genova

Crollo del ponte, salgono a 39 le vittime: i primi nomi. Si continua a scavare. 632 gli sfollati Video Foto

Ricevi gratis le news
1

 Una riunione straordinaria del Consiglio dei ministri, in prefettura a Genova, decreterà lo stato di emergenza per il crollo del ponte Morandi e proclamerà il lutto nazionale per le vittime, che potrebbe coincidere con funerali solenni da tenersi a Genova. I morti accertati sono 39. E tiene sempre banco la polemica sulle responsabilità, con la società Autostrade per l’Italia (gruppo Benetton) che si difende.
39 VITTIME, TRE BAMBINI: SI SCAVA ANCORA PER CERCARE DISPERSI - E’ salito a 39 il numero dei morti accertati, tre dei quali sono bambini. L’ultimo bilancio è del Viminale, che cita dati della Prefettura di Genova. Tra le vittime ci sono anche tre francesi. Si scava ancora per trovare i dispersi: nelle ultime ore sono state estratte altre due persone che non sono state ancora identificate. Restano 16 i feriti, di cui 12 in codice rosso.

 La prefettura di Genova ha fornito un primo elenco ufficiale, parziale, delle vittime causate dal crollo del viadotto autostradale Morandi.
Andrea Vittone 49 anni di Venaria Reale (Torino), Manuele e Camilla Bellasio 12 e 16 anni, di Pinerolo, Claudia Possetti 47 di Pinerolo (nucleo familiare), Andrea Cerulli 48 di Genova, Stella Maria Boccia 24, nata a Napoli e residente ad Arezzo; Samuele e Roberto Robbiano 8 e 44 anni e Ersilia Piccinino 41 (Fersale, Catanzaro), residenti a Campomorone (nucleo familiare), Marta Danisi 29, di Sant'Agata di Militello (Messina) e Alberto Fanfani 42, di Firenze (fidanzati); Juan Ruben Figeroa Carrasco, cileno di 68 anni, Elisa Bozzo 33, di Genova, Francesco Bello, 41, di Serra Riccò (Genova), Luigi Matti Altadonna 34 di Genova, Gennaro Sarnataro 43 di Volla (Napoli), Bruno Casagrande 57, di Antoninina (Reggio Calabria), Antonio Stanzone 29 e Gerardo Esposito 26 di Torre del Greco, Vincenzo Licata 57 di Grotte (Agrigento), Alessandro Campora 55 di Genova. 

C'era chi andava al lavoro, chi stava rientrando dalle ferie e chi, invece, in vacanza ci stava andando. Sono morte mentre erano in viaggio le 39 persone morte perchè travolte dal crollo del ponte Morandi di Genova, lo snodo fondamentale della circolazione nel capoluogo ligure, sia per chi è diretto in Francia sia per chi, semplicemente, deve raggiungere l’altra parte della città.
Tra le vittime accertate c'è una famiglia della provincia di Genova, mamma, papà e figlio di 8 anni. Stavano andando in vacanza, si sarebbero dovuti imbarcare per la Sardegna. Il crollo ha spezzato la vita anche di un’altra famiglia, originaria di Pinerolo, con i figli di 16 e 12 anni. Sul viadotto ha trovato la morte anche un imprenditore savonese, ex campione di moto trial e «maestro d’ascia». La città di Torre del Greco, in Campania, si stringe attorno alle famiglie dei quattro ragazzi morti mentre si dirigevano a Barcellona per passare un pò di vacanze insieme. Tra loro un videomaker molto stimato in città ma anche un ragazzo che da poco era tornato da Londra, dove era riuscito a trovare un lavoretto nella ristorazione.
Tra le vittime anche due dipendenti della municipalizzata per l'ambiente che erano al lavoro proprio sotto il viadotto crollato. Stavano rientrando in Italia dalla Francia anche due autotrasportatori romeni. Tra le vittime anche una 24enne di Arezzo, che stava tornando dalle vacanze con il fidanzato dominicano. Si sarebbero dovuti sposare a breve, invece, la 29enne Marta, un’infermiera di Sant'Agata di Militello, e il 32enne Alberto, originario di Firenze. Al momento tra i nomi delle vittime compaiono anche quelli di quattro turisti francesi, come confermato anche da Parigi. (

E’ salito da 440 a 632 il numero degli sfollati a causa del crollo del ponte autostradale Morandi a Genova. Lo rende noto stamani la Regione Liguria via twitter. Sono 311 le famiglie che hanno dovuto abbandonare la propria casa, al momento tutte sistemate per l’immediato grazie all’impegno del Comune di Genova. Gli sfollati occupano gli edifici situati sotto il pezzo di ponte rimasto intatto e nelle immediate vicinanze.
BUFERA SU AUTOSTRADE, «VIA LA CONCESSIONE». SOCIETA' SI DIFENDE, DI MAIO 'COPERTA DA GOVERNI PRECEDENTI' - Nei confronti della società avviate le procedure per l'eventuale revoca delle concessioni e multe fino a 150 milioni di euro. Lo hanno annunciato il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli e i vice premier Luigi Di Maio e Matteo Salvini. «I responsabili hanno un nome e cognome e sono Autostrade per l’Italia», dice Di Maio. «Se non sono capaci di gestire le nostre autostrade, lo farà lo Stato», aggiunge Toninelli. La società da parte sua di difende: «Il viadotto era monitorato dalle strutture tecniche della Direzione di Tronco di Genova (che fa parte di Autostrade, ndr) con cadenza trimestrale secondo le prescrizioni di legge e con verifiche aggiuntive realizzate mediante apparecchiature altamente specialistiche» e anche attraverso «società ed istituti leader al mondo in testing ed ispezioni». L’esito ha sempre fornito «adeguate rassicurazioni». «Autostrade è stata coperta da governi precedenti» , rilancia Di Maio e il M5s parla di chiare responsabilità degli esecutivi del passato.
AUTOSTRADE, MAXIRICAVI E INVESTIMENTI. I CONTROLLI SUGLI INTERVENTI - Negli ultimi cinque anni (2012-2017) gli investimenti di Autostrade in sicurezza, manutenzione e potenziamento della rete sono stati superiori a 1 miliardo di euro l’anno. La società ha chiuso il 2017 con ricavi operativi per quasi 4 miliardi, un utile d’esercizio di 1,042 miliardi e investimenti operativi per 556 milioni. Polemiche anche su chi dovesse controllare gli interventi di Autostrade, compresi i lavori sul ponte di Genova, con il Governatore della Liguria Giovanni Toti che sostiene che sono gli uffici del Mit (Ministero Infrastrutture e trasporti) che devono verificare insieme alla concessionaria. Per la prossima settimana previsto un consiglio di amministrazione straordinario.
SOS SICUREZZA: SENSORI E RADIOGRAFIA DI PONTI E VIADOTTI - Giganti in cemento armato, nati negli anni '60, che ormai rischiano di essere vecchi, troppo vecchi per il traffico anche di merci sempre più sostenuto. Sono i tanti ponti e viadotti in Italia che ora saranno sorvegliati speciali. Il ministro Toninelli promette soldi «per applicare a tanti di questi viadotti dei sensori tecnici che ci daranno lo stato dell’arte e ci permetteranno di prevenire». Salvini parla della necessità di «un’enorme radiografia delle opere pubbliche e un’enorme spesa. Bisogna prevenire: penso anche agli argini dei fiumi e alle zone franose».
LE MACERIE FANNO PAURA, RIMUOVERLE SUBITO - La Regione Liguria ha avviato un controllo meteo in tempo reale per scongiurare il rischio che le piogge impediscano i soccorsi nella parte del ponte autostradale Morandi crollata nel torrente Polcevera e che le macerie si trasformino in un 'tappò per il deflusso delle acque. Sulla necessità di rimuovere le macerie «nel giro di giorni non di mesi» ha insistito il suo direttore generale della Protezione civile Agostino Miozzo «perchè se dovessero arrivare delle precipitazioni importanti, che in questa zona non mancano, ci potrebbero essere dei rischi per la popolazione».I tecnici di Autostrade stanno facendo verifiche sulla parte di ponte rimasta sospesa sulle abitazioni nella sponda ovest del Polcevera. «Le case sono state evacuate e al momento non ci sono indicazioni di rischi», spiega il comandante provinciale dei vigili del fuoco Fabrizio Piccinini.
DUE INCHIESTE, PROCURA: «ERRORE UMANO», TIRANTI SOTTO ACCUSA - «Non è stata una fatalità, ma un errore umano» a provocare il crollo del ponte a Genova. E’ la convinzione del procuratore capo di Genova Francesco Cozzi che oggi ha compiuto un sopralluogo nella zona del ponte. La zona non è sottoposta a sequestro per consentire l’opera dei soccorritori. Ad ampio raggio, probabilmente anche sui tiranti, le verifiche della Procura che ha aperto un fascicolo per disastro colposo e omicidio plurimo, mentre un’altra inchiesta è stata aperta dal ministero delle Infrastrutture.
LE STORIE: I FIDANZATI, GL OPERAI, I TURISTI, LA SPOON RIVER DEL PONTE - Sono morti mentre andavano in vacanza,al lavoro,a casa. Nella Spoon River del Polcevera si piangono famiglie, operai, videomaker, fidanzati, cameriere. Molti venivano da altre regioni, perchè quello era il ponte dei viaggi, che porta a C'era la famiglia piemontese, la cameriera toscana col fidanzato, un gruppo di ragazzi napoletani. E anche tre ragazzi francesi.

C'è anche il savonese Giorgio Donaggio tra le vittime del crollo del viadotto Morandi sulla A10. Il suo corpo è stato ritrovato questa mattina all’interno dell’abitacolo della Volvo su cui stava viaggiando in direzione di Santa Margherita Ligure. Donaggio, 57 anni, residente a Toirano (Savona), era un «maestro d’ascia» (costruiva barche in legno) e il titolare della Donaggio Boat Service, attiva nel porto di Andora. Donaggio lascia la moglie Enrica e tre figli, Cristian, Matteo e Luca.
«Era una persona stupenda e un grande professionista - lo ricorda Giovanni Bencivenga, vicepresidente del locale Circolo Nautico - le sue capacità lo avevano portato a lavorare su barche molto prestigiose».
Era anche un ex campione italiano di moto trial, come ricorda il suo amico Vittorio Brumotti, inviato di Striscia La Notizia: «E' stato il mio mito fin da piccolo».

La cronaca della tragedia

Ore 11.50: con un ruggito il viadotto 'Morandì sull'A10 tra i caselli di Genova Ovest, 51 anni mal portati, si sbriciola mentre imperversa la bufera d’acqua e fulmini. Crollando, il ponte trascina con sè in un volo di 100 metri auto e camion, schiantandosi in un mucchio di macerie e lamiere nel secco greto del torrente Polcevera. Una parte del ponte piomba sulla sottostante via Fillak, travolgendo una struttura dell’Amiu, l’azienda ambientale del Comune di Genova. E’ una tragedia immane. I primi a arrivare sono i poliziotti del Reparto mobile di Bolzaneto, che estraggono vivo da un’auto il portiere del Legino Davide Capello. Sono loro che daranno l’allarme. Sul posto i vigili del fuoco, Carabinieri e polizia mentre sui social diventa virale un video in cui si vede il pilastro del ponte che viene giù. I tre più importanti ospedali cittadini aprono le unità di crisi mentre comincia la conta delle vittime: nel corso della notte i morti accertati sono 37, di cui 5 non identificati, ma si pensa che le vittime potrebbero arrivare fino a 50. Tra queste anche tre minori: un bimbo di 8 anni e due adolescenti di 12 e 13 anni anni. Sono 16 i feriti, di cui 12 in codice rosso.
E’ il momento del dolore per quella che il presidente della Repubblica Mattarella è «una disgrazia spaventosa e assurda». Il governatore Toti, il sindaco di Genova Bucci e anche il ministro alle infrastrutture Toninelli la chiamano «una tragedia immane" per la quale la solidarietà, così come le polemiche, arrivano trasversali. Il ministro dell’Interno Salvini ricorda di aver percorso quel ponte «migliaia di volte però adesso da cittadino italiano farò di tutto per avere nomi e cognomi dei responsabili passati e presenti perchè è inaccettabile che in Italia si muoia così». E comunque, aggiunge «nel 2018 non è possibile morire così. Se ci sono vincoli europei che ci impediscono di spendere soldi per mettere in sicurezza le scuole dove vanno i nostri figli o le autostrade su cui viaggiano i nostri lavoratori, metteremo davanti a tutto e a tutti la sicurezza degli italiani». E Mattarella sollecita «un esame severo sulle cause: nessuna autorità potrà sottrarsi a un esercizio di piena responsabilità, lo esigono le famiglie delle tante vittime».
Il sottosegretario alle infrastrutture Edoardo Rixi riflette: «Un ponte non viene giù per un fulmine nè per un temporale: vanno trovati i colpevoli». E lo dice perchè alcuni testimoni sostengono che al momento del crollo un fulmine avrebbe colpito il piantone del ponte.
Ma, almeno secondo le prime stime, il crollo sarebbe attribuibile a un cedimento strutturale. Crollo, dice il direttore del Tronco di Genova di Autostrade per l’Italia Stefano Marigliani, che è «per noi qualcosa di inaspettato e imprevisto rispetto all’attività di monitoraggio che veniva fatta sul ponte. Nulla lasciava presagire. Assolutamente non c'era nessun elemento per considerare il ponte pericoloso». Tra l'altro, dice ancora Autostrade, «sulla struttura risalente agli anni '60 erano in corso lavori di consolidamento della soletta del viadotto» e «come da progetto, era stato installato un carro-ponte per consentire lo svolgimento delle attività di manutenzione. I lavori e lo stato del viadotto erano sottoposti a costante attività di osservazione e vigilanza da parte della Direzione di Tronco di Genova».
Poco dopo però arrivano le parole del ministro Toninelli che parla proprio di responsabilità della manutenzione: «dalle verifiche fatte attraverso i tecnici del ministero, la manutenzione compete ad Autostrade, la manutenzione a qualsiasi livello compete ad Autostrade, compete ai tecnici del ministero seguire gli interventi straordinari».
La solidarietà è globale: attivato il protocollo sisma, arrivano vigili del fuoco dalle regioni limitrofe, i nuclei di Protezione civile di molte regioni sono pronte a partire. E’ un disastro che colpisce al cuore tutta l’Italia. Mentre al policlinico San Martino si compongono i morti e gli psicologi raccolgono le lacrime dei parenti, il premier Conte arriva in prefettura dopo un breve sopralluogo sul Polcevera. «Davanti a una tragedia come quella di Genova tutti si devono interrogare - ha detto durante il sopralluogo -. Tutte le autorità competenti e tutte le persone che hanno responsabilità». Il premier ha sottolineato che il bilancio delle vittime «è purtroppo destinato a lievitare». Ora, ha aggiunto, «dovremo accertare le cause e occorrerà del tempo. Ma una tragedia del genere è inconcepibile». Conte ha poi annunciato: «un piano straordinario di monitoraggio di tutte le infrastrutture soprattutto di quelle più vecchie».
Oggi sono attesi il ministro del Lavoro Di Maio e il ministro dell’Interno Salvini mentre i caschi rossi dei vigili del fuoco brillano sotto la luce delle fotoelettriche. Si continua a scavare mentre nella speciale camera ardente realizzata al Policlinico San Martino comincia la triste processione dei familiari che devono identificare le vittime.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Oberto

    15 Agosto @ 11.09

    quanti morti !!! povera gente, penso alle famiglie. Una tragedia enorme, non si hanno le parole necessarie a esprimere sufficientemente la vicinanza a tutti i coinvolti.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Victoria's Secret Fashion Show 2018, niente modelle Lgbt e plus size: è polemica Foto

moda

Victoria's Secret Show, niente modelle Lgbt e plus size: è polemica Foto

1commento

Mike Piazza e consorte a Parma

paparazzato

Mike Piazza e consorte a Parma

1commento

Adriano Panatta e Serena Grandi

Adriano Panatta e Serena Grandi

GOSSIP

Serena Grandi: "Storia d’amore segreta con Panatta durata 2 anni»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

GAZZAFUN

10 negozi che hanno fatto la storia di Parma: quale ti manca di più?

3commenti

Lealtrenotizie

Jiang Lizhang parte alla carica: "Il Parma è mio. Pronto al tribunale per riprendermelo "

Il caso

Lizhang all'attacco: "Pronto a vie legali per riprendermi il Parma". Nuovo Inizio: "Socio non adeguato, riacquisto legittimo"

2commenti

Indagine Italia Oggi

Qualità della vita, Bolzano sempre al top. Parma sale un gradino ed è sesta

1commento

Medesano

Incendio alla ex fornace di Felegara, quella dell'allarme "eternit sulle coperture"

anteprima gazzetta

Villetta in via Langhirano razziata dai ladri

12Tg Parma

Ancora grave (ma stazionario) il 41enne vittima dell'incidente mortale di Diolo Video

SOLIGNANO

Brutta caduta per un endurista: soccorso nei boschi di Specchio

NOCETO

Borghetto, disinnescata la maxi bomba americana: gli evacuati tornano a casa Video Foto

Tutte le precauzioni per chi vive oltre il raggio di evacuazione totale

SAN SECONDO

Addio a «Filli», era stato assessore

Parma calcio

Sondaggio - La coppia-gol che ci ha fatto sognare di più? Ça va sans dire Chiesa-Crespo. I risultati

WEEKEND

Passeggiata fra i misteri di Parma, gara di torte, November Porc a Zibello: l'agenda

EMERGENZA DROGA

Il questore: «La metà dei sequestri di droga della nostra regione avviene a Parma»

7commenti

SORAGNA

Addio Simone, lattoniere esperto e norcino per passione. Aveva 36 anni

solidarietà

"Un gol per Giocamico": al Tardini la sfida con i campioni indimenticati Foto

INIZIATIVA

Zibello, tutti pazzi (e golosi) per November Porc Foto

commercio

Barilla center, da gennaio cambia pelle con un nuovo progetto architettonico

1commento

UNIVERSITA'

Mobilità elettrica: il 22 convegno di EMS al Campus

"Mobilità elettrica, il futuro è oggi!": gli esperti radunati dall'associazione studentesca a confronto per sciogliere tutti i dubbi sulla mobilità a zero emissioni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché è giusto ricordare la guerra dei nostri nonni

di Michele Brambilla

LA PEPPA

La ricetta  - Mele al forno rivisitate

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

Tim, Luigi Gubitosi nominato ad

terremoti

Scossa di magnitudo 4.2 (e paura) nel Riminese

SPORT

TENNIS

Sorpresa finale: Zverev strapazza Djokovic

F3

Pauroso incidente al Gp di Macao: frattura vertebrale per la tedesca Floersch

SOCIETA'

New York

L'aereo viaggia di sabato, ma è "riposo sabbatico": rissa in volo con ebrei

VELLUTO ROSSO

Lodo Guenzi (Stato Sociale), la storia dell'Impressionismo e "Ogni bellissima cosa"

MOTORI

RESTYLING

Mercedes Classe C, l'ammiraglia compatta

ANTEPRIMA

Aston Martin DBX, il primo Suv non sarà elettrico