×
×
☰ MENU

La piccola Gerusalemme che fu degli Etruschi

La piccola Gerusalemme che fu degli Etruschi

16 Maggio 2021,09:27

Il nostro paese, lentamente, sta ripartendo. E torna la voglia di viaggiare magari unendo un po' di mare con il nostro sterminato patrimonio storico. Per fondere questi due aspetti niente di meglio che la Toscana. E in particolare quella che veniva chiamata «la piccola Gerusalemme». Parliamo di Pitigliano, uno dei Borghi più belli d'Italia, nel cuore della Maremma e dell'area del tufo, a solo una cinquantina di chilometri dalle spiagge. Già arrivando si resta colpiti: arroccato su una rupe di tufo, il paese offre la possibilità di spaziare sulla Maremma. Toscana. Prima di entrare in paese vale la pena di fare una sosta al belvedere del Santuario della Madonna delle Grazie: la vista  sul borgo è spettacolare.

Poi una volta dentro  è un labirinto di case e di vicoli dove è bello passeggiare senza fretta: prima di provare a perdersi una sosta davanti a Palazzo Orsini, che oggi ospita due musei e poi via nel ghetto ebraico dove un tempo abitava una numerosissima comunità che dal XV secolo vi si stabilì e ha lasciato tracce importanti.  Oggi è possibile visitare il museo di Cultura ebraica, la sinagoga così come accedere attraverso un percorso al forno dove si cuoceva il pane azzimo, alla cantina scavata nel tufo dove si produceva il vino kasher, alla macelleria, al bagno di purificazione per le donne e alla tintoria. E poi è la volta dei grandi protagonisti di questa parte di Maremma: gli etruschi. Uscendo dal paese è possibile scoprire le affascinanti vie cave,  i corridoi scavati nella roccia tufacea realizzati dalla civiltà etrusca. Alcune superano il chilometro di lunghezza, con pareti alte fino a 20 metri.
Tra le principali c’è quella del Gradone dove è stato allestito il museo Archeologico all'aperto  con i suoi due percorsi attraverso “la città dei vivi” e “la città dei morti”. Non vi spaventate: tutto è quieto e dolce. Come Lo Sfratto del Goym è una delle specialità da assaggiare. E' molto zuccherino. Ma è davvero una sorpresa.
 

Info - Dove mangiare
Pappalpomodoro
La trattoria si trova sulla via principale del centro storico di Pitigliano e propone  piatti della tradizione toscana a prezzi abbordabili.

Cecottino
Nel centro di Pitigliano, un locale che si chiama "hostaria" ma in realtà è un vero ristorante. Piatti classici come  pici al ragù di cinghiale e i ravioli al tartufo. 

Pantalla
Leggermente fuori dal paese, in mezzo alla campagna un altro locale tradizionale: da provare gli antipasti misti e le pappardelle con sugo di cinta senese, da consigliare. 


 

© Riproduzione riservata

Commenta la notizia

Comment

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

CRONACA DI PARMA

GUSTO

GOSSIP

ANIMALI