EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

Michele Brambilla

Michele Brambilla

Ricevi gratis le news
17

Gli italiani, specie quelli che hanno ormai qualche decennio, sono abituati alle dimissioni di presidenti del Consiglio. L'uscita di scena di Renzi, tuttavia, ha caratteristiche particolari. L'ex sindaco di Firenze era entrato in politica, anzi aveva fatto irruzione in politica, con la forza esplosiva del nuovo che avanza. Era il rottamatore, era il ricambio generazionale, era l'uomo che avrebbe cambiato la sinistra piacendo anche a destra. Sembrava destinato a un futuro luminoso. Ancora la scorsa settimana, Silvio Berlusconi gli ha riconosciuto di essere «l'unico leader in circolazione».
Eppure, il referendum l'ha travolto. Non è una sconfitta che si possa spiegare solo con quel che pensano gli italiani della riforma costituzionale. È, invece, il frutto di una serie di errori che Renzi ha lasciato sedimentare nel tempo e che gli hanno fatto perdere la carica di simpatia che aveva accompagnato la sua ascesa.
Il primo errore è stato il modo con il quale è entrato a Palazzo Chigi. Non tanto perché non è stato eletto dal popolo (non è certo l'unico) quanto per aver “pugnalato” nella schiena Enrico Letta, dopo averlo rassicurato con l'ormai famigerato #enricostaisereno. Quella manovra di Palazzo, così diversa dal renzismo delle origini, è il peccato originale, mai superato.
Il secondo errore è stato quello di aver costruito una squadra di governo di amici: più obbedienti che competenti. Il terzo, l'insieme di atteggiamenti un po' duceschi, che negli italiani hanno instillato sentimenti più di antipatia che di consenso. Il quarto, l'aver avuto troppa fretta nel fare le riforme - forse per una vocazione a voler bruciare le tappe - finendo con il raffazzonarle, e legando ad esse il suo destino.
Eppure, non è affatto detto che la sua uscita di scena di ieri sia definitiva. Intanto perché i suoi rivali, cioè i leader del Fronte del No, sono (li abbiamo visti sfilare in tv subito dopo i risultati) i seguenti: Matteo Salvini, l'uomo che a Milano voleva sui bus posti per bianchi e posti per neri; Di Maio, convinto che Pinochet sia stato dittatore in Venezuela; Di Battista, convinto che la Costituzione sia stata «approvata nel '48 a suffragio universale»; Bersani, che ha chiesto agli italiani di bocciare al referendum una riforma che aveva approvato tre volte in Parlamento; Berlusconi e D'Alema, non più - diciamo così - di primo pelo. Tutte persone, poi, che insieme attorno a un tavolo non si metterebbero neppure per giocare a scopa.
Ecco perché non è detto che Matteo Renzi sia destinato a tornare a vita privata. Ha 41 anni, ha carisma, capacità, energie e un credito internazionale che un Grillo - il suo rivale più forte in termini di voti - non ha e non avrà mai.
Ma soprattutto non mancano le basi per una rivincita. Matteo Renzi, paradossalmente, esce di scena nel momento in cui ha raccolto il maggior numero di voti. Il 40 per cento di “sì” (sul 70 per cento di votanti) è molto più dei voti che il Pd prese alle Europee di due anni fa; e sono tutti voti personali, suoi, visto che al referendum correva solo. Mai nessun leader ha avuto tanto consenso. Sono voti che Renzi può tentare di rivitalizzare.
Il discorso della mezzanotte di domenica è stato uno dei due migliori della sua carriera. L'altro è quello che pronunciò a Firenze, alla Fortezza da Basso, la sera in cui perse le primarie contro Bersani. Sono due discorsi da sconfitto. Ma un grande condottiero lo vedi per come sa perdere. Se anche questa volta saprà trarre insegnamento dalla sconfitta sentiremo ancora parlare di Renzi.
michele.brambilla@gazzettadiparma.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Emiliano

    08 Dicembre @ 09.35

    Se mantenesse la sua promessa Renzi dovrebbe uscire dalla politica, così ha dichiarato in televisione...ma avrà sicuramente detto la sua ennesima bugia.

    Rispondi

  • Berta

    08 Dicembre @ 09.10

    @ivo: Battista non so, ma Di Maio (Giggino O' Ripetente) non sa parlare neanche in italiano, quindi dubito che parli correttamente l'inglese. Congiuntivi zero, geografia non pervenuta: non sa neanche dove sono il Venezuela e il Cile... Berlusconi invece bisogna ammettere che parla stupendamente in francese. L'unico politico veramente poliglotta era Enrico Letta, che ha studiato se non sbaglio a Bruxelles in un'università internazionale. Di Maio ha a malapena un diploma e Battista forse, se va bene, parla in itagnolo, visti i soggiorni in America Latina.

    Rispondi

  • masF

    07 Dicembre @ 22.35

    Per carità, di questi “Grandi Comunicatori” sono veramente stufo. Qui si tratta del Grande Impostore, anzi dell’IMPOSTORE. Punto. E’ il classico caso del “comprereste un’automobile usata da quest’uomo?”. No, non comprerei MAI un’auto usata da costui. Sarebbe capace di offrirmi una macchina PRIVA DI DUE RUOTE, spiegandomi che sarebbe un affarone, mi farebbe risparmiare un sacco di soldi grazie al “superamento del quadriruotismo perfetto”…

    Rispondi

    • Biffo

      08 Dicembre @ 10.03

      masF, io sono nato nel lontanissimo 1945; ma dai miei, prima, e per esperienza personale, poi, non ti saprei ricordare un solo politico sincero, capace di mantenere le promesse fatte e mai mantenute. Tu, invece, me ne sapresti citare anche solo uno? Magari uno di quei Soloni che tirano il carro dei votanti per il No, come Salvini, Meloni, La Russa, Brunetta, Berlusconi, Grillo?

      Rispondi

  • Betti

    07 Dicembre @ 14.27

    Renzi è un grande comunicatore ed è questa la sua fortuna, purtroppo è anche il contrario. Parla come un bravo formatore di venditori, ma dopo un corso, è sempre uguale e perde di credibilità. Aggiungiamoci una esagerata autostima e il gioco è fatto. Non la vedo come una battaglia politica persa, ma come una battaglia personale persa.

    Rispondi

  • Ivo

    06 Dicembre @ 17.00

    Si fa notare L errore di Di Maio o Di Battista , ma almeno oltre a non aver nessun problema con la giustizia , sanno parlare inglese . Un Renzi che spara slide di super cazz..,le , sempre smentite da corte costituzionale, INPS, istituti di ricerca ecc ecc ecc , e più credibile di loro vero direttore ? La sua simpatia per il venditore e ormai conosciuta a tutti ( dubito .., per L ennesima volta che questo mio commento non sia censurato ) uno che ha spostato direttori a suo piacimento , che ha voluto cambiare la costituzione con Verdini .., ciaoone a tutti

    Rispondi

    • 06 Dicembre @ 17.37

      Non censuriamo. Ma le faccio notare che l'inglese di Renzi non é il massimo ma è quanto meno accettabile. Ben più di quello di Berlusconi AT

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene record, perché e come è succeso

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è succeso

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perchè Parma non capì il suo talento?

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS