19°

CULTURA

Architettura, Bontempi nell'Olimpo

Primo italiano a ottenere il premio. La consegna il 29 marzo a Chicago

Pier Carlo Bontempi

Pier Carlo Bontempi

0

di Mariagrazia Villa

La storia di Richard Driehaus è tipicamente americana. Ha iniziato a guadagnare i primi dollari da ragazzino, consegnando tutte le mattine il giornale in un quartiere di Chicago. Fedele al motto: «Tutti vogliono diventare ricchi, ma pochi sono disposti a lavorare per diventarli». E ha iniziato a giocarseli in borsa a 13 anni. Oggi, questo enfant prodige della finanza ne ha 71 ed è il titolare di uno dei fondi d’investimento più importanti degli Stati Uniti. E pensa alla felicità altrui come alla propria. Dal 1984, infatti, ha speso circa 100 milioni di dollari in opere filantropiche, cui ha aggiunto, nel 2003, l’istituzione del «Richard H. Driehaus Prize», in collaborazione con la prestigiosa University of Notre Dame nell’Indiana. Fedele a un altro motto: «Ognuno merita di vivere circondato dalla bellezza». Insieme al Pritzker Architecture Prize (vinto finora da due italiani, Aldo Rossi nel 1990 e Renzo Piano nel 1998), che è più noto ma economicamente meno consistente, è il premio per l’architettura più importante al mondo, paragonabile al Nobel. Obiettivo: onorare ogni anno un architetto vivente che, nel corso della sua carriera, abbia fornito un singolare contributo all’architettura tradizionale e classica. 

L’anno prossimo, per la prima volta, il Driehaus andrà a un architetto italiano: il parmigiano Pier Carlo Bontempi. Gli verrà ufficialmente conferito il 29 marzo, al John B. Murphy Memorial Auditorium di Chicago, e in quell’occasione verrà anche pubblicato un volume dedicato al suo lavoro. Bontempi, uno studio a Gaiano e una fama internazionale, si occupa di architetture tradizionali di nuova fondazione, come di progetti di restauro e ricostruzione, e di pianificazione urbana. Con una gentilezza da ultimo umanista. Che mira a rimettere l’uomo al centro e a disegnargli attorno un ambiente di grande piacevolezza estetica e responsabilità etica.
«Quando ho saputo di aver vinto il premio, oltre all’immensa soddisfazione, che mi ricompensa dell’ingratitudine del mio Paese, mi sono posto due domande», confessa. «Come ho fatto a meritarlo? Visti gli illustri nomi prima del mio, come Leon Krier o El-Wakil... Forse, il fatto che nel voluminoso The Language of Towns & Cities di Dhiru Thadani, pubblicato da Rizzoli International qualche anno fa, il mio progetto per l’isolato di Place de Toscane a Val d’Europe, a 30 chilometri da Parigi, sia quello cui sono state riservate più pagine deve aver influenzato favorevolmente la giuria...».
Place de Toscane, in effetti, è un confortante esempio di classicità moderna. Gli edifici, tutti diversi tra di loro e progettati nello spirito dell’architettura locale dell’Ile de France, ma con la sensibilità di quella italiana, si affacciano su un’amabile piazza ellittica delle dimensioni dell’anfiteatro romano di Lucca. «Poi, mi sono chiesto: e se fossimo nel 1540? I possibili vincitori italiani sarebbero stati Michelangelo, Palladio, Vignola, Serlio... Be’, oggi posso anche dire di essermelo meritato questo premio, ma allora sarebbe stata una gara molto più difficile!».
Tra le motivazioni per cui questo signore dall’eleganza cinquecentesca e dalle idee lungimiranti ha vinto il Driehaus, non c’è solo l’armonia con cui i suoi interventi uniscono architettura e urbanistica, mettendone in luce il profondo legame, ma anche l’«original green», ossia il rispetto per l’ambiente.
«Sulla sostenibilità c’è un fraintendimento colossale... Va intesa in senso più ampio: un edificio che duri mille anni, sia flessibile, sobrio e renda felice la vita delle persone è certamente ecologico...». Insomma, tra il Beaubourg, lungamente restaurato, e il Pantheon, in perfetta forma da secoli, la palma della sostenibilità va di sicuro al secondo.
«Nel ricevere questo premio dal respiro mondiale, penso al nostro Paese, sfortunato e bistrattato: in tremila anni abbiamo costruito il più grande capolavoro al mondo, ossia il paesaggio italiano, e in settanta ci siamo impegnati a distruggerlo... Benché la mia energia, come architetto, non abbia confini, sarebbe impegnata al meglio se riuscissi a far riflettere, qui in Italia, che un’altra modernità, in continuità con la tradizione, potrebbe fornire un modello di rigenerazione e di uscita da questa crisi di identità che stiamo vivendo». Forse, con l’incarico per la costruzione del Labirinto di Fontanellato per Franco Maria Ricci, sta già mostrando come un’architettura che arricchisca il paesaggio, e non lo impoverisca, sia ancora possibile. Bontempi, purtroppo, è un «nemo propheta» da manuale. «Il museo dell’Università di Notre Dame potrà essere il luogo a cui donerò i miei disegni e acquerelli, perché in Italia un posto che desideri riceverli non c’è...». Peccato. Perché lui ha sempre fatto tana al futuro. Un dono naturale. All’inizio degli anni Ottanta, faceva parte del celebre gruppo Alchimia, allora la massima avanguardia del design. Oggi, a trent’anni di distanza e anni-luce da quel pensiero, sembra al passo col passato, ma è straordinariamente moderno. E questo premio lo dimostra.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Parma

Grave un pedone investito alla Crocetta

Via Imbriani

Vende 1.600 dosi in pochi mesi: condannato a 4 anni

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

2commenti

Droga

San Leonardo, stavolta niente «rito»

13commenti

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

1commento

tg parma

Formaggio contraffatto: 27 indagati, l'inchiesta coinvolge Tizzano e Torrile Video

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

Tragedia

«Giovanni adesso è insieme a Dio»

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

3commenti

Imprenditori

Morto Primo Ferrari, una vita per il latte

CALCIO

Buffon a quota 1000

Fidenza

Sottopasso, i residenti propongono un progetto alternativo

CONCERTO

Mario Biondi al Regio, voce e ricordi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

TREVISO

19enne uccide la ex: era incinta di sei mesi

MILANO

"Ho rotto il femore a un'anziana per allenarmi": primario accusato di lesioni

SOCIETA'

COLORNO

Con il Fai a scoprire l'appartamento del duca don Ferdinando Fotogallery

Luca Donadel

"La verità sui migranti": il video che fa discutere il web

5commenti

SPORT

F1: SI PARTE

Il calendario 2017 e le dirette tv

LA POLEMICA

Cipollini disintegra il ciclismo italiano

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

LA PROVA

Fiat 500L Living a metano