16°

Provincia-Emilia

Fidenza, donatore di sangue ha un tumore e nessuno glielo dice

Fidenza, donatore di sangue ha un tumore e nessuno glielo dice
2

Non ho mai avuto  soldi tali da  poter aiutare gli altri in modo concreto e allora ho sempre voluto donare il sangue, convinto che sarebbe servito a salvare delle vite.  Oggi, però, dentro di me c'è  rabbia a tanto senso di umiliazione».

Quello che è accaduto al fidentino Giorgio Giordani ha dell'incredibile. Infermiere professionale in pensione, donatore Avis da quando aveva 18 anni, ora deve lottare con un grave tumore alla prostata in fase avanzata. L'incredibile sta nel fatto  che ha scoperto di essere malato solo nel 2009, mentre dalle analisi effettuate  tramite l'Avis, già dal luglio del 2007, risultava che il valore del Psa (il «marker»  indicativo del  tumore alla prostata, esame specifico richiesto in quell'occasione da Giordani e non contenuto in quelli di prassi richiesti dall'associazione) era estremamente elevato: 16,20 quando dovrebbe essere compreso tra 0 e 4. Di quel valore sballato, per due anni,  nessuno gli ha mai detto nulla, sostiene Giordani.  L'Avis invia ai donatori gli esami, via posta ordinaria, solo se vengono riscontrate anomalie, cosa che l'associazione sostiene di aver regolarmente fatto.  
Incredibile  è anche che per due anni - pur avendo una malattia grave come questa - il sangue di Giordani è stato prelevato regolarmente ogni tre mesi per essere poi utilizzato per i pazienti.
 Lui, tranquillo perchè convinto che se qualcosa non fosse stato nella norma sarebbe stato avvisato dall'associazione o dal medico responsabile  del Centro fisso di raccolta -  dottore che peraltro conosceva bene proprio per la sua attività lavorativa -  ha così continuato la sua vita normale, mentre il tumore, senza dare particolari sintomi, avanzava.
Finchè, nel 2009, in occasioni di una nuova donazione, Giordani decide di rifare l'esame del Psa: via posta ordinaria, questa volta,  riceve  la drammatica notizia: il valore è 29,3. Lo choc iniziale e subito  le  cure: l'intervento chirurgico, la radarterapia con tutte le conseguenze del caso per lui e per la sua famiglia (la moglie, i due figli, i nipotini con il quale è molto legato) che lo ha sempre aiutato ad affrontare questa prova durissima. 
Lo sconcerto e la rabbia sono  cresciuti negli anni per non aver saputo allora, con ben due anni di anticipo, di avere gli esami fortemente «sballati» (il referto del 2007  è stato poi reperito da Giordani tramite l'Ausl).  «Perchè nessuno mi ha mai detto nulla?» si chiede l'ex infermiere, che ha iniziato una causa civile nei confronti dell'associazione di volontariato e  del medico responsabile del Centro fisso di raccolta sangue, dipendente Ausl.
«Abbiamo presentato la richiesta di accertamento tecnico preventivo - spiega l'avvocato Sarah Casarini, legale della famiglia Giordani - e attendiamo venga fissata la prima udienza». Il tribunale dovrà nominare un perito, un medico legale che valuti eventuali responsabilità e il danno subito dal paziente.  Il medico incaricato dalla famiglia borghigiana,  però, non ha dubbi: se il paziente fosse stato operato nel 2007 l'aspettativa di vita a 10 anni sarebbe stata del 95%. Dopo due anni, nel 2009, quando ha cominciato a curarsi, è scesa al 30 %. Giordani, inoltre, nei due anni di donazioni, si è anche indebolito per i prelievi di sangue.
«Non avendogli mai comunicato l'esito delle analisi, significa che il signor Giordani  avrebbe potuto avere avuto qualsiasi malattia e nel frattempo avrebbe sempre donato il sangue, mettendo in pericolo tutta la comunità - aggiunge l'avvocato Casarini -.  Inoltre si presuppone non sia mai stata fatta la visita annuale prevista dal protocollo», conclude il legale. 
«Pensi che ho chiesto io di poter fare inserire il Psa, nel 2007, negli esami - spiega il fidentino - . Perchè sapevo che a una certa età era importante fare un check up di prevenzione. Non sentendo nulla, sono sempre andato tranquillo perchè sapevo che se ci fosse stato  qualcosa mi sarebbe stato detto».
 E' la filosofia dell'Avis: il donatore fa del bene e tiene sotto controllo il suo stato di salute. «Non avevo  sintomi particolari - aggiunge Giordani -. Avevo altri disturbi, sì,  che avevo fatto presente al medico che  mi aveva anche trovato dimagrito. Ma, visto anche che lo conosco da anni e che avevo un buon rapporto,  ci avevamo anche scherzato su. Non mi è mai stato detto nulla e così ho sempre donato, ogni tre mesi. Finchè un giorno, mentre stavo facendo qualche lavoretto a  casa, mi è arrivata quella lettera...».  L.Soz.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • maurizio

    11 Ottobre @ 18.25

    IN RISPOSTA AL COMMENTO SOPRA , IL MEDICO CHE DEVE CONTROLLARE L' ESAME FATTO DALLA STRUTTURA ANCHE SE NON FACENTE PARTE DELLA RUTIN DEGLI ESAMI PRE DONAZIONE,è IL RESPONSABILE CHE HA ACCETTATO DI ESEGUIRE L' ESAME, IN QUANTO MEDICO,!!!!E POI RESPONSABILE E CUSTODE DELLA SALUTE DEL DONATORE -RICEVENTE, ED UNICO( PER LOGICA) A SAPERE L'ESITO ,BASTA LEGGERE IL CODICE DEONTOLOGICO E IL CODICE CIVILE IN TEMA DI RESPONSABILITà E COMPETENZE PROFESSIONALI MEDICHE. RICORDO CHE L'AVIS SI SPENDE, OGNI GIORNO PER INCENTIVARE LE PERSONE A DONARE, ASSICURANDO E GARANTENDO ALLE STESSE TUTELA E CONTROLLO SCRUPOLOSO DELLA SALUTE, PER CUI ,SOLO PER IL RISPETTO CHE DEVE ,VERSO UN DONATORE CHE è STATO ALTRUISTA E FEDELE PER MOLTISSIMI ANNI A TUTTI QUEI VALORI CHE L'AVIS CONTINUA A SBANDIERARE SI SAREBBE ASPETTATO UN MINIMO DI CHIAREZZA LEGATA A QUESTA VICENDA GRAVISSIMA , CHE LEDE NON SOLO LUI IN QUANTO DONATORE MA ANCHE I RICEVENTI CHE HANNO AVUTO LA SVENTURA DI RICEVERE IL SUO SANGUE!!. RICORDATEVI CHE PRIMA DI GIUDICARE ,CONSIGLIEREI A TUTTI DI DOCUMENTARSI,E RICORDARSI CHE SIAMO IN UN PAESE, DOVE LA VERITA SPESSO VIENE NASCOSTA ,E SPESSO SIA NEI GIORNALI CHE IN TELEVISIONE NE ABBIAMO PROVA NONOSTANTE CHE TUTTI I SISTEMI DI INFORMAZIONE SONO PALESEMENTE IMBAVAGLIATI!!!!. FACCIO RIFERIMENTO AL CLAMOROSO CASO- POGGIOLINI - CHE A DISTANZA DI ANNI è USCITA LA VERITA, MA SIAMO DOVUTI RICORRERE AD UN TRIBUNALE EUROPEO ( PER I DIRITTI DELL'UOMO ) ,CHE HA CONDANNATO LO STATO ITALIANO A RISARCIRE LE VITTIME ORMAI IN GRAN PARTE MORTE!!!!! PER CUI INVITO TUTTI A RIFLETTERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • mb

    13 Maggio @ 08.44

    mi permetto di commentare che secondo me è più responsabile il medico curante che non l'Avis, un'associazione seria e fatta di volontari capaci e responsabili. Donare sangue non serve per fare un check up gratuito del proprio stato di salute e il valore del PSA credo proprio che nulla abbia a che fare con i parametri normali di una donazione.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi

Sport

Duathlon Kids: festa al Campus con 500 bambini e ragazzi Foto

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

ponte romano

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

1commento

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

2commenti

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

2commenti

tg parma

Sequestrati 55 chili di cibo senza etichettatura in un ristorante giapponese Video

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

12commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

4commenti

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

tg parma

Giuseppe Buttarelli ce l'ha fatta: da Colorno a Fontanellato contro la Sla Video

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

24commenti

Comune

Taglio alla Cosap del 10%

1commento

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

1commento

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

frosinone

Difende la fidanzata, massacrato di botte: muore 20enne 

3commenti

SOCIAL NETWORK

La famiglia posta un video su Youtube: arrestato latitante

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Qualcuno ha visto Kira?

Gazzareporter

Campana del vetro con... piumino invernale Foto

SPORT

MOTOGP

Il mondiale si apre all'insegna di Vinales. Dovi e Rossi sul podio

formula 1

Per il trionfo di Vettel in Australia 10 milioni davanti a Rai1

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017