per le buche e per i vigili. Non è questo il futuro che avevamo immaginato per la città. Dunque, passatemi il termine, ci siamo “fatti su” le maniche e senza ascoltare l’opposizione abbiamo lavorato per rimettere la città in carreggiata. Ora Parma non solo vanta un debito ridotto del 45% - scenderà ancora -, ma si conferma una delle città con la più alta stabilità economica. È stato facile? No, sono serviti tre anni di duro lavoro, la stesura di tre bilanci e decine di tavoli operativi. Si dirà: ma il tema economico non è tutto, una città ha bisogno di visione, prospettiva, futuro. Sono d’accordo, infatti non c’è un singolo aspetto della vita di Parma che sia stato trascurato. Per questo il giorno di Sant’Ilario abbiamo parlato di voler puntare a una Parma a quattro velocità: equilibrata, inclusiva, attrattiva e sostenibile. Declinati al lavoro sin qui svolto, pensiamo alla crescita del turismo: da ormai tre anni ha messo il segno più, ed è il miglior risultato registrato in Emilia Romagna; forti di una collaborazione tra istituzioni abbiamo portato l’Unesco a Parma, allacciando nuovi rapporti in ambito culturale e turistico con città europee e internazionali – i primi di giugno partirò per la Cina, dopo essere stato in Russia, Giappone, Stati Uniti, Bielorussia, Francia e Germania -. Pensiamo al pacchetto scuola: come promesso Parma non solo ha eliminato tutto l’amianto dai suoi plessi, ma è già avanti con gli interventi di adeguamento sismico ed energetico in un periodo in cui il resto d’Italia si dimostra in forte ritardo. Pensiamo agli investimenti sulla cultura: il Teatro Regio ha finalmente un bilancio in positivo e già da quest’anno farà il doppio delle aperture di sipario, mentre è in fase di progetto un tour di promozione nel mondo. Pensiamo ai cantieri fermi nel 2012 o ai progetti per il domani: la stazione è stata sbloccata, la Scuola Europea pure (anche se, ahimè, ci è voluto diverso tempo); la scuola Racagni è in dirittura di arrivo, l’Ospedale Vecchio e il complesso di San Paolo verranno rivitalizzati, infine il Ponte Romano tornerà alla luce dopo anni di degrado.
Mi fermo qui, anche se sono tante le cose da raccontare, non basterebbe un giorno intero. Tutto bene dunque? Per carità, sono il primo a dirlo: molte le cose da fare per una città che merita attenzione, cura e amore, ma sostenere che sono stati cinque anni di immobilismo credo sia del tutto ingeneroso, peraltro i dati dicono il contrario. Parma è una grande città che ogni mattina si sveglia, viaggia, produce, inventa, investe e crea. Non passa giorno in cui le istituzioni internazionali che vengono a farci visita non ci parlino con ammirazione e rispetto della città, un piccolo gioiello incastonato nel cuore della ricca Emilia Romagna. E’ vero, nel recente passato abbiamo attraversato momenti bui e di dubbia moralità, nessuno lo nega. Essendo parmigiani, abbiamo nel sangue la forza e la volontà di reagire ad ogni difficoltà con grande passione e determinazione, la storia e le nostre radici ce lo confermano. I casi di “Parma, io ci sto!” e del Parma Calcio, oggi Parma 1913, sono davvero emblematici, perché ci raccontano la storia di una città che assieme al Comune non ha rinunciato a cogliere l’attimo, ponendo al centro dei propri interessi una Parma nuovamente vitale e attrattiva. Oggi possiamo competere - e competeremo - con le più autorevoli città italiane, ma dobbiamo essere noi cittadini, noi istituzioni, noi imprenditori, noi associazioni, noi artigiani i primi a convincerci delle enormi potenzialità di Parma, non rassegnandoci al declino o al pessimismo dei profeti del no, per i quali tutto è storto e tutto è sempre sbagliato. Parma ha ancora molto da fare e da raccontare, ma lasciatemi dire che ha imboccato la strada giusta. Forse un domani, guardandoci alle spalle, parleremo del decennio post 2010 non come un periodo di difficoltà, ma come una stagione di rivincita della città.

Sindaco di Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gigiprimo

    29 Maggio @ 15.13

    vignolipierluigi@alice.it

    Gli mancano Olanda, Irlanda e Islanda, potrebbe concludere con Canada e Alaska. Chissà come sarebbe contenta la sua signora se si fermasse in uno di quei paesi. Si ricordi che quando va in quei paesi è preceduto da ricordi che non lo contemplano, conoscono Parma da anni precedenti alla sua elezione e dai prodotti che sono nati prima di lui.

    Rispondi

  • Immanuel

    29 Maggio @ 14.31

    Un sindaco che continua ad autocelebrarsi come questo non l'avevo mai visto. Tra l'altro per cose tipo la bellissima raccolta differenziata per la quale ci sarebbe da vergognarsi. C'era da aspettarselo da uno che la prima cosa che ha fatto dopo essere stato eletto è stata pubblicare un libro

    Rispondi

  • Michele

    29 Maggio @ 10.36

    mandra_sala@libero.it

    Sembra la letterina per babbo Natale. Lui è stato il bambino più bravo, quello più buono. Vuole il regalo più bello. E come un bambino.... non c'è confine tra fantasia e realtà nelle cose che dice.

    Rispondi

  • Ivo

    28 Maggio @ 22.13

    @sig Bertozzi , pensi un po' , io votavo Pd , purtroppo , perché credevo in ciò che dicevano , ma in tanti anni i risultati Nn sono stati per niente entusiasmanti , anzi , i risultati li vediamo tutt ora , senza che i 5 stelle abbiano mai governato

    Rispondi

  • Andreaparma

    28 Maggio @ 20.10

    Questa amministrazione ha distrutto molto e non ha costruito niente. Nessuno vi rimpiangerà, sindaco (scarsissimo) compreso.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

La 2° C della scuola media di Sorbolo visita la redazione

SCUOLE

La 2° C della scuola media di Sorbolo visita la redazione

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Neve anche a quote basse, pioggia in città

PARMENSE

Neve anche a quote basse, pioggia in città Invia le tue foto

A Corniglio, 20 centimetri di neve

INCIDENTI

Incidente a Tortiano: disagi e deviazioni in mattinata. Scontro in piazza a Soragna

Auto fuori strada in A15: un ferito

CORTE DEI CONTI

Nomina del direttore generale, Pizzarotti e Giorgi citati in giudizio

Terremoto

Scossa di magnitudo 3.3 a Castelnovo Monti. "Avvertita anche a Traversetolo"

Commenti sui social: c'è chi ha avvertito la scossa anche nella Val d'Enza parmense

Viale Piacenza

10eLotto, in otto vincono 160mila euro

Scomparso

Addio al ragionier Bandini

borgotaro

Caso Laminam: Oggi l'incontro al tavolo tecnico senza il comitato

Zibello

Addio a Goliardo Cavalli, uno degli ultimi barcaioli del Po

CALCIO

Verso Parma-Venezia, parla Gazzola: «Vincere per ripartire»

1commento

Noceto

In piazza Lunardi residenti ostaggio delle fogne

FUSIONE

Verso l'unione tra Palanzano e Monchio?

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

1commento

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

5commenti

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

16commenti

tg parma

Le ex Luigine continueranno a esistere. La gestione passa a Proges Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

4commenti

GAZZAFUN

Ex rimpianti e non: riconosci questi giocatori del Parma?

ITALIA/MONDO

Modena

"Il contratto non prevede di spostare i letti, i bimbi dormano in terra"

3commenti

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

SPORT

olimpiadi

Sofia Goggia rinuncia alla combinata. Sci, l'allenatore azzurro: "Bilancio negativo"

CHAMPIONS

Roma battuta di misura: 2-1 per lo Shakhtar

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra