11°

17°

Provincia-Emilia

Fidenza, donatore di sangue ha un tumore e nessuno glielo dice

Fidenza, donatore di sangue ha un tumore e nessuno glielo dice
Ricevi gratis le news
2

Non ho mai avuto  soldi tali da  poter aiutare gli altri in modo concreto e allora ho sempre voluto donare il sangue, convinto che sarebbe servito a salvare delle vite.  Oggi, però, dentro di me c'è  rabbia a tanto senso di umiliazione».

Quello che è accaduto al fidentino Giorgio Giordani ha dell'incredibile. Infermiere professionale in pensione, donatore Avis da quando aveva 18 anni, ora deve lottare con un grave tumore alla prostata in fase avanzata. L'incredibile sta nel fatto  che ha scoperto di essere malato solo nel 2009, mentre dalle analisi effettuate  tramite l'Avis, già dal luglio del 2007, risultava che il valore del Psa (il «marker»  indicativo del  tumore alla prostata, esame specifico richiesto in quell'occasione da Giordani e non contenuto in quelli di prassi richiesti dall'associazione) era estremamente elevato: 16,20 quando dovrebbe essere compreso tra 0 e 4. Di quel valore sballato, per due anni,  nessuno gli ha mai detto nulla, sostiene Giordani.  L'Avis invia ai donatori gli esami, via posta ordinaria, solo se vengono riscontrate anomalie, cosa che l'associazione sostiene di aver regolarmente fatto.  
Incredibile  è anche che per due anni - pur avendo una malattia grave come questa - il sangue di Giordani è stato prelevato regolarmente ogni tre mesi per essere poi utilizzato per i pazienti.
 Lui, tranquillo perchè convinto che se qualcosa non fosse stato nella norma sarebbe stato avvisato dall'associazione o dal medico responsabile  del Centro fisso di raccolta -  dottore che peraltro conosceva bene proprio per la sua attività lavorativa -  ha così continuato la sua vita normale, mentre il tumore, senza dare particolari sintomi, avanzava.
Finchè, nel 2009, in occasioni di una nuova donazione, Giordani decide di rifare l'esame del Psa: via posta ordinaria, questa volta,  riceve  la drammatica notizia: il valore è 29,3. Lo choc iniziale e subito  le  cure: l'intervento chirurgico, la radarterapia con tutte le conseguenze del caso per lui e per la sua famiglia (la moglie, i due figli, i nipotini con il quale è molto legato) che lo ha sempre aiutato ad affrontare questa prova durissima. 
Lo sconcerto e la rabbia sono  cresciuti negli anni per non aver saputo allora, con ben due anni di anticipo, di avere gli esami fortemente «sballati» (il referto del 2007  è stato poi reperito da Giordani tramite l'Ausl).  «Perchè nessuno mi ha mai detto nulla?» si chiede l'ex infermiere, che ha iniziato una causa civile nei confronti dell'associazione di volontariato e  del medico responsabile del Centro fisso di raccolta sangue, dipendente Ausl.
«Abbiamo presentato la richiesta di accertamento tecnico preventivo - spiega l'avvocato Sarah Casarini, legale della famiglia Giordani - e attendiamo venga fissata la prima udienza». Il tribunale dovrà nominare un perito, un medico legale che valuti eventuali responsabilità e il danno subito dal paziente.  Il medico incaricato dalla famiglia borghigiana,  però, non ha dubbi: se il paziente fosse stato operato nel 2007 l'aspettativa di vita a 10 anni sarebbe stata del 95%. Dopo due anni, nel 2009, quando ha cominciato a curarsi, è scesa al 30 %. Giordani, inoltre, nei due anni di donazioni, si è anche indebolito per i prelievi di sangue.
«Non avendogli mai comunicato l'esito delle analisi, significa che il signor Giordani  avrebbe potuto avere avuto qualsiasi malattia e nel frattempo avrebbe sempre donato il sangue, mettendo in pericolo tutta la comunità - aggiunge l'avvocato Casarini -.  Inoltre si presuppone non sia mai stata fatta la visita annuale prevista dal protocollo», conclude il legale. 
«Pensi che ho chiesto io di poter fare inserire il Psa, nel 2007, negli esami - spiega il fidentino - . Perchè sapevo che a una certa età era importante fare un check up di prevenzione. Non sentendo nulla, sono sempre andato tranquillo perchè sapevo che se ci fosse stato  qualcosa mi sarebbe stato detto».
 E' la filosofia dell'Avis: il donatore fa del bene e tiene sotto controllo il suo stato di salute. «Non avevo  sintomi particolari - aggiunge Giordani -. Avevo altri disturbi, sì,  che avevo fatto presente al medico che  mi aveva anche trovato dimagrito. Ma, visto anche che lo conosco da anni e che avevo un buon rapporto,  ci avevamo anche scherzato su. Non mi è mai stato detto nulla e così ho sempre donato, ogni tre mesi. Finchè un giorno, mentre stavo facendo qualche lavoretto a  casa, mi è arrivata quella lettera...».  L.Soz.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • maurizio

    11 Ottobre @ 18.25

    IN RISPOSTA AL COMMENTO SOPRA , IL MEDICO CHE DEVE CONTROLLARE L' ESAME FATTO DALLA STRUTTURA ANCHE SE NON FACENTE PARTE DELLA RUTIN DEGLI ESAMI PRE DONAZIONE,è IL RESPONSABILE CHE HA ACCETTATO DI ESEGUIRE L' ESAME, IN QUANTO MEDICO,!!!!E POI RESPONSABILE E CUSTODE DELLA SALUTE DEL DONATORE -RICEVENTE, ED UNICO( PER LOGICA) A SAPERE L'ESITO ,BASTA LEGGERE IL CODICE DEONTOLOGICO E IL CODICE CIVILE IN TEMA DI RESPONSABILITà E COMPETENZE PROFESSIONALI MEDICHE. RICORDO CHE L'AVIS SI SPENDE, OGNI GIORNO PER INCENTIVARE LE PERSONE A DONARE, ASSICURANDO E GARANTENDO ALLE STESSE TUTELA E CONTROLLO SCRUPOLOSO DELLA SALUTE, PER CUI ,SOLO PER IL RISPETTO CHE DEVE ,VERSO UN DONATORE CHE è STATO ALTRUISTA E FEDELE PER MOLTISSIMI ANNI A TUTTI QUEI VALORI CHE L'AVIS CONTINUA A SBANDIERARE SI SAREBBE ASPETTATO UN MINIMO DI CHIAREZZA LEGATA A QUESTA VICENDA GRAVISSIMA , CHE LEDE NON SOLO LUI IN QUANTO DONATORE MA ANCHE I RICEVENTI CHE HANNO AVUTO LA SVENTURA DI RICEVERE IL SUO SANGUE!!. RICORDATEVI CHE PRIMA DI GIUDICARE ,CONSIGLIEREI A TUTTI DI DOCUMENTARSI,E RICORDARSI CHE SIAMO IN UN PAESE, DOVE LA VERITA SPESSO VIENE NASCOSTA ,E SPESSO SIA NEI GIORNALI CHE IN TELEVISIONE NE ABBIAMO PROVA NONOSTANTE CHE TUTTI I SISTEMI DI INFORMAZIONE SONO PALESEMENTE IMBAVAGLIATI!!!!. FACCIO RIFERIMENTO AL CLAMOROSO CASO- POGGIOLINI - CHE A DISTANZA DI ANNI è USCITA LA VERITA, MA SIAMO DOVUTI RICORRERE AD UN TRIBUNALE EUROPEO ( PER I DIRITTI DELL'UOMO ) ,CHE HA CONDANNATO LO STATO ITALIANO A RISARCIRE LE VITTIME ORMAI IN GRAN PARTE MORTE!!!!! PER CUI INVITO TUTTI A RIFLETTERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • mb

    13 Maggio @ 08.44

    mi permetto di commentare che secondo me è più responsabile il medico curante che non l'Avis, un'associazione seria e fatta di volontari capaci e responsabili. Donare sangue non serve per fare un check up gratuito del proprio stato di salute e il valore del PSA credo proprio che nulla abbia a che fare con i parametri normali di una donazione.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

6commenti

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna"

FUMETTI

Asterix e Obelix arrivano a Parma e gustano il prosciutto in una "taberna" Foto

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

AVEVA SOLO 48 ANNI

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

Calcio

Parma, tre punti d'oro

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Salsomaggiore

«In via Petrarca ci sentiamo abbandonati»

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

STADIO TARDINI

Pazzo campionato: il Parma segna su azione, vince ed è a 3 punti dalla vetta

Guarda la classifica. Barillà:"Stiamo crescendo" (Video) - Scozzarella: "Iniezione di fiducia" (Video) - Grossi: "Tre punti pesanti" (Videocommento)

3commenti

polizia

Furgone in sosta in centro per la consegna, spariscono dei vestiti

1commento

il caso

Eramo: "Il conto dei servizi, il Comune lo fa pagare ai disabili?"

via carducci

Insulta i clienti di un bar e i poliziotti. Denunciato slovacco 46enne

2commenti

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Brexit, nebbia fitta sulla Manica

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

DA GENNAIO

E la Ue "sdogana" gli insetti a tavola

LUCCA

E' morto il bimbo di un anno caduto dal trattore

1commento

SPORT

Formula 1

Hamilton, pole numero 72. Vettel è secondo

RUGBY

Zebre, crollo nella ripresa: avanti 30-7 perdono 38-33

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va