15°

Provincia-Emilia

Fidenza, donatore di sangue ha un tumore e nessuno glielo dice

Fidenza, donatore di sangue ha un tumore e nessuno glielo dice
2

Non ho mai avuto  soldi tali da  poter aiutare gli altri in modo concreto e allora ho sempre voluto donare il sangue, convinto che sarebbe servito a salvare delle vite.  Oggi, però, dentro di me c'è  rabbia a tanto senso di umiliazione».

Quello che è accaduto al fidentino Giorgio Giordani ha dell'incredibile. Infermiere professionale in pensione, donatore Avis da quando aveva 18 anni, ora deve lottare con un grave tumore alla prostata in fase avanzata. L'incredibile sta nel fatto  che ha scoperto di essere malato solo nel 2009, mentre dalle analisi effettuate  tramite l'Avis, già dal luglio del 2007, risultava che il valore del Psa (il «marker»  indicativo del  tumore alla prostata, esame specifico richiesto in quell'occasione da Giordani e non contenuto in quelli di prassi richiesti dall'associazione) era estremamente elevato: 16,20 quando dovrebbe essere compreso tra 0 e 4. Di quel valore sballato, per due anni,  nessuno gli ha mai detto nulla, sostiene Giordani.  L'Avis invia ai donatori gli esami, via posta ordinaria, solo se vengono riscontrate anomalie, cosa che l'associazione sostiene di aver regolarmente fatto.  
Incredibile  è anche che per due anni - pur avendo una malattia grave come questa - il sangue di Giordani è stato prelevato regolarmente ogni tre mesi per essere poi utilizzato per i pazienti.
 Lui, tranquillo perchè convinto che se qualcosa non fosse stato nella norma sarebbe stato avvisato dall'associazione o dal medico responsabile  del Centro fisso di raccolta -  dottore che peraltro conosceva bene proprio per la sua attività lavorativa -  ha così continuato la sua vita normale, mentre il tumore, senza dare particolari sintomi, avanzava.
Finchè, nel 2009, in occasioni di una nuova donazione, Giordani decide di rifare l'esame del Psa: via posta ordinaria, questa volta,  riceve  la drammatica notizia: il valore è 29,3. Lo choc iniziale e subito  le  cure: l'intervento chirurgico, la radarterapia con tutte le conseguenze del caso per lui e per la sua famiglia (la moglie, i due figli, i nipotini con il quale è molto legato) che lo ha sempre aiutato ad affrontare questa prova durissima. 
Lo sconcerto e la rabbia sono  cresciuti negli anni per non aver saputo allora, con ben due anni di anticipo, di avere gli esami fortemente «sballati» (il referto del 2007  è stato poi reperito da Giordani tramite l'Ausl).  «Perchè nessuno mi ha mai detto nulla?» si chiede l'ex infermiere, che ha iniziato una causa civile nei confronti dell'associazione di volontariato e  del medico responsabile del Centro fisso di raccolta sangue, dipendente Ausl.
«Abbiamo presentato la richiesta di accertamento tecnico preventivo - spiega l'avvocato Sarah Casarini, legale della famiglia Giordani - e attendiamo venga fissata la prima udienza». Il tribunale dovrà nominare un perito, un medico legale che valuti eventuali responsabilità e il danno subito dal paziente.  Il medico incaricato dalla famiglia borghigiana,  però, non ha dubbi: se il paziente fosse stato operato nel 2007 l'aspettativa di vita a 10 anni sarebbe stata del 95%. Dopo due anni, nel 2009, quando ha cominciato a curarsi, è scesa al 30 %. Giordani, inoltre, nei due anni di donazioni, si è anche indebolito per i prelievi di sangue.
«Non avendogli mai comunicato l'esito delle analisi, significa che il signor Giordani  avrebbe potuto avere avuto qualsiasi malattia e nel frattempo avrebbe sempre donato il sangue, mettendo in pericolo tutta la comunità - aggiunge l'avvocato Casarini -.  Inoltre si presuppone non sia mai stata fatta la visita annuale prevista dal protocollo», conclude il legale. 
«Pensi che ho chiesto io di poter fare inserire il Psa, nel 2007, negli esami - spiega il fidentino - . Perchè sapevo che a una certa età era importante fare un check up di prevenzione. Non sentendo nulla, sono sempre andato tranquillo perchè sapevo che se ci fosse stato  qualcosa mi sarebbe stato detto».
 E' la filosofia dell'Avis: il donatore fa del bene e tiene sotto controllo il suo stato di salute. «Non avevo  sintomi particolari - aggiunge Giordani -. Avevo altri disturbi, sì,  che avevo fatto presente al medico che  mi aveva anche trovato dimagrito. Ma, visto anche che lo conosco da anni e che avevo un buon rapporto,  ci avevamo anche scherzato su. Non mi è mai stato detto nulla e così ho sempre donato, ogni tre mesi. Finchè un giorno, mentre stavo facendo qualche lavoretto a  casa, mi è arrivata quella lettera...».  L.Soz.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • maurizio

    11 Ottobre @ 18.25

    IN RISPOSTA AL COMMENTO SOPRA , IL MEDICO CHE DEVE CONTROLLARE L' ESAME FATTO DALLA STRUTTURA ANCHE SE NON FACENTE PARTE DELLA RUTIN DEGLI ESAMI PRE DONAZIONE,è IL RESPONSABILE CHE HA ACCETTATO DI ESEGUIRE L' ESAME, IN QUANTO MEDICO,!!!!E POI RESPONSABILE E CUSTODE DELLA SALUTE DEL DONATORE -RICEVENTE, ED UNICO( PER LOGICA) A SAPERE L'ESITO ,BASTA LEGGERE IL CODICE DEONTOLOGICO E IL CODICE CIVILE IN TEMA DI RESPONSABILITà E COMPETENZE PROFESSIONALI MEDICHE. RICORDO CHE L'AVIS SI SPENDE, OGNI GIORNO PER INCENTIVARE LE PERSONE A DONARE, ASSICURANDO E GARANTENDO ALLE STESSE TUTELA E CONTROLLO SCRUPOLOSO DELLA SALUTE, PER CUI ,SOLO PER IL RISPETTO CHE DEVE ,VERSO UN DONATORE CHE è STATO ALTRUISTA E FEDELE PER MOLTISSIMI ANNI A TUTTI QUEI VALORI CHE L'AVIS CONTINUA A SBANDIERARE SI SAREBBE ASPETTATO UN MINIMO DI CHIAREZZA LEGATA A QUESTA VICENDA GRAVISSIMA , CHE LEDE NON SOLO LUI IN QUANTO DONATORE MA ANCHE I RICEVENTI CHE HANNO AVUTO LA SVENTURA DI RICEVERE IL SUO SANGUE!!. RICORDATEVI CHE PRIMA DI GIUDICARE ,CONSIGLIEREI A TUTTI DI DOCUMENTARSI,E RICORDARSI CHE SIAMO IN UN PAESE, DOVE LA VERITA SPESSO VIENE NASCOSTA ,E SPESSO SIA NEI GIORNALI CHE IN TELEVISIONE NE ABBIAMO PROVA NONOSTANTE CHE TUTTI I SISTEMI DI INFORMAZIONE SONO PALESEMENTE IMBAVAGLIATI!!!!. FACCIO RIFERIMENTO AL CLAMOROSO CASO- POGGIOLINI - CHE A DISTANZA DI ANNI è USCITA LA VERITA, MA SIAMO DOVUTI RICORRERE AD UN TRIBUNALE EUROPEO ( PER I DIRITTI DELL'UOMO ) ,CHE HA CONDANNATO LO STATO ITALIANO A RISARCIRE LE VITTIME ORMAI IN GRAN PARTE MORTE!!!!! PER CUI INVITO TUTTI A RIFLETTERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • mb

    13 Maggio @ 08.44

    mi permetto di commentare che secondo me è più responsabile il medico curante che non l'Avis, un'associazione seria e fatta di volontari capaci e responsabili. Donare sangue non serve per fare un check up gratuito del proprio stato di salute e il valore del PSA credo proprio che nulla abbia a che fare con i parametri normali di una donazione.

    Rispondi

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Aereo intercettato sui cieli della Germania

germania

Il pilota non risponde: volo di linea scortato da jet da guerra

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

CORTE DEI CONTI

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

Sicurezza

Blitz nelle cattedrali del degrado

FISCO

Condomini, è guerra contro le scadenze impossibili

A TEATRO

«Mar del Plata», il rugby contro la dittatura

Fidenza

Concari, quando la medicina è una missione

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis?

CCV

Ventuno progetti per Parma

calcio

Cerri, che gioia il gol in A

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

CULTURA

Tahar Ben Jelloun a Parma: "Più educazione per sconfiggere l'Isis"

Palazzo del Governatore gremito

anteprima GAZZETTA

Pomeriggio di paura a Collecchio Video

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

11commenti

Parma

Trasporti, gara a BusItalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

13commenti

enti

Allarme Provincia: "Rischiamo di non chiudere il bilancio" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

4commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

SINISTRA

Dal Pci a Sel, la storia delle scissioni Video

Cremona

Napalm artigianale per incendiare la discoteca "rivale": denunciati due giovani

1commento

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

IL CINEFILO

Ecco due film "Molto belli" Video

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti