×
×
☰ MENU

Giunta, assetto urbanistico e tempo libero al 23enne Matteo Borrini

Giunta, assetto urbanistico e tempo libero al  23enne Matteo Borrini

di Chiara De Carli

21 Ottobre 2020,09:49

Frequenta l'Università Cattolica di Piacenza: è entrato in consiglio con 124 preferenze

Dopo l’ingresso di Mariavittoria Rusca, che affiancherà la giunta comunale come consigliere delegato, la «squadra operativa» di Tommaso Fiazza si infoltisce ulteriormente con l’assegnazione di nuovi compiti ad un altro dei consiglieri eletti lo scorso settembre.  Per le deleghe ad assetto urbanistico del territorio, benessere e tempo libero il primo cittadino ha scelto Matteo Borrini, 23enne studente di giurisprudenza all’università Cattolica di Piacenza entrato in consiglio grazie a ben 124 preferenze.

«Aver ricevuto un così alto e inaspettato numero di preferenze è per me motivo di grande orgoglio ma anche fonte di considerevole responsabilità nei confronti dei cittadini – ha premesso Borrini, pronto ad accettare i nuovi incarichi -. Affinché il mio contributo risulti profittevole, sono certo che i fari del mio mandato debbano essere l’umiltà e la voglia di imparare. Il mio intento è quello di dare un apporto il più proficuo possibile agli assessori di riferimento, i quali si sono dimostrati fin da subito disponibili e desiderosi di insegnarmi i meccanismi dell’attività amministrativa. Un doveroso ringraziamento è diretto al sindaco, il quale ha assecondato le mie proposte riguardo le deleghe da conferirmi dimostrando così grande fiducia nei miei confronti. Per quanto riguarda la delega all’urbanistica l’obiettivo che mi pongo è quello di mettere a disposizione e rendere concrete le conoscenze normative che sto acquisendo, alla luce del mio percorso di studi. Lo sport fa parte invece di un ambiente che conosco bene, che ho frequentato assiduamente e di conseguenza il mio proposito è quello di sostenere, promuovere e possibilmente migliorare le strutture e l’attività delle associazioni sportive locali tenuto conto anche della difficile situazione che stiamo vivendo». «Ritengo sia importante e utile per Fontevivo che tutti i consiglieri possano dare il proprio contributo di idee e di progetti avendone anche la responsabilità – ha spiegato Fiazza -. Assegnare deleghe anche a chi è rimasto fuori dalla giunta è un modo per farli entrare in campo e non lasciarli sui banchi come tifosi o spettatori, cosa che si vede troppo spesso in giro. Fare un’esperienza di questo tipo permette anche loro di muovere i primi passi nell’amministrazione, potendo contare sul supporto di assessori e uffici comunali, e di farsi così trovare pronti per diventare a loro volta assessori o, se lo sentiranno nelle loro corde, per candidarsi in futuro al ruolo di sindaco».
 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI