Sei in Italiamondo

arte

Scoperto a Londra (durante un restauro) un quadro di Artemisia Gentileschi

03 marzo 2020, 17:13

Scoperto a Londra (durante un restauro) un quadro di Artemisia Gentileschi

 Non finisce di sorprendere la pittrice che ha sfidato limiti e pregiudizi della sua epoca diventando la 'regina' del barocco italiano. Dopo anni di lunghe diatribe fra critici ed esperti, a Londra è stato attribuito un quadro ad Artemisia Gentileschi (1593-1654), arricchendo così il suo già straordinario repertorio. Si tratta di un dipinto che ritrae la celebre sfida tra 'Davide e Golia', realizzato nel 1639 dalla grande artista di scuola caravaggesca e a lungo considerato un’opera di Giovanni Francesco Guerrieri, uno fra i migliori allievi di Orazio Gentileschi, padre di Artemisia. 
A scoprire che il dipinto portava la firma della pittrice (sulla spada di Davide) è stato lo studio dello storico dell’arte inglese Simon Gillespie in seguito a un accurato restauro della tela, realizzata durante il breve ma intenso soggiorno londinese dell’artista. Della nuova attribuzione ne parla uno dei massimo studiosi di Caravaggio e della sua epoca, Gianni Papi, sull'ultimo numero della rivista accademica 'The Burlington Magazinè e la notizia è stata ripresa anche dalla stampa britannica. «E' cosa comune che le opere di donne spesso vengano attribuite erroneamente ad artisti maschi», ha detto al Guardian Palmyre Manivet del Simon Gillespie Studio. Questo è avvenuto molte volte nel corso dei decenni per la produzione della Gentileschi che finalmente però sta trovando il giusto riconoscimento anche al di fuori dell’Italia. Proprio alla National Gallery di Londra si tiene dal 4 aprile al 26 luglio la prima grande mostra monografica a lei dedicata nel Regno Unito e intitolata semplicemente 'Artemisia'. Il progetto espositivo, concepito dopo l’acquisizione da parte del museo londinese dell’'Autoritratto come Santa Caterina d’Alessandria' (il primo dipinto dell’artista ad entrare in una collezione pubblica britannica), prevede l’esposizione di circa 30 opere della pittrice provenienti da istituzioni pubbliche e collezioni private di tutto il mondo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA