Gli scenari

Pantani , quei segreti troppo scottanti

Dallo spaccio alle scommesse: cosa potrebbe aver "pagato" il 14 febbraio di dieci anni fa

Pantani , quei segreti troppo scottanti

Marco Pantani

Ricevi gratis le news
6

Una linea d'ombra lunga dieci anni. Tanti ne sono passati da quel San Valentino di morte. Il residence «Le Rose» di Rimini, abbattuto nel 2009, è risorto in un elegante hotel con spa. E della stanza D5 rimangono solo le immagini fissate nel video degli investigatori quella sera. I dubbi, però, non si sono placati. Quegli interrogativi che la madre di Pantani ha buttato in faccia al mondo più volte - e che ora sono diventati un esposto-bomba - potrebbero trasformarsi in un atto d'accusa. Ma chi e perché avrebbe potuto uccidere Marco? L'ex re delle montagne era arrivato a spendere decine di migliaia di euro al mese in cocaina: un ottimo cliente. Quello che ogni pusher si augurerebbe. Ma il Pirata poteva diventare un avventore terribilmente scomodo. Troppo ingombrante quel nome famoso. Quel volto così conosciuto che attirava molte attenzioni, soprattutto sulla riviera, dove il business degli stupefacenti ha cifre da capogiro e «padroni» con collegamenti criminali di primissimo livello. Senza dimenticare, poi, che mamma Tonina aveva già puntato il dito contro alcuni spacciatori del figlio.
Pantani sapeva. Conosceva alla perfezione la geografia dello spaccio sulla riviera e le facce di chi bazzicava nei luoghi dello sballo. Nomi - probabilmente - anche di «perfetti conosciuti», che quel giorno o nelle ore precedenti aveva minacciato di rivelare. O forse conosceva segreti di quel mondo che qualcuno temeva potessero essere rivelati. Solo ipotesi, naturalmente. Ma anche episodi inquietanti agli atti del processo, come le due telefonate che l'ex campione fa alla reception dalla sua stanza tra le 10,30 e le 11. La prima volta dice che ci sono persone che lo disturbano, ma quando l'addetta sale e bussa alla porta, lui non risponde. Poi avrebbe biascicato qualcosa di incomprensibile. Venticinque minuti dopo, però, Pantani richiama e dice: «Ci sono persone che mi danno fastidio, chiamate i carabinieri». L'impiegata, secondo quanto ha raccontato, gli chiede se si sente male, ma lui avrebbe risposto con tono garbato: «Chiami i carabinieri, altrimenti lasci perdere, è la stessa cosa».
Fatto sta che nessuno entra in quella stanza. E se in quei momenti qualcuno stesse minacciando Pantani? Magari qualcuno che lui conosceva, perché quelle telefonate potevano essere state il modo per far capire a chi lo stava aggredendo che lui era pronto a fare il suo nome. Una o più persone che avrebbero potuto entrare e uscire dal residence senza essere visti, passando dal garage della struttura. Forse non c'era alcuna intenzione di uccidere, ma la lite potrebbe essere degenerata. E poi si è andati oltre, fino alla decisione di far bere a Pantani tutta quella cocaina.
Due mesi frenetici, gli ultimi vissuti dal Pirata. Ossessionato dalla ricerca della cocaina. E accanto a lui, oltre alla Korovina, c'è anche Michael Mengozzi, l'uomo a cui nell'estate 2003 i genitori avevano «affidato» il figlio per tenerlo sotto controllo, lontano dalla droga. Allora gestiva una discoteca sulla riviera, e nella sua casa di Predappio Pantani spesso si rifugiava. E' lui che il 27 dicembre 2003, oltre al medico del Sert Giovanni Greco, arriva nella camera dell'hotel Touring di Rimini: Pantani sta male, e c'è cocaina ovunque. Mengozzi lo porta via con sé. Ma la caccia alla polvere bianca continua anche nei giorni successivi, finché il 13 gennaio Marco si trasferisce a Milano, a casa della sua manager, Manuela Ronchi. Ma la convivenza con la donna e la sua famiglia dura poco più di una settimana: Pantani viene sorpreso a drogarsi in casa. A Milano arrivano anche i genitori del Pirata. E scoppia lite. Poi, una nuova fuga: il campione lascia l'appartamento della Ronchi e va a stare in un hotel vicino alla stazione centrale. Ma è sulla riviera che vuole tornare. Ed è a Rimini che il 9 febbraio si fa accompagnare in taxi.
Il giro della droga. E dei nomi scottanti che avrebbero potuto emergere, se Pantani avesse parlato. Ma non si possono nemmeno dimenticare gli scenari che da anni la famiglia di Pantani adombra, anche se paiono ormai in secondo piano rispetto all'ipotesi che si debba cercare nel mondo dello spaccio. Tuttavia, nel 1998, in quella stagione d'oro, quando Pantani aveva vinto tutto, si era fatto molti nemici, secondo i genitori: gli sponsor delle squadre concorrenti alla Mercatone Uno, quella per cui correva Pantani, che non digerivano il campione senza rivali. Ma anche il mondo del doping e quello delle scommesse clandestine compaiono spesso nelle parole di Tonina e Paolo Pantani. E il pensiero va subito a Madonna di Campiglio, al 5 giugno 1999, quando il Pirata fu bloccato per quell'ematocrito due punti sopra il limite. Nessuna positività a sostanze illecite (e poi nessuna condanna per doping), ma la sospensione di due settimane dal Giro per tutelare la sua salute. Bisognava forse fermarlo perché, come portavoce del gruppo, era contrario ai prelievi del Coni e favorevole a quelli dell'Uci?
C'è poi quella pagina del libro «Il fiore del male» di Renato Vallanzasca, in cui l'ex boss della Comasina racconta che, pochi giorni prima del 5 giugno 1999, aveva ricevuto la proposta da parte di un detenuto di scommettere contro il «pelatino» perché sarebbe stato espulso. Lui rifiutò. O, almeno, così ha detto. Ma da allora il Pirata ha cominciato il suo esilio. G. Az. 

Giallo Pantani: è un omicidio? Tutte le notizie che riaprono il caso

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gio

    04 Agosto @ 13.39

    Giorgio R.

    fEDERICOT SI VERGOGNI PER QUELLO CHE HA SCRITTO. cOSA VUOL DIRE è MORTO E BASTA !?? Lo fa per provocare o cosa ? Federicot se la trovassero morta e dicessero che lei si è suicidato e non fosse così lei e i suoi famigliari avreste piacere ? Fra omicidio e suicidio c'è differenza eccome.

    Rispondi

  • Gio

    04 Agosto @ 13.36

    Giorgio R.

    Federicot fra omicidio e suicidio CI SONO DIFFERENZE ABISSALI !

    Rispondi

  • Gio

    04 Agosto @ 13.36

    Giorgio R.

    Federicot non si capisce tanto cinismo dove lo ha trovato. Se qualcuno è stato ucciso si deve trovare chi lo ha ucciso. Pantani vittima prima e dopo. Federicot se la trovassero morta e dicessero che si è suicidato e non è vero lei e i suoi famigliari avreste piacere ? Intanto è stato sbagliato l'intervento di chi è entrato nell'appartamento che lo ha trovato molto in disordine come se qualcuno cercasse qualcosa. La bottiglia d'acqua non analizzata ecc. Mi vengono i brividi solo a pensare che chi deve vedere certe cose non le vede oppure NON le vede di proposito ? Aggiungo per Federicot che Pantani come altri corridori è stato vittima di un sistema che tutti perseguivano. Aggiungo che ho seri dubbi che ai giocatori della Germania e altri abbiano eseguito l'esame dell'ematocrito. Correvano per 120 minuti e velocemente. Pantani non fu trovato positivo al doping ma aveva sforato di poco i limiti dell'ematocrito di cui possono comunque influire altri fattori come la disidratazione ecc. Pantani è stato buttato nel fango e ha subito uno stillicidio psicologico senza eguali. Inoltre la famiglia ha diritto a sapere la verità. Qualcosa non ha quadrato. BEN DUE RICHIESTE chiamata ai carabinieri tramite reception DOVEVANO assolutamente indurre chi è entrato nella stanza a indagare e a fare i rilievi del caso.

    Rispondi

  • AleAle

    03 Agosto @ 09.35

    @fereicot - sarà morto però troppe cose sono veramente poco chiare nella sua morta. I suoi commenti stonano non solo per mancanza di rispetto verso la famiglia che già ha dovuto subire tante negatività ma anche perché hanno il sacrosanto diritto a sapere la verità, verità che sicuramente è rimasta coperta per motivi "superiori".

    Rispondi

  • federicot

    02 Agosto @ 18.33

    federicot

    Si può cercare in silenzio... REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Facendo i giornalisti, il silenzio non è l'esercizio più congeniale..... Comunque concordo che il silenzio si presti ad essere utilizzato in tante occasioni

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Vasco Rossi nel 2018 sarà a giugno negli stadi

musica

Vasco Rossi torna negli stadi: appuntamento a giugno 2018

1commento

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero

IL DISCO

"Obscured by clouds": i Pink Floyd nella valle del mistero Video

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per tour estivo

musica

Lenny Kravitz a Verona e Lucca per il tour estivo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

CHICHIBIO

«Il Casale», buoni piatti di pesce e di terra

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

copermio

Salvataggio in gommone di tre persone e un cane bloccati in un capannone Video

PIENA

Enza in piena: evacuazioni in corso a Casaltone e Lentigione Foto

emergenza

La Parma esonda a Colorno: acqua nel cortile della Reggia. Evacuata la piazza Video 1-2

La sindaca: "State lontani dagli argini"

emergenza

Lentigione finisce sott'acqua: evacuazioni in corso Foto

IL CASO

Via Cavour, 17enne aggredito e rapinato dal «branco»

Salsomaggiore

Maltempo, auto imprigionata con a bordo tre bimbi

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

Intervista

Fiorella Mannoia: «Sto dalla parte delle donne»

IL CASO

Collecchio dichiara guerra al gioco d'azzardo

LUTTO

Fidenza, stazione più triste senza Luca, il suo giornalaio

La storia

«Il mio viaggio da incubo sull'Intercitynotte»

San Prospero

«I lupi? Ci fanno più paura i ladri nelle case»

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

SEMBRA IERI

Una "pennellata" di teatro con Maurizio Schiaretti (1993)

Incidenti

Corcagnano e via Spezia: due pedoni investiti, sono in gravi condizioni Video

ordinanze

Ghiaccio, maltempo e zone in Appennino senza luce: ecco le scuole che resteranno chiuse

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Berlusconi ritorna: non farà da spettatore

di Stefano Pileri

UNIVERSITA'

Smart Production Lab 4.0 al servizio del futuro

di Katia Golini

ITALIA/MONDO

VAPRIO D'ADDA

Sparò e uccise il ladro: "Legittima difesa". Caso archiviato

COREA DEL NORD

Pyongyang prepara la guerra batteriologica?

SPORT

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

calcio

Ottavi Champions: Juve con il Tottenham, Roma con lo Shakhtar. L'Europa League

SOCIETA'

Ministero

Farmaci più cari di notte: raddoppia il supplemento

emendamenti

Manovra: salta la stretta sull'uso dei cellulari in auto

MOTORI

Auto-moto-pedoni

Guidare su neve e ghiaccio: le 10 regole

MOTO

Prova Kawasaki Z900RS