×
×
☰ MENU

Hi Tech

Esports. F1 22, largo alla nuova generazione

Esports. F1 22, largo alla nuova generazione

di Riccardo Anselmi

15 Maggio 2022,18:09

Anticipato attraverso un tour virtuale dell’inedito circuito di Miami, prima ancora che i piloti potessero fisicamente scendere in pista, F1 22 debutterà su computer e console il 1 luglio. Al volante nel giro lanciato su Youtube lo stesso Charles Leclerc, stella della Ferrari appassionatissimo di videogame come molti giovani della sua generazione. D’altronde l’accuratezza con cui vengono oggi realizzati questi titoli consente un ulteriore livello comunicativo rispetto alle gare viste in tv, aiutando a comprendere meglio le dinamiche dello sport, mentre in pratica le si tocca con mano. Tra le prospettive più interessanti offerte dai racing proprio lo studio approfondito dei circuiti, che si imparano a conoscere in prima persona, curva dopo curva, per esperienza diretta grazie alla simulazione. Guardare poi le corse dal vivo ha tutto un altro sapore.

Così come la nuova stagione di Formula uno, anche F1 22 segna una svolta, non solo perché ne rispecchia da licenza ufficiale i tanti cambiamenti, alle monoposto e sul fronte regolamento. Un po’ come la competizione, passata sul piano organizzativo alla statunitense Liberty media, il gioco F1 22, pur mantenendo la firma dello storico studio inglese Codemasters, si inserisce chiaramente in un’operazione più ampia del produttore che ne ha acquistato per intero il pacchetto, il colosso americano Electronic arts, il quale mira a farne un caposaldo della sua strategia a tutto campo in tema esports. Si tratta del principale editore globale del genere, con un catalogo che comprende bestseller come Fifa, destinato dal prossimo anno a trasformarsi in Ea sports fc, in un guanto di sfida del digital entertainment al mondo del calcio sul proprio peso specifico, come in passato era già avvenuto con il progressivo distanziamento del settore da Hollywood.

Per venire incontro ai gusti di una platea eterogenea di fan, F1 22 promette grande scalabilità, in modo da cucirsi il gioco addosso. I più appassionati potranno attivare una gestione realistica persino di aspetti come la safety car e il warm up, oltre al classico pit-stop. Tornerà, in maniera ampliata, anche la modalità Mia scuderia, in cui creare e gestire la propria squadra di Formula uno, scegliendo adesso tra tre basi di partenza: novizio alle prime armi, team da metà classifica o contendente al titolo. Al suo fianco non più la carriera cinematografica sperimentata in F1 2021, ma F1 Life, un assaggio di quello che potrebbe un giorno essere il metaverso della Formula uno: un hub virtuale dove provare la vita glamour lontano dalle corse di un campione, collezionando supercar, accessori e capi esclusivi. Per le fuoriserie sono previste anche esibizioni ad hoc, così da aggiungere un’altra variabile alle tradizionali gare con le monoposto.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI