×
×
☰ MENU

L'iniziativa lanciata dalla Lav (Lega anti vivisezione)

Visita veterinaria «sospesa» per animali di famiglie in difficoltà economiche

Visita veterinaria «sospesa» per  animali di famiglie  in difficoltà economiche

di Rose Ricaldi

07 Dicembre 2021,14:47

La pandemia di questi ultimi due anni ha generato, come sappiamo, non solo una grave crisi sanitaria, ma anche economica, e nel nostro Paese sono assai numerose le famiglie che, a causa di difficoltà di tipo finanziario, non riescono più a far fronte alle spese veterinarie per i propri amici animali. Proprio al fine di garantire cure mediche per le migliaia di quattro zampe che fanno parte di nuclei familiari con questo tipo di problematiche, così come per i cani e i gatti che vivono liberi sul territorio, la Lega Anti Vivisezione ha lanciato anche quest’anno “La visita veterinaria sospesa”, progetto benefico che vede ancora una volta il supporto speciale di Tiziano Ferro, voce dello spot dell’iniziativa: «La nostra idea – spiega la Lav attraverso le proprie pagine web - è quella di creare una comunità che si mobiliti per chi ne ha più bisogno, facendo un gesto solidale, tipico italiano, per pagare una visita veterinaria a chi non può permetterselo. Oltre alle famiglie in difficoltà, aiuteremo anche gli animali che non hanno una famiglia, gatti di colonie feline e cani liberi sul territorio, e che, grazie a coloro che aderiranno e alla rete Lav, potranno avere accesso alle cure di cui necessitano». Il progetto, come sottolinea l’associazione animalista, nasce con l’obiettivo di «prestare assistenza veterinaria a cani e gatti bisognosi di cure urgenti: la Lav vuole così garantire il diritto alla cura di cani e gatti che vivono in nuclei familiari socialmente fragili o liberi sul territorio, ma comunque bisognosi di cure. Negli ultimi mesi le richieste di aiuto per cure e farmaci veterinari sono diventate molto più frequenti».
Sino al 12 dicembre basterà inviare un sms da cellulare al 45587, digitando “Lav”, per donare 2 euro, mentre telefonando da rete fissa sempre al numero 45587 sarà possibile devolvere 5 o 10 euro a favore dell’iniziativa. «Attraverso le sue 50 sedi locali, la Lav potrà raccogliere le richieste di aiuto sul territorio e individuare le strutture veterinarie di fiducia con le quali stipulare delle convenzioni per prestazioni veterinarie a prezzo agevolato – prosegue la Lega Anti Vivisezione -. Sarà previsto un tetto massimo di spesa pari a 250 euro per le prestazioni veterinarie e saranno individuati dei pacchetti di prestazioni. Tra le prestazioni sarà inclusa la sterilizzazione».

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI