18°

cultura

Passo Buole, eroi parmigiani

Protagonisti di quei giorni furono la Brigata Sicilia, la Brigata Taro e altre unità di combattimento composte in gran parte da soldati delle nostre terre

Passo Buole, eroi parmigiani
0
 

«Su queste sacre Termopili / caddero e vinsero / i fanti parmensi». L’obelisco e la targa che, a Passo Buole, ancora oggi commemorano l’epica battaglia del maggio 1916, rendono onore ai ragazzi e agli uomini che da Parma e provincia ingrossarono le fila del nostro esercito, insieme ad altri, provenienti da ogni angolo dello Stivale. Furono in particolare protagonisti di quei giorni il 208° Reggimento Fanteria della Brigata Taro, tra le cui fila militavano numerosi parmigiani, che lottarono con accanimento sulla dorsale del Monte Zugna (Coni Zugna); il 67° Battaglione di Milizia Territoriale, composto da più maturi padri di famiglia, non destinati alla prima linea, ma lì condotti dalle necessità di guerra; e soprattutto la Brigata di Fanteria Sicilia, 61° e 62° Reggimento, che aveva sede proprio a Parma. Il 15 maggio 1916 l’esercito austroungarico diede inizio a una vigorosa offensiva, la cosiddetta «Strafexpedition» (spedizione punitiva), contro l’Italia, dalla Vallagarina (cioè la Valle dell’Adige nella zona di Rovereto) alla Valsugana. Lo scopo? Fare irruzione nella pianura veneta e chiudere in una enorme sacca la gran parte dell’esercito italiano schierato ad est, sull’Isonzo e sul Carso. I combattimenti iniziali dell’offensiva si concentrarono, quindi, a Passo Buole, a sud del Monte Zugna, a pochi chilometri da Rovereto. Proprio Passo Buole fu difeso con straordinario accanimento, insieme ad altri reparti, dalle unità composte in gran parte dai militari parmensi, che usarono sia le armi ordinarie, sia ciò che, in quella disperata situazione, poteva essere loro utile: dai sassi ai rottami di trincea. Inoltre, non esitarono nemmeno a lanciarsi in coraggiosi contrattacchi alla baionetta. Così gli austroungarici dovettero fare i conti con un’imprevista, furibonda resistenza. Furono giorni concitati, quelli della fine del maggio 1916, per il Paese e per i nostri concittadini, ma c’è una data che resta indelebilmente scolpita nella memoria collettiva: quella del 30 maggio, quando la battaglia raggiunse il suo culmine e le Brigate Sicilia e Taro diedero prova di vero e proprio eroismo. Di quei giorni, di quelle ore ci restano appassionate testimonianze che restituiscono lo slancio dei parmensi in guerra. Ad esempio, nel libro «Il 62° Regg. Fanteria al Passo di Buole (19-31 maggio 1916)», il colonnello Mafredi Renzi annotò: «A q. 1500 la mischia divenne furibonda, a corpo a corpo. Agli “Urrà” dei Landesschützen, rispondevano le grida fatidiche di “Viva l’Italia”, “Di qui non si passa” dei nostri e tante invettive nel pittoresco dialetto parmigiano».

Al termine dei combattimenti, durati più giorni, davanti a Passo Buole giacevano a centinaia i caduti italiani ed austroungarici, ed i miasmi di quel carnaio appestarono il Passo per tutto il mese di giugno, come riportano numerose testimonianze. Ma quel sacrificio impedì al nemico l’irruzione nella pianura. Fu il primo punto dove venne arrestato il fronte dell’offensiva austroungarica, che invece proseguì sull’altipiano di Asiago sino al 16 giugno. Il plauso per l’impresa di Passo Buole, ribattezzata «Termopili d’Italia», arrivò sia dalla stampa sia da alte personalità politiche.

Da Parma lo stesso sindaco Olivieri intervenne: «Sindaco Parma, sede reggimenti 61° e 62°, associasi orgoglioso plauso per atti di valore eroici reggimenti già provati in questa vibrante guerra per meritata distinzione che conferma tradizione gloriosa soldati d’Italia uniti in unica sede per la vittoria della Patria, per il trionfo dei diritti di civiltà». Anche gli assessori Pancrazzi, Clerici e Baracca, a nome della giunta municipale, inviarono un messaggio, interpretando i sentimenti di una «Parma fieramente orgogliosa» e omaggiando così gli «eroici figli delle terre parmensi».

Recuperando i bollettini ufficiali di quei giorni, si coglie il crescendo del pericolo e la notevole dimostrazione di eroismo. «In Valle Lagarina, - si legge nel bollettino del 28 maggio 1916 - l’avversario moltiplica gli sforzi accumulando perdite dinanzi alle nostre posizioni, senza menomamente scuotere la salda resistenza delle nostre valorose truppe. La sera del 26, respingemmo un violento attacco contro le nostre linee a sud del Rio Cameras. Nella notte del 27 e il mattino successivo altri tre attacchi in direzione di Passo Buole furono parimenti ributtati». E ancora nel bollettino del giorno successivo si spiega, tra l’altro, che «nella notte del 28 ed il mattino successivo, l’avversario rinnovò, contro le nostre posizioni tra l’Adige e Vallarsa, ostinati, sanguinosi attacchi costantemente infranti […]».

Ma è soprattutto nel bollettino del 31 maggio che emerge il culmine della battaglia e l’eroismo dei fanti parmigiani trova esplicita menzione: «Ieri, nuovi violenti attacchi […] furono rigettati con lo sterminio delle colonne assalitrici. La lotta ebbe maggior durata e accanimento verso il Passo di Buole, dove le animose fanterie del 62° (brigata Sicilia) e del 207° (brigata Taro) saltarono fuori più volte dalle trincee ricacciando l’avversario alla baionetta». E ancora il giorno successivo si comunica, tra l’altro, che «nel pomeriggio l’avversario tentò ancora contro il Passo di Buole un attacco di sorpresa, anche questo fu respinto dai nostri alla baionetta». I nostri soldati dimostrarono così di essere pronti a sacrificarsi per l’Italia. E portarono a termine con successo la loro impresa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Al funerale di Cino Tortorella canterà ai il Piccolo Coro dell'Antoniano

Cino Tortorella

MILANO

Domani il funerale di Cino Tortorella: canterà il Piccolo Coro dell'Antoniano

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Il Parma torna alla vittoria: 4-1 a Gubbio. E' al secondo posto in classifica

LEGA PRO

Il Parma vince 4-1 a Gubbio e sale al secondo posto Foto

Gol di Calaiò e Nocciolini; autorete dei padroni di casa e infine gol di Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino

1commento

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

6commenti

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

20commenti

Dai lettori

"Borgo delle Colonne e piazzale D'Acquisto: parcheggi selvaggi ma niente multe di notte" Foto

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

6commenti

Il commosso addio di Collecchio a Graziella

l'appello

La figlia del partigiano Ras: "Vorrei trovare la famiglia di Parma che lo ospitò" Video

1commento

podisti

Tutti i protagonisti della Manarace di Fontevivo Foto

Collecchio

Ladri incappucciati messi in fuga dai residenti  

1commento

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

1commento

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Gubbio-Parma

D'Aversa: "Abbiamo saputo sfruttare le occasioni" Video

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017