16°

31°

libri

Magris e il volto buio di Trieste

Claudio Magris

Claudio Magris

Ricevi gratis le news
0

In un libro intervista che Claudio Magris rilasciò a Marco Alloni per l'editore Aliberti nel 2011 lo scrittore confessò: «Il nostro dovere morale non è dunque quello di avere la veste candida. Ma, se necessario, anche di sporcarla: per esempio per fasciare una ferita o pulire un pavimento». Il libro s'intitola «Se non siamo innocenti» e tale potrebbe essere anche il titolo o il sottotitolo del nuovo romanzo di Magris «Non luogo a procedere» (Garzanti editore) che fissa una volta per tutte, e proprio con la complicità degli interrogativi morali, la condizione dello scrittore nella vicenda che qui si narra del professore Diego de Henriquez «geniale e irriducibile triestino di vasta cultura e accanita passione che si è dedicato tutta la vita (1909-1974) a raccogliere armi, materiale bellico di ogni genere per costruire un originale, debordante Museo della Guerra che servisse, tramite l'esposizione di tanti strumenti di morte, alla pace». Ecco gli interrogativi morali. Ad essi, Magris abbina il cuore pulsante della storia che, come si sa, è offesa (torna l'immagine vittoriniana del «mondo offeso»), è dolore, è coraggio, è sangue, è morte. Le armi danno la morte: esporle, farle vedere e toccare avventurandovisi in mezzo costituisce il valore del Museo - museo di orrori, ma anche di sagge sentenze - che Luisa avrà il compito di descrivere, commentare e tradurre in Storia. L'idea centrale del romanzo ci sembra questa, ed è una idea che cominciò a circolare fino dalle pagine di «Illazioni su una sciabola» del '74 per finire di sublimarsi in «Alla cieca» vent'anni dopo, quando Magris dà voce a Jorgen Jorgensen re d'Islanda che poi sarà recluso, partigiano, clandestino, fuggitivo e cybernauta. Tornano i personaggi e tornano i paesaggi. Il Museo della Guerra stupisce Luisa che naviga fra appunti, foglietti volanti e scarabocchiati, diari risalenti all'adolescenza o agli ultimi mesi recuperando poi consapevolezza e coraggio proprio dagli oggetti: «cannoni, autocarri, zagaglie» dalla presenza cupa e arrugginita, vestigia di un orrore che tace ormai dentro la pace della nostra indifferenza. ma si faccia attenzione: la storia del Museo e quella del forno crematorio della Risiera di San Sabba sono solo un aspetto - e sarei tentato di dire nemmeno il più importante - del romanzo. Sono il risvolto esterno di una tremenda realtà: quello interno è l'errore di credere che si possono evitare le guerre e che gli inviti alla fratellanza, all'amicizia tra i popoli e alla pietà possano, un giorno, far tramontare l'odio e la violenza tra gli uomini. «Non luogo a procedere» (titolo quanto mai emblematico) è proprio questo, è l'indicazione di fondo che nelle sale del Museo si dispiega silenziosamente come una profezia: il «forno crematorio» è, in realtà, dentro di noi, bruciamo gli altri e ci bruciamo. Perché è vero che un romanzo racconta, ma è altrettanto vero che un romanzo degno di questa definizione ci obbliga a pensare: le vittime di San Sabba sono ancora qui a chiederci il perché dei silenzi che ci avviliscono e ci impediscono di parlare, di confessarci. Ecco: il romanzo di Magris è, alla fine, una tremenda confessione: quella che Luisa pazientemente ricostruirà dalla grande fotografia del T-34 che lo mostra di fronte simile ad un «enorme pachiderma che sbarra la strada a un'immensa pianura alle sue spalle» sino alla tremenda domanda che spunta nel capitolo 34 e nella quinta «Storia di Luisa» che pensa «Come includere la morte, ogni forma di morte, come includerla veramente, tangibile e presente, come un cadavere, nel Museo? Senza la morte, il Museo, anche con le sue armi di morte, è monco; non solo incompleto, ma privo dell'essenziale». Torna, allora, il nobile motivo della rivolta, del dolore e del canto, tornano, infatti, i versi di Quasimodo «Alle fronde dei salici», e tornano, anzi ritornano, i motivi dei «taccuini» che confondono arie e dolori con quelli del mare nel vallone di Muggia, della biancheria lavata nella «lavanderia mobile del campo» e il «Fetore pure nelle stive negriere gonfie di corpi regrediti a embrioni del ventre della Storia», che Magris allontana e avvicina ritmicamente come un respiro di ordine universale oltre San Saba, oltre l'ultima guerra e i suoi orrori, oltre il «Mangiare carne, palpare carne, macellare carne. Non si fa economia di carne, ai festini della morte. Corruzione della carne. Dopo morta, sotto terra o coperta dal fango della trincea»; una sorta di Gulaschkanone, un cassone che porta grandi pingui marmitte per la cucina da campo. Che è una specie di ironia quale Magris illumina d'improvviso poiché anche la tragicità dell'«epoca barbarica della storia», scrive Steiner parlando del romanzo, ha una sua involontaria ma bruciante sarcasticità che Magris non nasconde evidenziandone semmai una misteriosa intima pietas, quella che prende il personaggio di Luisa verso la fine del racconto imponendo una sorta di poetico ricordo («Talvolta pensando a suo padre e a sua madre - e, come una piccola morte al cuore a se stessa - Luisa immaginava come dovevano essersi sentiti Adamo ed Eva e i loro discendenti usciti dall'Eden, faticosamente avviati a errare, a desiderarsi e a fuggirsi, amarsi e ferirsi») che avvolge il dramma di San Sabba e del forno crematorio in un nome universale che sprofonda nel Tempo e in quella Trieste-Universo che resta il segreto dell'intero libro non circoscrivibile solo nel genere del romanzo, ma dilatato sul gran teatro degli anni e delle vicende a disegnare il Museo delle macchine in attesa dell'insurrezione antinazista di don Marzari con i suoi due fischi di sirena, per dare «Morte alla morte che dà morte», ultima e imprescindibile speranza della nostra vita mai così amaramente e convintamente celebrata come in queste pagine d'amore e di preghiera.
Non luogo a procedere
di Claudio Magris
Garzanti ed., pag. 362, 20,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Modifiche alla viabilità in occasione delle partite del Parma

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

5commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

9commenti

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

opening day

Sport, italianità e lealtà: venerdì taglio del nastro della B al Tardini

Prima del match Parma-Cremonese cerimonia con giuramento dei capitani e inno nazionale

1commento

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

6commenti

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Governo

Politiche sull’acqua: Berselli nominato alla guida del nuovo distretto padano

Accorpate le vecchie autorità di bacino, la sede del nuovo distretto resterà a Parma

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

1commento

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

3commenti

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

11commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

13commenti

ITALIA/MONDO

SALUTE

Caso sospetto chikungunya-dengue importato a Reggio

Italia

Terrorismo, forze dell'ordine armate anche fuori servizio

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente