×
×
☰ MENU

TEATRO DEL CERCHIO

«Spazi d'ozio» non ozia per niente: 8 rassegne e oltre trenta eventi

«Spazi d'ozio» non ozia per niente: 8 rassegne e oltre trenta eventi

10 Giugno 2022,09:02

Non si può definire «Spazi d’ozio 2022» una semplice rassegna estiva. Il ciclo di appuntamenti che da ben nove anni viene organizzato dallo staff del Teatro del Cerchio, sotto la guida tenace e decisa del direttore Mario Mascitelli, e grazie al sostegno del Comune di Parma, nonché della Cooperativa Sociale Auroradomus che mette a disposizione l’area di allestimento, ha nel tempo acquisito le caratteristiche di una macro-iniziativa in cui far convergere con successo tante energie, diverse creatività e molteplici proposte culturali, alcune già attive da tempo sul territorio.

Ad oggi lo si può considerare un esempio virtuoso, concreto e utile, per «fare rete», dove presentare, nell’arco di tutto il periodo estivo, un’accattivante offerta artistica ed intrattenimento per il pubblico parmigiano.

La nona edizione, che inaugurerà martedì e si svolgerà fino al 5 agosto nel vasto spazio all’aperto del Centro Giovani Federale, in via XXIV maggio 15 rivelerà ancora di più la volontà di lavorare cercando di ampliare e diversificare la programmazione culturale preesistente in città.

Il calendario di quest’anno sarà, dunque, ancora più ricco ed eterogeneo, volto ad abbracciare l’interesse di diverse fasce di pubblico, sia per età che per formazione.

«Spazi d’ozio 2022» sarà prima di tutto un luogo di festa ma anche di festival, includendo al suo interno ben 8 rassegne: «l’Extra-Ordinario Festival» e l’«Extra-Ordinario Festival Kids», con titoli di prosa tradizionali e altri più adatti ai bambini, l’«EcoFestival di Teatro Ragazzi», rivolto al pubblico dei giovanissimi, «Dietro l’Angolo legge» con due serate dedicate a presentazioni di libri e letture teatralizzate da interpreti locali, il «Festival di Circo» per gli appassionati di arti acrobatiche e clownerie; e inoltre il «Microfestival-Luci della Ribalta», a cura dell’associazione culturale Micronomicon, che punterà i riflettori sul teatro musicale, dal varietà al cabaret, con artisti di Zelig e Colorado Café, una tappa del festival del podcast «Pod Fest», organizzato dal servizio Informagiovani del Comune di Parma e dal podcast Bouquet of Madness, e infine l’ormai tradizionale appuntamento con il «Festival della Parola», sempre a cura di Rinascimento 2.0, che quest’anno accenderà un focus tematico sulla figura di Pier Paolo Pasolini e porterà negli «spazi d’ozio» parmigiani un altro ospite illustre, lo scrittore e drammaturgo Stefano Massini.

Un programma che, a dispetto dell’ozio nel titolo, si preannuncia, quindi, vivacissimo ed eclettico, distribuito su 33 giornate di eventi e incontri, da martedì a venerdì, dove non mancherà l’opportunità di partecipare anche a una divertente attività laboratoriale gratuita, rivolta a grandi e bambini, che avvicinerà al teatro in lingua inglese.

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI